Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
Previous Next

 

Un'area verde con rocce e piante a San Donato
In un anno il WWF passa dal progetto alla realtà
e inaugura i sentieri del Parco Treppalle

11 maggio 2017. Poco più di un anno fa, nell'ambito del bilancio Partecipativo promosso dal comune di San Donato, il Wwf Sud Milano si era imposto con 774 voti per il progetto Treppalle, ovvero un parco moderno per SDM, teso alla riqualificazione del grande rettangolo verde che corre lungo viale De Gasperi.
Il progetto prevedeva quattro "punti forti": la realizzazione de La Porta del Parco, con l’accesso principale da viale de Gasperi al Parco tramite una struttura per educazione ambientale, studio, lettura...ma anche dove fare feste e grigliate; una pista da skateboard o ciclocross; la realizzazione del Sentiero Geologico, ovvero la storia geologica della nostra regione attraverso un percorso ragionato; la realizzazione del Percorso Botanico: nel parco ci sono tante essenze poco conosciute e sorprendenti, tutte da scoprire camminando nel prato e bosco leggendo bacheche e pannelli.
Domenica scorsa tutto c'è stata l'inaugurazione del percorso Geologico e di quello botanico del Parco di Treppalle. "Riteniamo che quanto realizzato -dichiarano dal WWF Sud Milano- sia un obiettivo raggiunto: un anno fa in occasione del Bilancio Partecipativo abbiamo recepito idee sul parco proposte già da tempo, come ad esempio quella del professor Gelati congiuntamente alle nostre, e le abbiamo integrate in una proposta organica volta all’ulteriore valorizzazione di questo parco in cui abbiamo sempre visto le grandi potenzialità per l’intera comunità. Il nostro impegno ha fatto si che, ad esempio, negli anni 2003-2005 quest’area fosse un’oasi riconosciuta dal WWF Italia".
Fin dalla fine degli anni ‘80 il WWF aveva immaginato il destino di quest’area come quello di un grande parco inserito nel tessuto urbano di San Donato, ma capace di conservare un alto contenuto naturalistico, ovvero un parco più simile a quelli esistenti nell’Europa centrale e settentrionale, piuttosto che alla tradizione urbana Italiana. "Oggi questa visione, che nel corso degli anni ha avuto numerosi importantissimi riconoscimenti, soprattutto da parte delle varie Amministrazioni comunali, si è concretizzata ed è una bellissima realtà: d’ora in poi cittadini, associazioni, scuole e Amministrazioni saranno tutti chiamati affinché cresca e sia vissuto da tutti", aggiunge il WWF.

Tra pietre e fiori, una natura che non ti aspetti

Si consiglia vivamente di andare a visitare i due percorsi, in particolare quello geologico, caso unico del suo genere in Italia. Unico nel senso che le rocce lombarde esposte, non sono del posto, ma "alloctone" e collocate secondo una successione logica.
"Ma visitate -conclude il WWF- anche l'altro percorso con schede botaniche delle essenze arboree e arbustive tipiche e più significative della Val Padana presenti nel parco. Non sarà sfuggito a chi frequenta il parco che il prato centrale è stato tagliato lasciando delle parti con erba alta: in sostanza invece di tre tagli annuali se ne farà solo uno. Si è scelto di fare ciò in modo da permettere il completamento del ciclo vegetativo delle essenze erbacee, creando così le condizioni tipiche del prato da sfalcio lombardo e permettendo al tempo stesso la sopravvivenza di insetti e bruchi di farfalle, che altrimenti non potrebbero sopravvivere. La nostra associazione ringrazia tutti coloro che hanno concorso a realizzare questo ambizioso progetto, a tutta la società di San Donato, ma non solo, il compito di farlo vivere e tutelarlo".
E noi, da parte nostra, non possiamo che ringraziare il WWF Sud Milano, che da trent'anni continua a progettare e gestire aree verdi nel Parco Agricolo Sud Milano, rendendolo - con alacrità e impegno- più vivo e più bello.

Aggiungi commento


Il video del mese

Il  video del mese è dedicato all'agricoltura nel Parco. Infatti, nei mesi estivi richiede ancor di più la presenza dei contadini, che potranno forse godere di una vacanza nel periodo invernale. Con i suoi 47mila ettari, di cui 35mila coltivati, il Parco Agricolo Sud Milano continua a dimostrare di essere un motore per l'economia locale: oltre un migliaio di aziende di cui circa 70 all'interno di Milano. Le aziende agricole non si occupano solo di agricoltura, zootecnia o trasformazione dei prodotti: le loro cascine sono ormai aperte all'ospitalità con agriturismi, ristorazione, didattica per tutte le età. E molto altro. Per chi in agosto fosse qui, potrebbe essere un'opportunità visitarne qualcuna: nel nostro sito trovate i loro indirizzi e le peculiarità che le distinguono. Altrimenti a settembre... Altri spunti per gite fuori li potrete trovare nella rubrica Comuni e bellezze nel Parco Sud.

L'Associazione per il Parco Sud Milano partecipa al coordinamento di 450 associazioni europee che sta promuovendo una petizione europea. Chiediamo un quadro legislativo che tuteli i suoli europei dall'eccessiva cementificazione, dalla contaminazione, dall'erosione, dalla perdita di materia organica e dalla perdita di biodiversità.

Il suolo deve essere considerato un bene comune. Se il tuo comune è insensibile, se la Regione ci prende in giro, se il Governo latita...VAI su https://salvailsuolo.it/ e FIRMA

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano