Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
Previous Next

Che fine hanno fatto i 133mila mq agricoli
che l’outlet Scalo Milano di Locate Triulzi
aveva promesso al Parco Sud 6 anni fa?

19 gennaio 2018. Il prossimo 26 maggio saranno passati 6 anni dal parere positivo espresso anche dall'Ente Parco Agricolo Sud Milano, allora presieduto da Guido Podestà, all'edificazione, in piena campagna, di un Polo dei distretti produttivi situato nella parte nord-ovest del comune di Locate Triulzi che prevedeva la realizzazione del Fashion Factory Outlet Village, poi divenuto Scalo Milano e aperto nell’ottobre 2016. Il parere era però condizionato a "misure mitigative e compensative" tra cui "la cessione dell'intera area ricadente all'interno del territorio del Parco, con esclusione delle aree necessarie per la realizzazione della viabilità".
L’outlet di campagna (così l’abbiamo ribattezzato a suo tempo) è stato cinaugurato quasi un anno e mezzo fa, ma della cessione nemmeno l'ombra. Non solo, a oggi non c’è neanche uno straccio di progetto per valorizzare l’area vasta oltre 13 ettari, proprio di fronte al santuario di Santa Maria alla Fontana, di cui, paesaggisticamente, l’outlet ha spezzato l’incanto.

Terreni del Parco Sud completamente abbandonati

L’impegno di sviluppare un progetto per l’utilizzo dei 13 ettari l’aveva preso in carico il comune di Locate Triulzi e, almeno sino alla scorsa estate, l’assessore all’ambiente si era dato da fare coinvolgendo, per esempio, il DESR (Distretto di Economia Solidale Rurale del Parco Sud). Poi, mesi e mesi di silenzio.
Se un piccolo comune può avere anche qualche intoppo nel progettare il futuro di un’area di così grandi dimensioni, spicca purtroppo l’assenza dell’Ente Parco Agricolo Sud Milano, che è il destinatario finale dell’area.
Ma come? Riceve in compensazione (ovvero in regalo) un terreno di 13 ettari e se ne disinteressa? Sarebbe come se, ricevendo in dono un appartamento, lo lasciassimo lì per anni, pensando se affittarlo o utilizzarlo direttamente, come arredarlo, ecc.
Se non vi sono idee, chiamate le associazioni, sentite il territorio, ma non lasciate che un bene rimanga inutilizzato. Perché, se il pubblico mostra queste carenze, il privato potrebbe proporsi di valorizzarlo lui: a sue spese e, va da sé, alle sue condizioni.
Non è la prima volta che sollecitiamo l’intervento dell’Ente Parco. Ma niente. Vi sembra accettabile?

Aggiungi commento


Il video del mese

Il video del mese è dedicato alla fruizione del Parco, spaziando per i suoi 61 comuni: l'imminente primavera potrebbe invogliarvi a scoprire di più su quante meraviglie potete trovarvi, gustandone anche i sapori e divertendovi. Un video dedicato anche a quei sindaci dalla visione miope e cementificatrice e al centralismo regionale, che ha sempre considerato i Parchi area sacrificale a un'idea di sviluppo incentrata sulle infrastrutture, e in particolare sulle autostrade.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano