Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
Previous Next

Agnoloni, presidente Tem
si riduce lo stipendio


Tanto è anche presidente

di Serravalle 
e a.d. Pedemontana…

 Lo scorso 27 marzo, l'assemblea dei soci di Tem (Tangenziale Esterna Milano) ha nominato l'avvocato Marzio Agnoloni presidente della società, attribuendo i medesimi poteri di Stefano Maullu, suo predecessore.

Già plenipotenziario del già coordinatore del Pdl Denis Verdini, Agnoloni è stato scelto da Guido Podestà, presidente della Provincia di Milano, prima come presidente di Serravalle, poi come amministratore delegato di Pedemontana e ora un’altra presidenza, quella di Tem, la società che dovrebbe realizzare la nuova tangenziale di Milano.

La Provincia di Milano aveva aveva chiesto ad Agnoloni "di adeguare i compensi di presidente, amministratore delegato e consiglieri alle norme di legge". Così è stato, almeno per quanto riguarda Agnoloni, che, stando alle notizie dei quotidiani di oggi, ha deciso di ridursi lo stipendio del 30%.
Se la retribuzione è analoga a quella che percepiva Maullu, significa che da 120mila euro è passata a 84mila. E già a questi livelli non sarebbe male. Ma Agnoloni è anche presidente di Serravalle e amministratore delegato di Pedemontana. Quindi, in totale tre cariche di tutto rispetto, almeno sotto il profilo emolumenti, sempre che li percepisca tutti e tre. Ma su questo abbiamo pochi dubbi. Quindi, ci si deve congratulare con Agnoloni per la sua "etica" e per il suo rispetto alla richiesta della Provincia? Decidete voi.
(19 aprile 2013)

Aggiungi commento


Il video del mese

Il video del mese è dedicato al Parco agricolo del Ticinello (nel Parco Sud), nell’area di piazzale Abbiategrasso, con metropolitana rossa: è un luogo dove poter anche vivere l’estate con musica, balli, pittura e passeggiate e soprattutto 88ettari di verde e alberi: un vero patrimonio salvato dalle lunghe mani di Ligresti, che avrebbe voluto farne luogo di orrendi palazzoni. Lo evidenziamo soprattutto per chi dovesse passare l’estate a Milano… e avesse voglia di vivere la natura, almeno per qualche ora. Ma sono tantissimi i posti per vivere l’estate a Milano. Dove informarsi per scoprire i tanti luoghi ricchi di bellezze naturali e storiche del nostro meraviglioso mondo? Nei numerosi Punti Parco: se visitate il nostro sito - www.assparcosud.org - trovate l’elenco aggiornato.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano