Don Albino, prete della pace
digiuna per salvare l’ambiente

Certo, dopo il digiuno che molti -cattolici e non- hanno fatto ieri 7 settembre, per mettere a tacere le armi e far parlare la ragione per mediare la drammatica situazione in Siria, raccontare del digiuno di un sacerdote per protestare su tematiche dell’ambiente sembra poca cosa.  
A noi no. A noi sembra un grande gesto quello di don Albino Bizzotto, fondatore dell’associazione Beati i costruttori di pace, che ha rinunciato al cibo -dal 16 al 29 agosto- per protestare contro l’emergenza ambientale della sua terra, il Veneto, devastato dalle grandi opere. E che prosegue la sua battaglia cercando condivisioni, anche nel digiuno, in tutti noi.

Don Albino, prete della pace
digiuna per salvare l’ambiente

Certo, dopo il digiuno che molti -cattolici e non- hanno fatto ieri 7 settembre, per mettere a tacere le armi e far parlare la ragione per mediare la drammatica situazione in Siria, raccontare del digiuno di un sacerdote per protestare su tematiche dell’ambiente sembra poca cosa.  
A noi no. A noi sembra un grande gesto quello di don Albino Bizzotto, fondatore dell’associazione Beati i costruttori di pace, che ha rinunciato al cibo -dal 16 al 29 agosto- per protestare contro l’emergenza ambientale della sua terra, il Veneto, devastato dalle grandi opere. E che prosegue la sua battaglia cercando condivisioni, anche nel digiuno, in tutti noi.

Con questo gesto, il sacerdote ha voluto scuotere le coscienze, cercare di unire i tanti comitati e movimenti di protesta che nascono spontanei, spesso ostacolati dalle istituzioni, ma anche dall’indifferenza, dai gruppi di potere privati e pubblici. Ma don albino ha voluto soprattutto tentare di mettere a freno le decine e decine di progetti che in Veneto, come in gran parte dell’Italia, sono frutto del demoniaco binomio project financing- legge Obiettivo (in teoria da realizzarsi con fondi solo privati, ma troppo spesso finanziati con soldi pubblici), fonte inesauribile di guadagni per i soliti pochi e che stanno portando alla devastazione del territorio nazionale.

I numeri dello scempio del territorio

“Solo in Veneto -ha dichiarato don Albino- dal 1990 al 2000 la superficie agricola è diminuita di 279.830 ettari, cioè del 21,5% e attualmente il consumo del suolo per urbanizzazione e infrastrutture varie è di 1.382 ettari l’anno, pari cioè a 3,8 ettari al giorno”.
Ma le grandi opere portano lavoro, è l’obiezione di molti. “Per quanto riguarda l’occupazione che tali opere apporterebbero -ha spiegato a un’incontro con la delegazione di Sel del Veneto- sono scettico sull’occupazione: bisogna tenere presente che si tratta di lavoro a termine, che dopo la conclusione lascia il deserto ambientale e occupazionale, proprio come il boom edilizio di qualche anno fa. Andrebbe trovato un lavoro diffuso sul territorio e per la difesa del territorio”. Un punto di vista un po’ grillino gli è stato chiesto provocatoriamente: “Sarà grillino, ma bisogna smetterla di considerare l’economia il motore di tutto. Anche la Terra ha una sua grammatica: il nostro sistema aiuta a creare la vita o a distruggerla? In questo c’è tanto silenzio anche da parte della Chiesa”.
Ad Altraeconomia, sempre sul tema lavoro, ha dichiarato “Siamo di fronte a una grande contraddizione: in questo momento, l’argomento ‘lavoro’ tira, è una chiave di soluzione della crisi. Purtroppo, pare che non conosciamo nessun altro modello economico. Mentre la necessità di mettere in sicurezza e tutela l’ambiente potrebbe portare ad inventare modelli di lavoro più diffusi, più concreti”. Questo, però, “non può avvenire in una società fondata sulle grandi opere e non sui servizi sociali, sulla quantità di soldi a disposizione” .

Condivisione del digiuno e della battaglia

La partecipazione di amici, comitati e istituzioni, significativa durante le due settimane di digiuno, non è mancata nei giorni seguenti -dicono dall’associazione Beati i costruttori di pace- Albino è stato impegnato, tra l’altro, anche con la preparazione dell’audizione in Consiglio Regionale del 3 settembre, dov’era stato invitato dal presidente Clodovaldo Ruffato e dove ha spiegato a consiglieri e assessori le ragioni della sua iniziativa.
E la battaglia continua. “Sta proseguendo -aggiungono dall’associazione- la staffetta del digiuno per tutto il mese di settembre fino al 28 e 29 – in cui daremo vita ad un digiuno collettivo, in contemporanea in tutti i siti sensibili alle questioni ambientali della Regione. Vogliamo mantenere desta tanto l’attenzione quanto l’azione, per arrivare ben motivati e in tanti il 9 ottobre davanti alla sede della Giunta regionale. Sono molti quelli che chiedono indicazioni su quello che possono fare per partecipare alle proposte e alle iniziative. Per il momento cerchiamo di coordinare i turni di digiuno, di cui diamo nota. Sta espandendosi il numero dei partecipanti. Nel frattempo sarebbero da  ipotizzare anche iniziative collaterali: lettere, o messaggi, o raccolta firme al Presidente Zaia, o al Consiglio regionale per mantenere attiva la mobilitazione in vari modi”. Chi desidera aderire al digiuno può comunicarlo tramite la mail: beati@beati.org o telefonicamente allo 049 8070522 o 340 4539749.

Chi è don Albino

Ordinato sacerdote nel 1963, durante gli anni ottanta visita alcuni paesi dell’America Latina, che segneranno il suo percorso pastorale e le sue idee politico/sociali. Emarginato dalle gerarchie e amato dai poveri, diventa punto di riferimento insieme a don Tonino Bello del pacifismo italiano.
Diventa da allora promotore di varie iniziative volte alla pace ed allo sviluppo dei paesi del sud America e nel resto del mondo. Nel 1985 fonda l’associazione Beati i costruttori di pace, un’organizzazione per la pace ed il disarmo nel mondo. Nella piccola struttura vengono aiutati quotidianamente decine e decine di bisognosi. Nel 1992 organizza una marcia non violenta nella Sarajevo assediata, coinvolgendo cinquecento giovani folli a cui si unirono don Tonino Bello e monsignor Luigi Bettazzi. Ad Albino Bizzotto si deve la rottura dell’assedio per la cooperazione internazionale, facendo della sua associazione canale per aiuti da tutto il mondo (da wikipedia).

 

Don Albino, prete della pace digiuna per salvare l’ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy