Expo: la via d’acqua è di cemento,
snatura tre parchi urbani,
costa 90 milioni anziché 13.
E i cittadini si mobilitano

In nome del sacro Expo si continua a divorare territorio, snaturare parchi, cementificare aree verdi. I cantieri avanzano in ogni luogo e, tra gli ultimi, quelli per la realizzazione della via dell’acqua, un canale artificiale che attraversa parchi (Trenno, delle Cave, all’interno del Parco Sud, e Pertini) e zone urbane, in parte nel sottosuolo e in parte a cielo aperto, con argini e fondo in cemento. Non è destinato a scopi irrigui: la sua funzione principale è di portare acqua ad alimentare il lago artificiale per “abbellire” il sito Expo. Il tutto con costo è di circa 90 milioni di denaro pubblico, quando ne sarebbero potuti bastare 13.

Expo: la via d’acqua è di cemento,
snatura tre parchi urbani,
costa 90 milioni anziché 13.
E i cittadini si mobilitano

In nome del sacro Expo si continua a divorare territorio, snaturare parchi, cementificare aree verdi. I cantieri avanzano in ogni luogo e, tra gli ultimi, quelli per la realizzazione della via dell’acqua, un canale artificiale che attraversa parchi (Trenno, delle Cave, all’interno del Parco Sud, e Pertini) e zone urbane, in parte nel sottosuolo e in parte a cielo aperto, con argini e fondo in cemento. Non è destinato a scopi irrigui: la sua funzione principale è di portare acqua ad alimentare il lago artificiale per “abbellire” il sito Expo.
Il tutto con costo è di circa 90 milioni di denaro pubblico, quando ne sarebbero potuti bastare 13.

I cittadini chiedono lo stop ai lavori

Allarmati alla vista dei cantieri e sollecitati da comitati e associazioni, molti abitanti delle aree interessate, lo scorso 9 novembre si sono riuniti in assemblea per decidere come muoversi. In questo contesto, ancora una volta, Italia Nostra ha sottolineato le forti critiche sul progetto, che delinea la non volontà di utilizzare o valorizzare il reticolo idraulico naturale e artificiale esistente sul territorio a favore di una soluzione con un nuovo tracciato invasivo e prepotente nel progettato attraversamento dei Parchi.
Grazie a studi condotti da esperti, l’associazione aveva proposto un progetto alternativo che avrebbe richiesto un investimento di 13 milioni contro i circa 90 milioni della soluzione decisa da Expo. Anche il Politecnico di Milano aveva elaborato un suo progetto, più in armonia con la natura e con un costo analogo a quello di Italia Nostra.
Ma Expo, tramite Metropolitana Milanese spa, incaricata della progettazione, ha deciso di attuare questo costosissimo e devastante progetto, bandendo lo scorso marzo la gara d’appalto, aggiudicata a un raggruppamento con capofila l’impresa Maltauro di Vicenza. “Quest’opera -dicono da Italia Nostra- non utilizza né valorizza il reticolo idraulico naturale né quello artificiale esistente, che contraddistingue in modo capillare il territorio attraversato. Inoltre si integra male nel paesaggio naturale e, nel tratto di attraversamento dei Parchi del Comune di Milano a ovest della città, diventa una nuova ingombrante struttura nel territorio, una ferita”.
In sintesi: con un costo di ben sette volte inferiore a quello approvato si sarebbe potuto realizzare un progetto migliore e in armonia con il territorio. Inspiegabilmente, progetto e perizie di Italia Nostra sono state ignorate sia da Expo sia da Pisapia.

Tante iniziative e comitati

I cittadini sono in allerta già da tempo, tanto che a fine 2012 avevano anche raccolto 1.600 firme contro il progetto preliminare della Via d’Acqua. Ma alla vista delle reti arancioni, ormai simbolo della distruzione del territorio, si sono mobilitati e messi di traverso. Così, dopo quella del 9, lo scorso 16 novembre si è svolta una seconda assemblea organizzata anche da “Abitanti dei quartieri Gallaratese, San Siro, Trenno”: i cittadini, per sottolineare che il territorio appartiene alla comunità, hanno scelto tenerla all’interno dell’area del cantiere del Parco Trenno. “Non assisteremo in silenzio a questo inutile scempio -dicono dal Comitato NO Canal-. Non permetteremo che l’arroganza prevalga sul buonsenso, costruendo un’opera che potrebbe tranquillamente essere sostituita dalla rete di fontanili e canali esistenti, come dimostrato da uno studio di Italia Nostra. I soldi risparmiati potrebbero essere impiegati per risolvere problemi ben più urgenti”.
Il prossimo appuntamento è per il 25 novembre, con l’obiettivo di organizzare nuove iniziative. Tante le organizzazioni di cittadini e associazioni che si stanno muovendo per tentare di fermare questa via d’acqua. Un contatto unico non c’é. Ma le info per attivarsi e partecipare alle diverse iniziative si possono trovare all’indirizzo https://www.facebook.com/difendiparcotrenno

 

Expo: la via d’acqua è di cemento, snatura tre parchi urbani, costa 90 milioni anziché 13. E i cittadini si mobilitano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy