Cave di prestito o di rapina?
La Tem vuole anche questo

Mercoledi 24 luglio, alle ore 21.00, il Consiglio Comunale di Vizzolo Predabissi discuterà dello schema di Convenzione con Lambroscarl per la Cava di Prestito nel Comune di Vizzolo per attività estrattiva a favore della TEM.
E sì, perché spesso ci dimentichiamo che la Tem non è solo quella enorme striscia d’asfalto di 32 km (da Agrate Brianza a Melegnano) di quattro corsie per senso di marcia, con sei svincoli, 2,1 km di viadotti, 70.000 veicoli di traffico giornaliero, con un costo -da casello a casello- di 6 euro. No, non è solo il territorio agricolo che si copre di cemento. Ci sono anche le cave, cosiddette di prestito! Le si potrebbe meglio definire di “rapina” del territorio, ma non è “fine”. Anche se in realtà rubano la nostra terra, per trasformarla in cemento, e lasciare enormi voragini.
Riportiamo qui sotto il comunicato stampa del Comitato No Tem/No Tem Sud Milano, per suggerirvi di partecipare.

Cave di prestito o di rapina?
La Tem vuole anche questo

Mercoledi 24 luglio, alle ore 21.00, il Consiglio Comunale di Vizzolo Predabissi discuterà dello schema di Convenzione con Lambroscarl per la Cava di Prestito nel Comune di Vizzolo per attività estrattiva a favore della TEM.
E sì, perché spesso ci dimentichiamo che la Tem non è solo quella enorme striscia d’asfalto di 32 km (da Agrate Brianza a Melegnano) di quattro corsie per senso di marcia, con sei svincoli, 2,1 km di viadotti, 70.000 veicoli di traffico giornaliero, con un costo -da casello a casello- di 6 euro. No, non è solo il territorio agricolo che si copre di cemento. Ci sono anche le cave, cosiddette di prestito! Le si potrebbe meglio definire di “rapina” del territorio, ma non è “fine”. Anche se in realtà rubano la nostra terra, per trasformarla in cemento, e lasciare enormi voragini.
Riportiamo qui sotto il comunicato stampa del Comitato No Tem/No Tem Sud Milano, per suggerirvi di partecipare.

Comunicato
A solo un mese dalla prima comunicazione del 19 giugno, quando ancora non è chiaro il destino del gigantesco buco che sarà lasciato dalla cava, quando ancora non si conoscono gli esiti dello studio geologico commissionato dal Comune, si approva in gran fretta la convenzione che darà il via libera ad un ennesimo scempio del nostro territorio. Un buco da un milione di metri cubi per una superficie di 250.000 metri quadrati di superficie. La cava è l’ultimo regalino che TEM ci lascia, come se non bastasse già tutto quello che ci aspetta.

Durante l’assemblea del 18 luglio scorso, una assemblea aziendale di TEM, in cui l’Amministrazione ha avuto un ruolo di comparsa passiva, si è parlato poco della cava, ma piuttosto, come al solito, lo staff di TEM ha manipolato la serata promuovendo il suo prodotto (la TEM) come la panacea di tutti i mali del traffico lombardo e del Sud Milano minimizzando, anzi annullando, qualsiasi problema ambientale e viabilistico. Una serata che di informazione trasparente e chiara e di partecipazione non aveva nulla, ma che è sembrata piuttosto un’operazione comunicativa di marketing e un atto dovuto per assolvere quell’obbligo minimo di confronto e per magnificare le opere e i benefici della TEM. Nessun aspetto negativo, rispetto alla cava, è stato sottolineato neppure dall’Amministrazione Comunale che ricaverà dalla coltivazione della medesima un introito in percentuale sul materiale estratto quantificabile dai 500 agli 800 mila euro nei tre anni di attività della cava.

Diciamo NO alla svendita del suolo agricolo e alla logica della monetizzazione del danno ambientale. Per questo chiediamo ai consiglieri comunali di Vizzolo che hanno a cuore la tutela del territorio e una visione sostenibile e attenta di quello che si lascerà alle future generazioni di non votare questa convenzione per fermare la prepotenza e lo strapotere dei poteri forti che pensano di poter usare il nostri territori solo seguendo la logica di puro profitto.

Il Comitato No TEM del Sud Milano invita i cittadini ad essere presenti al consiglio Comunale e ,con la loro presenza, testimoniare la propria voce contraria alla realizzazione della cava: una ulteriore devastazione del territorio già pesantemente interessato dall’arrivo della TEM un’opera costosa e inutile che cambierà per sempre il volto dei nostri territori.

COMITATO NO TEM/COMITATO NO TEM SUD MILANO

notem.info@gmail.com

 

Cave di prestito o di rapina? La Tem vuole anche questo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy