Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
Previous Next

Alberi del Fiordaliso: da Rozzano nessuna risposta
Da ciò la nostra richiesta di accesso agli atti.
E un video mostra gli effetti delle negligenze

                                   

 7 maggio 2018. Godetevi, si fa per dire, questo video di Roberto Schena sullo stato delle piante che avrebbero dovuto fornire una compensazione ambientale all’impatto del mega centro commerciale Fiordaliso di Rozzano. Le immagini valgono più delle parole scritte e vi troverete anche analisi e proposte per non lasciare fallire un’operazione di mitigazione tesa a dare un po’ di aria pulita e di natura ai cittadini del Sud Milano.
Della nostra raccomandata elettronica del 25 aprile scorso non abbiamo ancora avuto risposta ufficiale. E perciò oggi abbiamo richiesto l’accesso agli atti per comprendere meglio le responsabilità della sconcertante situazione.
Non è certo sufficiente la risposta indiretta, giunta tramite l’articolo de Il Giorno del 4 maggio a firma di Massimiliano Saggese, dove la sindaca di Rozzano Barbara Agogliati ha affermato: “l’estate scorsa dopo le segnalazioni di alcuni cittadini abbiamo sollecitato Fiordaliso a verificare lo stato delle piante nell’area in questione. Abbiamo dovuto attendere la primavera di quest’anno per poter attivare i controlli sull’effettivo attecchimento e sul numero di piante da sostituire. Abbiamo ricevuto rassicurazioni in tal senso e confidiamo che, anche in base alla convenzione con Fiordaliso sulla cura del verde in quest’area, si proceda per tempo alla messa in dimora dei nuovi esemplari”.
C’è da chiederci se qualcuno si sarebbe mai mosso in Comune senza le segnalazioni e il flash mob della scorsa estate della nostra Associazione del locale Comitato Occhi Aperti, nonché le reiterate proteste di queste settimane.
Attendiamo atti concreti e speriamo che gli Amministratori pubblici di Rozzano traggano dal video qualche spunto operativo per costringere la Fiordaliso Spa ad effettuare quanto pattuito: una vera e propria compensazione ambientale. Che non è piantare 400 alberi per portarli a morire senza innaffiature, su un terreno così scadente che anche l’erba fatica a crescere.

 

 

AVVISO

Il 25 maggio 2018 entra in vigore il muovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali. Gli unici dati personali che il sito tratta sono di coloro che scrivono commenti. Pertanto, in attesa di verificare le eventuali implicazioni, vengono temporaneamente sospese le pubblicazioni dei commenti. Ce ne scusiamo con gli interessati e con i lettori.


 

 

Il video del mese

Ora Milano ha un monumento storico-artistico restaurato in più. E gli abitanti della vicinissima Muggiano, come del Municipio7,  hanno un motivo in più per essere contenti del loro borgo. Si tratta di un oratorio splendido, uno dei tanti che c’erano intorno alla città, ma uno dei pochi sopravvissuti. Anche questo di Assiano, dedicato a San Martino, nella periferia Ovest di Milano, era destinato a fare una brutta fine, se gli agricoltori milanesi riuniti nel Dam, il Distretto agricolo milanese, non avessero insistito affinché fossero destinati dei fondi di Expo 2102 per il paesaggio al suo restauro. La chiesa di Assiano in vari documenti è già citata a partire dal XIII secolo: si tratta, probabilmente, del manufatto più antico, a noi pervenuto nel “pennacchio”, un simpatico modo di definire il territorio di Muggiano. Il video è stato realizzato Amadio Facchini, studioso di storia locale, mentre il testo di corredo è di Roberto Schena, a cui vi rimandiamo (http://www.ilcielosumilano.it/2018/05/11/assiano-strappata-al-degrado-la-chiesa-xiii-sec/), per comprendere appieno la storia di questo gioiello del Parco Sud tornato a nuova vita.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano