Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
Previous Next

 

Humanitas rinviata a giudizio per l’elisoccorso
per aver distrutto un boschetto
ricorrendo anche a false attestazioni

26 giugno 2019. Ne avevamo iniziato a parlare due anni e mezzo fa, facendo venire alla luce il progetto di Humanitas, ospedale privato di Rozzano, di spostare la piattaforma per l’elisoccorso in pieno Parco Sud. L’incongruenza era palese: per risanare la costruzione di due parcheggi in Parco Sud, effettuata senza attendere le necessarie autorizzazioni, l’ospedale nel 2012 aveva realizzato -sempre in area protetta- un parco comunale lungo il corso della Roggia Corio. Cinque anni dopo, decideva di riprendersi una parte dell’area ceduta per realizzare la pista di atterraggio di elicotteri, tagliando in due un parco piccolo ma ricco, con circa 400 alberi distribuiti in 3 boschetti, ricco di specie autoctone: un mosaico di habitat, dove si contano 72 specie di uccelli, di cui 60 nidificanti.
Insieme a Legambiente Lombardia avevamo provato la via della ragionevolezza, trovando muri di silenzio da parte dell’ospedale, del comune di Rozzano e dell’Ente Parco Sud. Solo dopo ci siamo rivolti ai Forestali del corpo dei Carabinieri con un esposto. Esposto andato a buon fine, con il rinvio a giudizio in questi giorni del presidente di Humanitas Luciano Ravera e del direttore dei lavori Maurice Kanah.

Silenzi e sudditanze

Con la proprietà avevamo avanzato proposte serie: visto che dove è l’attuale pista di elisoccorso deve essere realizzata una palazzina ospedaliera, tra l’altro vicina al pronto soccorso, non sarebbe stato meglio realizzare questa piazzola di atterraggio sul tetto del nuovo edificio? Ma anche ammesso dell’infattibilità di questa proposta, quantomeno a Humanitas sarebbe spettato l’onere di un'ulteriore compensazione per l’area verde e i benefici ambientali sottratti alla collettività.
Al muro di silenzio della struttura sanitaria, si sono aggiunti quelli degli enti preposti ai controlli. Il comune di Rozzano ci aveva prima dilazionato i tempi di accesso agli atti, poi aveva permesso di vederli solo a un consigliere di opposizione e, ultimo dei paradossi, l’allora sindaca Barbara Agogliati ci aveva risposto indirettamente, dichiarando al Giorno che “L’amministrazione non aveva voce in capitolo in quanto l’area è privata e l’Ente Parco Sud ha dato parere favorevole”. Uno scaricabarile in piena regola, visto che l’autorizzazione e tutti gli aspetti tecnici annessi -sicurezza compresa- spettano proprio al Comune.
Nel frattempo, anche la direzione del Parco Sud è rimasta in silenzio, nonostante le sollecitazioni di Paolo Lozza, rappresentate nel Direttivo dell’Ente indicato dalle associazioni ambientaliste.

L’esposto va a buon fine

Dopo due mesi di inutili attese, l’Associazione per il Parco Sud Milano e Legambiente Lombardia si sono rivolte alla magistratura, con un esposto presentato al comando regionale dei Carabinieri Forestali.
Ci sono voluti due anni, ma alla fine è arrivato il rinvio a giudizio.
Dieci giorni fa il sostituto procuratore Luca Poniz ha citato in giudizio Ravera e Kana, con il capo d’accusa di aver distrutto l’area boscata con la piazzola e strade annesse. Ciò in palese assenza di autorizzazione paesistica e forestale e con il contorno di attestazioni e dichiarazioni false in atti pubblici.
L’udienza è stata fissata il 19 settembre prossimo e la nostra associazione è stata riconosciuta tra le parti offese.

Tergiversare o riconoscere le colpe?

Vi terremo informati su come si muoverà l’Humanitas. Le possibilità sono diverse, ma speriamo che prevalga la ragionevolezza, si riconosca il torto e si faccia ammenda.
Se la struttura sanitaria è arrivata a tanto deve rimproverare solo se stessa. Proprio negli stessi mesi, c’era stata un’esperienza simile con l’ospedale privato di San Donato Milanese, che voleva realizzare nuovi parcheggi in aree comprese nel Parco Agricolo Sud Milano. In questo caso, il Comune è stato capace di tornare sui suoi passi, aiutando altresì l’azienda a trovare una soluzione alternativa. Evitando così figuracce e salvaguardando il territorio e i propri cittadini.
Un’ultima annotazione: la nuova pista di atterraggio dell’elisoccorso di Humanitas è stata velocemente ultimata ma, strano a dirsi, non è ancora funzionante. E’ ancora la piazzola vecchia che sopperisce alle necessità. E allora, perché questa dissennata fretta?
 

Aggiungi commento


Il video del mese

Il video del mese è dedicato al Parco agricolo del Ticinello (nel Parco Sud), nell’area di piazzale Abbiategrasso, con metropolitana rossa: è un luogo dove poter anche vivere l’estate con musica, balli, pittura e passeggiate e soprattutto 88ettari di verde e alberi: un vero patrimonio salvato dalle lunghe mani di Ligresti, che avrebbe voluto farne luogo di orrendi palazzoni. Lo evidenziamo soprattutto per chi dovesse passare l’estate a Milano… e avesse voglia di vivere la natura, almeno per qualche ora. Ma sono tantissimi i posti per vivere l’estate a Milano. Dove informarsi per scoprire i tanti luoghi ricchi di bellezze naturali e storiche del nostro meraviglioso mondo? Nei numerosi Punti Parco: se visitate il nostro sito - www.assparcosud.org - trovate l’elenco aggiornato.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano