Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
Previous Next

Nel Parco Agricolo Sud sta sbocciando
il primo frutteto “aperto” di Milano:
ognuno potrà scegliere e raccogliere

7 Aprile 2018. Un’oasi di bellezza e natura in città, dove entrare e passeggiare tra i filari per scegliere e quindi raccogliere direttamente la frutta dagli alberi, pesarla e pagarla: l’idea è venuta a una dozzina di persone, tra cui giovani agronomi, ma anche pensionati, perlopiù frequentatori di Bosco in Città, tant’è che il frutteto si trova nei pressi della via Novara, dove ha sede lo storico Bosco gestito da Italia Nostra, tra le esperienze più felici del Parco Agricolo Sud Milano.

Frutta in campo, un luogo da scoprire

Si tratta di una novità assoluta per Milano e per il Parco Sud. In primis, i nostri “imprenditori”nel 2016 hanno acquistato un terreno (non edificabile, essendo nel Parco) di 2,3 ettari, dove da vent’anni cresceva solo erba, e vi hanno piantato ben 2.000 piante con 60 varietà di sapori, tra cui anche frutti di una volta: d alle mele alle ciliegie, alle albicocche fino all’uva e ai piccoli frutti, quali mirtilli e more.
“Lo abbiamo chiamato ‘Frutta in campo’ -racconta Fabio Ziller (nella foto), appassionato di frutta, e non può che essere così, provenendo dalla Val di Non, rinomata per le sue mele- perché sintetizza bene il concetto di quanto succederà: le persone verranno, passeggeranno tra i filari per scegliere a piacere e raccoglieranno loro stessi i frutti dai piccoli alberi, senza quindi aver bisogno di scale”.
I prezzi saranno sicuramente “abbordabili” poiché a lavorare nel campo sono solo i soci e non vi sono intermediari. Inoltre, i prodotti sono sani, freschi e di alta qualità.
Infatti, i terreno è molto buono, poiché è rimasto “fermo” per 20 anni, ed è quindi privo di residui chimici da agricoltura. E, come ci ha confermato Ziller, i frutti sono praticamente biologici, anche se per il momento non sono certificati: ma la certificazione è un obiettivo a breve scadenza. Per ora si possono classificare certamente come ecocompatibili.
“Ovviamente, con tutti questi alberi da frutta, tralasciando criticità come il gelo, non sono mancati problemi di insetti e di uccelli -aggiunge Ziller- in particolare, cimici e cornacchie: stiamo per installare reti a tenda sui filari per evitare che ‘raccolgano’ solo loro. Un accorgimento che ci evita di dover ricorrere a fitofarmaci”.

Oggi apertura speciale per ammirare la fioritura

Intanto, proprio oggi, è stata la giornata dell’anteprima del frutteto in fiore (dalle 15 alle 17): almeno 300 persone hanno partecipato all’evento, rimanendo incantati per la bellezza delle fioriture multicolore. “Infatti -prosegue Ziller- il nostro intento è anche quello di avvicinare grandi e bambini alla natura, renderli partecipi della bellezza che offre e portarli così ad amare e rispettare l’ambiente”.
Il vero appuntamento per raccogliere i primi frutti è fissato a maggio (pubblicheremo il calendario delle aperture): le ciliegie certamente andranno a ruba.

Aggiungi commento


 

 

 

Il video del mese

Benvenuti al Parco di Muggiano: 22 ettari di boschetti, prati e acque, raggiungibile da stradine tra cascine e campi rigogliosi, dove lo slogan “Milano, città di campagna” acquista un senso compiuto. Il video non ha le eteree vedute a volo di uccello del drone, ma i difetti delle riprese sobbalzanti effettuate da un sellino. Così facendo, però, riporta fedelmente le splendide viste che si aprono ai vostri occhi, come lo scorrere delle limpide acque dei fontanili Ferro di Cavallo e Cappello del Prete, tra i più belli e imponenti del Parco Agricolo Sud Milano, le stradine nei boschetti, gli spiazzi dei prati e il vasto specchio d’acqua della ex cava. Peccato che questa vasta dotazione di verde attrezzato sia ancora poco fruita dai cittadini, un po’ per scarsa conoscenza, un po’ per la microcriminalità che fino a qualche tempo fa imperversava allontanando le famiglie. Eppure è un patrimonio perfettamente godibile dai cittadini, ben tenuto dal Comune e Municipio, con gli agricoltori, bravi e intraprendenti, che tutelano e valorizzano anche il circondario. Ringraziamo per il video Pietro Caiazza.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano