La mobilitazione dei cittadini
induce il Consiglio a bocciare
il Pgt di Cassina de’ Pecchi

Ancora una volta la civile mobilitazione dei cittadini si è dimostrata la migliore difesa per il territorio. È successo anche Cassina de’ Pecchi, dove il Consiglio comunale, la scorsa settimana, ha votato un netto NO al Pgt del sindaco leghista Claudio D’Amico. Un Pgt a grande vocazione cementificatoria: la bellezza di 20 aree coinvolte in trasformazioni urbanistiche, di cui 16 residenziali, per una superficie totale di 752.000 mq, pari a quasi il 20% della superficie non protetta dal Parco. Le “criticità” del Piano di governo del territorio, in particolare legate  all’elevato consumo di suolo, alla parcellizzazione delle aree agricole e all’eccessivo incremento della popolazione, erano state evidenziate sia dalle 101 osservazioni presentate da associazioni, comitati e cittadini, ma anche sottolineate da Regione, Provincia e Parco Sud (che pure, su pressione di D’Amico, aveva dato l’ok ai 75mila mq di aree del Parco da trasformare in centro sportivo).

 

La mobilitazione dei cittadini
induce il Consiglio a bocciare
il Pgt di Cassina de’ Pecchi

Ancora una volta la civile mobilitazione dei cittadini si è dimostrata la migliore difesa per il territorio. È successo anche Cassina de’ Pecchi, dove il Consiglio comunale, la scorsa settimana, ha votato un netto NO al Pgt del sindaco leghista Claudio D’Amico. Un Pgt a grande vocazione cementificatoria: la bellezza di 20 aree coinvolte in trasformazioni urbanistiche, di cui 16 residenziali, per una superficie totale di 752.000 mq, pari a quasi il 20% della superficie non protetta dal Parco. Le “criticità” del Piano di governo del territorio, in particolare legate  all’elevato consumo di suolo, alla parcellizzazione delle aree agricole e all’eccessivo incremento della popolazione, erano state evidenziate sia dalle 101 osservazioni presentate da associazioni, comitati e cittadini, ma anche sottolineate da Regione, Provincia e Parco Sud (che pure, su pressione di D’Amico, aveva dato l’ok ai 75mila mq di aree del Parco da trasformare in centro sportivo).

Un contro anche della maggioranza

Così, dopo i pareri negativi della Regionale, deall’Ente Parco Agricolo Sud Milano e della Giunta Provinciale è arrivata anche la bocciatura del Consiglio comunale di Cassina de’ Pecchi  (7 favorevoli, 10 contrari, 1 astenuto, 3 assenti). Visto il risultato, il sindaco leghista ha annunciato le proprie dimissioni.
Ai voti delle opposizioni, quindi, si sono aggiunti gli indecisi della prima ora capovolgendo il verdetto finale e mettendo fine a pericolosissime operazioni, che in cambio di oneri di urbanizzazione, avrebbero potuto portare il malaffare a Cassina de’ Pecchi. Vale la pena di ricordare che la stessa commissione antimafia ha individuato la Lombardia come meta preferita delle operazioni criminali che da sempre hanno avuto tra i loro obiettivi la grande speculazione edilizia e il mercato immobiliare per la ripulitura del denaro sporco.

Il futuro di Cassina de’ Pecchi

“Forse -dicono dal gruppo consiliare del Progetto Cassina-Sant’Agata- non sarà sufficiente questa vittoria sul Pgt a mandare a casa D’Amico e i fedelissimi. Le ultime notizie, appunto, ci dicono che il sindaco sfiduciato ha reagito con rabbia compiendo un atto non proprio da dimissionario, quello cioè di togliere le deleghe a due suoi Assessori, sui quali fino a ieri riponeva massima fiducia. Anche se non hanno più i numeri, il Sindaco e i suoi fedelissimi tireranno a campare, almeno questo è quello che ci pare di capire dai primi atti del ‘giorno dopo’. Lo facciano, noi non ce ne preoccupiamo. Noi andiamo avanti per la nostra strada, come sempre. Una cosa è certa, il Pgt, questo Pgt mostruoso, è stato bocciato, con i voti determinanti del centrodestra. Ma non solo. La battaglia sul Pgt è stata vinta sul campo, tra la gente”.
È tempo quindi di riscrivere il futuro di questa cittadina del Parco Sud: con la cittadinanza e con una politica sostenibile anche sotto il profilo del consumo di suolo.

 

Cassina de’ Pecchi, la mobilitazione boccia il Pgt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy