Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
Previous Next

Quando il troppo stroppia:
progetto di 3.000 orti, 1.500 parcheggi e annessi
sconvolge la periferia milanese nel Parco Sud

12 giugno 2017. Non abbiamo nulla in contrario agli orti. Anzi, sono un elemento di transizione tra città e campagna pienamente compatibile con le finalità del Parco Sud. Ma qui sono le dimensioni e gli annessi che ci spaventano. Facciamo un esempio per capirci al volo: ben vengano i campi di calcio nel Parco, per incontri parrocchiali o per le classiche scapoli-ammogliati. Ma uno stadio olimpico o di serie A, con i relativi mega parcheggi e attività commerciali annessi, è incompatibile con la fruizione e le altre funzioni di valorizzazione del territorio.
Tornando a bomba: è stato presentato al Municipio 5 un progetto della società Dedalo, del costruttore bergamasco Locatelli, che su 33 ettari (ovvero 330mila mq, pari a una quarantina di campi di calcio, per rimanere nella metafora sportiva) di aree agricole del Parco Sud affacciate sulla via Selvanesco a Milano, intende realizzare 3.000 orti -ognuno di 70-120 mq-, palestra, zona eventi, area ristorazione e -ciliegina sulla torta- 1.500 parcheggi. Il progetto avrebbe avuto l’assenso del Municipio 5 anche se, nonostante le reiterate telefonate, non abbiamo avuto la conferma ufficiale, soprattutto perché non risponde nessuno.

I perché della contrarietà

Nel complesso, il progetto appare faraonico e snaturante delle finalità del Parco Sud. Su questa vasta area oggi agricola si vanno a impiantare 3.000 orti, pari a circa 250mila mq, con un’occupazione di suolo che, per dimensioni, non ha eguali. Si comprende perciò che quasi un quarto del progetto sia costituito da parcheggi, vasti quanto quelli di un centro commerciale. Per rendere più remunerativo il progetto si sono poi i servizi annessi: palestra, centro ritrovo-eventi, chioschi e ristorazione, di cui non è ancora chiaro il consumo di suolo.
Le nostre contrarietà si confermano e rafforzano osservando come il progetto impatta sul territorio. Innanzi tutto, la complessità del perimetro (vedi piantina, di cui ci scusiamo per lo scarso dettaglio ma è l’unica che per ora abbiamo) si spiega con un fatto importante: sono state ritagliate ed escluse tutte le aree problematiche di via Selvanesco, assurta agli onori della cronaca per le discariche e le attività illegali durate decenni e non ancora completamente sanate. Quindi il progetto non va a toccare e riqualificare le aree problematiche: ci si limita a girarci intorno.
Secondo aspetto impattante sarà la viabilità. Via Selvanesco è una strada poco ampia (due corsie entrando da via dei Missaglia, che diventano una andando verso via Ripamonti). È materialmente impossibile che possa perciò sopportare ulteriore traffico generato da migliaia di orti. Ampliarla significherebbe stravolgere uno dei più indisturbati territori agricoli del Parco Sud nella città di Milano, ovvero, aggiungere danno al danno.
Ultimo aspetto, ma non meno importante, è l’impatto del progetto sul Parco del Ticinello: 88 ettari di aree agricole e di fruizione, strappato dalla locale associazione e dai cittadini alle speculazioni del costruttore Ligresti e oggetto di importanti opere di riqualificazione. Con questi megaorti (e tutti gli annessi) il Parco verrebbe “tappato”, scollegato ai vasti territori agricoli del Parco Sud. L’inquinata Milano non ha bisogno di enclave verdi, parchetti circondati da cemento: necessita di grandi polmoni verdi, corridoi che permettano il ricambio dell’aria e l’entrata della campagna in città.
Chiederemo di visionare, quando possibile, le carte del progetto e ne parleremo certamente ancora.
Per il momento ci mettiamo di traverso sul progetto: sì agli orti, ma a misura umana e rispondenti alle esigenze del territorio.

Aggiungi commento


Il video del mese

Il  video del mese è dedicato all'agricoltura nel Parco. Infatti, nei mesi estivi richiede ancor di più la presenza dei contadini, che potranno forse godere di una vacanza nel periodo invernale. Con i suoi 47mila ettari, di cui 35mila coltivati, il Parco Agricolo Sud Milano continua a dimostrare di essere un motore per l'economia locale: oltre un migliaio di aziende di cui circa 70 all'interno di Milano. Le aziende agricole non si occupano solo di agricoltura, zootecnia o trasformazione dei prodotti: le loro cascine sono ormai aperte all'ospitalità con agriturismi, ristorazione, didattica per tutte le età. E molto altro. Per chi in agosto fosse qui, potrebbe essere un'opportunità visitarne qualcuna: nel nostro sito trovate i loro indirizzi e le peculiarità che le distinguono. Altrimenti a settembre... Altri spunti per gite fuori li potrete trovare nella rubrica Comuni e bellezze nel Parco Sud.

L'Associazione per il Parco Sud Milano partecipa al coordinamento di 450 associazioni europee che sta promuovendo una petizione europea. Chiediamo un quadro legislativo che tuteli i suoli europei dall'eccessiva cementificazione, dalla contaminazione, dall'erosione, dalla perdita di materia organica e dalla perdita di biodiversità.

Il suolo deve essere considerato un bene comune. Se il tuo comune è insensibile, se la Regione ci prende in giro, se il Governo latita...VAI su https://salvailsuolo.it/ e FIRMA

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano