Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
Previous Next

Parco Naturale Sud Milano nelle nebbie
Rimandata la delimitazione dell’area naturale
Troppe le pressioni sui Sindaci da agricoltori

18 aprile 2019. Un anno e mezzo di lavoro buttato alle ortiche, o quantomeno rinchiuso in un cassetto, in attesa di incerti tempi migliori. Con una comunicazione al Consiglio Direttivo del Parco Agricolo Sud Milano, due giorni fa la presidente Michela Palestra ha congelato la delibera di approvazione della proposta di confini del Parco naturale all’interno del Parco Sud. Sarebbe stato un passo importante per cancellare la possibilità di cacciare nelle aree naturalistiche più pregiate, permettendo anche al nostro Parco l’accesso a finanziamenti nazionali. Tutto rinviato a data da destinarsi: a dopo le elezioni amministrative di fine maggio o più in là.
Anche se non ci sono pronunciamenti ufficiali, appare chiaro che il blocco è il risultato di indecisioni e tentennamenti da parte di alcuni sindaci molto ascoltati nelle stanze della Città Metropolitana.

Lobby più forti della legge

Per adeguarsi alla normativa nazionale, le disposizioni regionali impongono di istituire, all’interno dei Parchi regionali, aree destinate a una maggiore regime di tutela, definite Parchi naturali. La cosa è andata liscia per quasi tutte le aree protette lombarde, ma per il Parco Sud no.
Dopo quasi vent’anni di inerzie e tentennamenti, questa sembrava la volta giusta. Sotto la spinta della presidente Palestra, un anno e mezzo di lavoro dei tecnici del Parco, con il contributo delle associazioni ambientaliste da noi coordinate, ha portato alla individuazione di otto aree ampie per complessivi 8.700 ettari (rispetto al totale di 47mila del Parco Sud). Negli ultimi quattro mesi la proposta è stata visionata dai sindaci, ambientalisti, agricoltori e cacciatori in oltre dieci incontri a via Vivaio (sede del Parco) e nel territorio. Se l’opposizione dei cacciatori era ampiamente prevista, la sorpresa è stata la contrarietà di due delle più importanti associazioni agricole, Coldiretti e Confagricoltura. Incontri diretti e assicurazioni che le aree naturali non avrebbero interferito con le attività agricole, anche quelle intensive e tradizionali, non hanno smosso le posizioni, e il risultato è la decisione del Consiglio Direttivo, e in particolare della sua presidente, di rinviare il tutto.
“Il mancato consenso di alcune associazioni di categoria degli agricoltori ha fatto cambiare idea ad alcuni sindaci, che evidentemente hanno chiesto a Città Metropolitana di rinviare le decisioni – dichiara Paolo Lozza, membro del Consiglio Direttivo indicato dalle associazioni ambientaliste – ma tutti sanno che il rinvio a dopo le elezioni significa gettare al vento il lavoro di un anno e mezzo e archiviare definitivamente il progetto. Il mancato consenso di Coldiretti e di Confagricoltura è “un” problema ma non è “il” problema. D’altra parte gli agricoltori, trent’anni fa, erano assolutamente contrari all’istituzione del Parco Sud, salvo oggi ammettere che l’esistenza del Parco li ha salvati dall’urbanizzazione selvaggia che avrebbe fatto chiudere le loro aziende. - continua Lozza - Evidentemente i giovani dirigenti degli agricoltori di oggi sono miopi tanto quanto i loro predecessori. E la dirigenza del Parco Sud ha ceduto a logiche a mio avviso autolesioniste.”
La posizione di Lozza è sostenuta e condivisa da tutte le associazioni ambientaliste: FAI, Italia Nostra, LIPU, Legambiente, WWF e Associazione per il Parco Sud Milano.
Da parte nostra, continueremo a lavorare a stretto contatto con i tanti “attori” del territorio, compresi i numerosi agricoltori che non temono il Parco Sud e, con il loro lavoro quotidiano, contribuiscono a rafforzare e dare concretezza a questo indispensabile polmone verde della metropoli milanese.

Aggiungi commento


Il video del mese

Il video del mese, questa volta dedicato alla fruizione del Parco Agricolo Sud Milano. Realizzato da Città Metropolitana, offre spunti per godere delle bellezze del parco, ma anche dei suoi prodotti agricoli, anche da gustare già pronti. Numerose le cascine trasformate in agriturismo, in cui poter passare un fine settimana all’aria aperta. Dove informarsi? Nei numerosi Punti Parco. Il video è del 2016, per cui ne manca qualcuno: se visitate il nostro sito trovate l’elenco aggiornato. Buon divertimento a grandi e piccoli.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano