Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
Previous Next

Domenica 9 settembre il WWF
di San Donato cerca volontari
per aiutare a ripulire l’Oasi

6 settembre 2018. Non ci sono scuse. Siete freschi e riposati, appena torni dalle vacanze. E, soprattutto, se volete passare un pomeriggio in compagnia e divertendovi, domenica prossima, 9 Settembre, il WWF organizza la prima apertura stagionale dell’oasi di Levadina: ritrovo in Via Fiume Lambro (o al parcheggio di Rosso Pomodoro) a San Donato Milanese a partire dalle ore 15:00.
“Questa volta però -spiega Gianni Bianchini del WWF- oltre alla semplice visita di questo interessante ambiente naturale, vorremmo chiedere a chi se la sente di darci una mano rendendosi parte attiva nella manutenzione dell’oasi stessa aiutandoci ad eliminare un rampicante molto invasivo (il luppolo giapponese) dalle piantine che abbiamo recentemente messo a dimora. Questa operazione si rende necessaria in quanto il luppolo potrebbe molto rapidamente soffocare i preziosi alberi e arbusti che vorremmo far crescere per impreziosire ancora di più la nostra oasi.
Si tratta di un lavoro fisico (ma appagante) per cui, chi se la sentisse, si dovrebbe attrezzare di un abbigliamento adeguato: scarpe robuste, guanti robusti, pantaloni lunghi e maglietta a maniche lunghe…e un goccia di repellente per le zanzare.
Le altre due aperture pubbliche saranno invece sabato pomeriggio 20 ottobre e domenica 11 novembre Levadina Domenica ore 15:00.
Vi aspettiamo!
 

Aggiungi commento


 

 

 

Il video del mese

Un video dedicato all’agricoltura del Parco Agricolo Sud Milano: visitarlo è come entrare in un grande monumento i cui artefici, oltre alla natura, sono decine di generazioni di agricoltori e, in passato, i monaci delle abbazie e i signori dei castelli e dei palazzi, edifici che ancor oggi troneggiano in tutti i comuni del parco. Rogge, canali, navigli, mulini, strade di campagna e filari alberati, una miriade di fontanili, grandi cascine: opere scolpite nel territorio che si estende dalla Valle del Ticino a quella dell'Adda, cesellata da mani sapienti nel corso di due millenni. La campagna milanese ha rifornito i mercati della città e oggi, in una economia agricola profondamente mutata, continua a fornire i propri servigi: un paesaggio rurale tutto da godere, profumi e sapori di un tempo, un abbraccio verde intorno ai quartieri di una metropoli soffocata dallo smog. Il Parco (61 comuni su 47mila h) è stato voluto da un vasto movimento di associazioni e gruppi di volontariato -ancor oggi riuniti sotto la sigla Associazione Parco Sud- ma anche da intellettuali, amministratori e, in un crescendo di consenso, dalle associazioni che rappresentano le oltre 1400 aziende agricole che vi operano. Il parco resta lo strumento per limitare l'avanzata del cemento e valorizzare un grande patrimonio, di paesaggio e di cultura, in passato ingiustamente trascurato. E speriamo rimanga sempre così! (Ringraziamo La Città Metropolitana per il video).

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano