Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
Previous Next

Copertura della roggia Corio
anche i cittadini di Assago sono contro
e promuovono una petizione: firmiamo

10 giugno 2017. Non è la prima volta che scriviamo su questo sito della roggia Corio, ripetutamente oggetto di casi di inquinamento nel Comune di Assago, oggi risolti, nonché di progetti di copertura. Su quest'ultimo punto, già nel maggio del  2016 la nostra associazione, unitamente al Comitato Occhi Aperti di Rozzano, aveva scritto una lettera a diversi enti (vedi sotto) per scongiurare la copertura della roggia in un tratto che attraversa il Comune di Assago.
Tra i tanti, solo quest'ultima amministrazione ci aveva risposto, adducendo "l'esigenza di garantire uno standard di sicurezza insieme a quella di mantenere l'alberatura presente composta da un fitto filare di aceri di 40 anni".
In questi giorni siamo venuti a conoscenza che altre persone, abitanti nel comune di Assago, hanno a cuore il tema e hanno promosso una petizione, rivolta al sindaco della cittadina, per evitare che la roggia venga tombinata. Questa la risposta a Davide Gelmini, promotore della petizione, ricevuta dall'amministrazione:
"Le motivazioni riguardano nuove esigenze progettuali la sicurezza della mobilità sostenibile comunale e sovracomunale. Il tratto è inserito nella rete ciclopedonale particolarmente utilizzata per gli spostamenti casa-lavoro nell'area tra Rozzano - Assago e Buccinasco - Corsico e l'alveo è caratterizzato da una particolare situazione di criticità. La copertura nell'ambito della programmazione del completamento della rete ciclopedonale, permetterebbe altresì di evitare l'abbattimento di circa 10 aceri ultra trentennali di particolare pregio."
Alla luce delle nuove motivazioni portate dall'amministrazione, intendiamo chiedere un appuntamento con la stessa al fine di poter visionare il progetto. Valuteremo la sostenibilità del progetto: nel frattempo, però, vi invitiamo a firmare la petizione qui riportata

 

Lettera inviata dalla nostra associazione il 5 maggio 2016

 

Spettabile assessore Ambiente Regione Lombardia
Spettabile sindaco Città metropolitana
Spettabile consigliere delegato Ambiente Città metropolitana
Spettabile presidente Parco Agricolo Sud Milano
Spettabile Consorzio Bonifica Est Ticino Villoresi
Spettabile sindaco Comune di Assago,
Spettabile sindaco Comune Opera
Spettabile sindaco Comune Pieve Emanuele
Spettabile sindaco Comune Rozzano
Spettabile Istituto Clinico Humanitas
    
Gentili Signori,

la nostra associazione, unitamente al Comitato Occhi Aperti di Rozzano, segue con attenzione la qualità delle acque della Roggia Corio che, dopo aver attraversato 4 comuni e passato rasenti a un ospedale, vengono utilizzate massivamente in agricoltura. Dopo le reiterate segnalazioni agli Enti preposti sul cattivo stato di salute di queste acque, riteniamo condivisibile il progetto di Cap Holding e del comune di Assago sulla riqualificazione dei corsi d’acqua Corio e Cavo Pobbiera.

In tale contesto, stride però l’intendimento dell’Amministrazione di Assago di coprire i tratti scoperti della Roggia Corio nell’abitato di Assago. Troppo generici ci sembrano i motivi addotti “di sicurezza e di igiene ambientale”: con i transennamenti esistenti, eventualmente migliorati, non ravvediamo problemi di sicurezza, mentre sull’igiene ambientale la tombinatura ha un effetto controproducente, più o meno come nascondere la polvere sotto il tappeto. Se, infatti, non fossero stati presenti i tratti attualmente scoperti, sarebbe stato molto più difficile o impossibile trovare le cause e approntare le soluzioni che Cap Holding sta attuando per ristabilire un livello di qualità accettabile alla Roggia Corio.

Insomma, una roggia scoperta in centro abitato consente di avere una migliore qualità ambientale delle acque, che con l'ossigenazione abbattono la carica organica, e di poter intervenire celermente in caso di scarichi o allacci abusivi. All’opposto, la copertura significa scaricare a valle i problemi di eventuali morie di pesci, miasmi (ricordando l’attraversamento dell’area ospedaliera dell’Humanitas) e irrigazioni di campi agricoli con acque inquinate, mettendo a rischio la salute pubblica.
Una beffa, tanto più ora che la città di Milano sta discutendo seriamente di riaprire i tratti coperti dei Navigli nell’abitato.

Chiediamo pertanto:
· al comune di Assago di riconsiderare il progetto di copertura;
· agli Enti preposti e ai soggetti a valle lungo il corso della Roggia Coria di esprimere la propria contrarietà al progetto.

In attesa di vostri riscontri, vogliate gradire i più cordiali saluti


Renato Aquilani
presidente Associazione per il Parco Sud Milano

Aggiungi commento


Il video del mese

Il Parco Agricolo Ticinello, con i suoi 88 ettari, è il quarto per superficie dei parchi milanesi. Un vero gioiello per tutti i milanesi. L’area confina a Sud con via Selvanesco, a Nord con via Dudovich, a Ovest con l’area verde urbana di via Romeo e a Est con la rimanente area agricola sud milanese. Il Parco Ticinello fa parte del Parco Agricolo Sud Milano. La sua unicità risiede però nel suo carattere agricolo, l’elemento caratterizzante e valorizzante di questo parco urbano è il coesistere di attività agricola e utilizzo pubblico. Permangono all’interno del Parco due cascine, Cascina Campazzo e Cascina Campazzino, a testimonianza della vocazione strettamente agricola della valle del Ticinello. L'associazione del Parco del Ticinello è molto attiva e organizza eventi culturali, didattici e di recupero della storia rurale. http://www.parcoticinello.it/. Per il video ringraziamo Roberto Schena

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano