Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
Previous Next

Al via l’iniziativa Milano plastic free
Stop alla plastica usa e getta
nei negozi e ristoranti di due quartieri

4 marzo 2019. Fate mente locale: quanti di noi, durante l’ultimo anno, non ci siamo imbattuti in piatti, bicchieri e posate di plastica monouso alle feste di compleanno, di Natale, alle macchinette di caffé o a incontri più o meno informali? E se rovistassimo nei cassetti della cucina o della dispensa, non troveremmo sparse cannucce o altri oggetti di plastica usa e getta? Sì perché questi oggetti leggeri e indistruttibili sono dappertutto e li usiamo al bar, in mensa o tra le mura domestiche. Pur essendo più o meno tutti consci dei danni che la plastica reca all’ambiente, nonostante ciò è difficile smettere di usarli.
Se per cambiare i comportamenti individuali ci vuole tempo, l’amministrazione di Milano si muove sul fronte dei negozianti e gestori, a cominciare dai quartieri Isola e Niguarda. L’avvio della campagna “Milano Plastic Free” interesserà inizialmente circa duecento esercizi commerciali, di cui 54 tra ristoranti, bar e attività di somministrazione e 147 negozi di vicinato.
“Vi è già da diverso tempo attenzione da parte di molti operatori commerciali a utilizzare dove è possibile il vetro, contenitori e oggetti riutilizzabili e compostabili -rileva Gabriel Meghnagi, consigliere di Confcommercio Milano e presidente della Rete Associativa Vie- e anche la produzione si sta attrezzando”.
Attraverso una capillare strategia porta a porta, i gestori di tutte le attività saranno contattati da volontari di Legambiente. Insieme, si analizzeranno la tipologia e i consumi di plastica all’interno di ogni singola attività e si proporrà l’adozione di prodotti capaci di assolvere al medesimo uso, ma più rispettosi dell’ambiente. Gli esercizi aderenti saranno ben riconoscibili, grazie una vetrofania disegnata ad hoc, e ai loro clienti saranno distribuiti materiali informativi utili a praticare stili di consumo sostenibili.
La campagna, è bene chiarire, non sarà limitata a questi due distretti commerciali: l'invito ad aderire alla rete “Milano Plastic Free” è esteso a tutti gli esercizi e locali pubblici milanesi, che potranno contattare Legambiente per ricevere le informazioni e chiarire i dubbi sulle azioni da intraprendere, e farlo prima che diventi un obbligo europeo. Sì perché, grazie a questa sperimentazione, Milano si porta avanti, in vista dell'applicazione della direttiva dell’Unione europea che dal 2021 porterà progressivamente al divieto di utilizzo delle plastiche usa e getta non degradabili.

Un mare di plastica

Lo scorso ottobre, i deputati del Parlamento europeo – con 571 voti favorevoli, 53 voti contrari e 34 astensioni – hanno approvato la proposta di vietare questi prodotti, inclusi i contenitori per fast-food in polistirolo espanso, che appresentano il 70 per cento dei rifiuti marini. Entro il 2025 gli Stati membri dovranno ridurre del 25% il consumo dei prodotti in plastica per i quali oggi non esistono alternative, come ad esempio le scatole monouso per hamburger e panini, come pure i contenitori alimentari per frutta e verdura, dessert o gelati. Sempre entro il 2025 le bottiglie per bevande dovranno essere raccolte separatamente e riciclate al 90%.
Obiettivi ancora molto lontani, irraggiungibili senza un cambio di passo. Secondo i dati raccolti dal report di Legambiente sul consumo di plastiche, l'Unione Europea consuma annualmente circa sessanta milioni di tonnellate di plastica (dato 2016): di queste, il 40%, ovvero più di venti milioni di tonnellate, sono associate al comparto degli imballaggi. Produrre plastica e incenerirla ha in Europa un ‘peso’ climatico molto rilevante, pari a 400 milioni di tonnellate di CO2 (dati riferiti al 2012). Sempre nel nostro continente, dall'80 all'85% dei rifiuti marini rinvenuti sulle spiagge è di plastica: una marea di sacchetti, contenitori per alimenti, pacchetti e involucri, contenitori e tazze per bevande, cotton fioc, stoviglie, piatti, palette per mescolare alimenti, cannucce. Nel nostro piccolo è anche quanto le Sentinelle del Parco Sud trovano lungo le sponde di rogge e canali.

Il peso dell’Italia e di Milano

Nel nostro Paese, nel 2017 sono stati immessi al consumo 2.271.000 tonnellate di imballaggi di cui il 43,5% è stato riciclato, il 40% incenerito e il rimanente dismesso in discarica o disperso nell'ambiente: decisamente troppi, una vera e propria marea. Bene perseguire la raccolta differenziata e il riciclo, ma è evidente che per affrontare e risolvere il problema si deve necessariamente passare per la drastica riduzione del ricorso alla plastica, la riprogettazione di imballaggi e di oggetti monouso nella direzione della durevolezza e della riutilizzo, prima ancora che della riciclabilità.
Tornando a Milano, secondo i dati forniti da Amsa, la città ogni anno produce circa 35.000 tonnellate di plastica. E anche se si pone tra le metropoli più virtuose in Europa nella gestione del ciclo integrato dei rifiuti, tutto ciò non è sufficiente: basta vedere cosa scorre sulle acque del Naviglio Pavese dopo una notte di movida!


Ben venga quindi l’iniziativa dell’amministrazione milanese. Purché anche noi consumatori ci si dia da fare: convincendo i negozianti a non usare l’usa e getta di plastica e, soprattutto, smetterla con l’uso della plastica tra le mura domestiche e alle feste. Ci guadagneremo tutti: per primi noi stessi e la nostra salute e l’ambiente, ma anche gli animali marini, che sempre più spesso muoiono per l’ingestione delle plastiche.

Aggiungi commento


Il video del mese

Il video del mese, considerato che la è già nell'aria, propone gioie gourmet. Il Parco agricolo Sud Milano è una realtà di 47 mila di ettari. Un luogo pieno di aziende agricole che offrono prodotti a km zero, cultura e natura tutta da scoprire. Abbiamo iniziato questo mese a proporre dal nostro sito itinerari per il Parco Sud (vedi articolo), cui ne seguiranno a breve altri. Intanto, per allettarvi anche con la buona cucina, riprendiamo il video girato da Nugo, che presenta alcuni ristoranti in "cascina", con proposte gourmet in luoghi deliziosi.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano