Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
Previous Next

NO alla cessione dell’ultimo bosco spontaneo
Rozzano e il circondario si mobilitano

Martedì 9 ottobre 2018 alle ore 8,30 in Piazza Foglia (palazzo comunale)
Manifestazione per l’annullamento dell’asta e il mantenimento del verde

8 ottobre 2018. Pochi hanno l’età per poterselo ricordare, ma Rozzano era in origine un’area verde, costituita da boschi, campi agricoli e marcite. La necessità di realizzare un consistente numero di abitazioni di case popolari negli anni ’60 ha portato all’urbanizzazione di Rozzano. E, successivamente è stato l’insediamento di aree industriali-artigianali che ha in gran parte sostenuto il massiccio sviluppo edilizio del comune. Diciamola tutta, perché è un dato evidente: si è francamente esagerato. Al punto che diverse di queste aree industriali sono state dismesse ed è partito lo sviluppo di vegetazione spontanea che, con gli anni, ha assunto l’aspetto di veri boschi, censiti dalla Regione.
Quello per cui il Comitato Occhi Aperti di Rozzano chiama alla mobilitazione è l’ultimo rimasto, situato in via Manzoni, una strada periferica agli occhi dei Rozzanesi ma di fondamentale importanza per gli abitanti di Basiglio e soprattutto per l’Humanitas, ospedale nonché Centro di ricerca e universitario: questa strada a due corsie è di fatto l’unico collegamento con Milano e la Tangenziale Ovest.
Negli ultimi anni, la de-industrializzazione e lo sviluppo urbanistico del circondario hanno portato, nel raggio di un chilometro o poco più, allo sviluppo di ben 8 centri commerciali e supermercati, tutti di grande calibro e ad alta frequentazione come il Fiordaliso e la Esselunga: un “tappo” per abitanti, lavoratori di Humanitas e parenti dei malati, nonché per le ambulanze del pronto soccorso.
Ora, sull’unica area boscata, di proprietà comunale, parte un’asta per la sua cessione a privati, allo scopo di costruirci probabilmente il nono grande centro commerciale: un record per la striminzita e trafficatissima strada a due corsie.
Ma c’è chi dice no e chiama alla mobilitazione, per sostenere la richiesta di annullamento dell’asta, che sembrerebbe viziata da irregolarità.
Noi ci saremo, nonostante l’ora e lo scarso preavviso. E voi?
Per comprendere meglio i motivi alla base della richiesta, potete leggere la richiesta formale di annullamento, protocollata al comune di Rozzano da Adriana Andò del Comitato Occhi Aperti. E' a volte un po' complessa, ma le motivazioni sono evidenti.

Aggiungi commento


Il video del mese

Il video del mese, considerata la bella stagione, propone una visita turistica a Gaggiano, tra i paesi più accattivanti del nostro Parco. Il centro storico, con i suoi palazzi, il Naviglio Grande, i ponti, chiese e botteghe, si pone come uno degli scenari più affascinanti del territorio metropolitano milanese. La campagna circostante, ancora ben conservata e coltivata, è ricca di aree verdi, fontanili, rogge, piccoli oratori di campagna, cascine e mulini. A Gaggiano fanno corona antichi borghi come San Vito, Fagnano, Vigano Certosino e Barate, ricchi di edifici antichi e opere d'arte. (Il video è di Aurelio Citelli e Renato Minotti prodotto da Città metropolitana di Milano e Comune di Gaggiano. Dal sito viviamogaggiano.it)

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano