Rinata grazie ad Atlha Onlus
Cascina Bellaria a settembre
avrà anche ristorante e negozio km zero

Cascina Bellaria, immersa nel Parco Trenno (all’interno del Parco Sud), è gestita da Atlha Onlus, un’associazione di volontariato che da trent’anni si occupa di attività di tempo libero finalizzate all’integrazione sociale delle persone disabili (http://www.atlhaonlus.eu/cascina-bellaria): la filosofia di Atlha è l’inclusione, in ogni ambito della vita quotidiana e ad ogni età. Inclusione attraverso il tempo libero, pensato non come tempo vuoto da riempire, ma come momento in grado di veicolare la crescita, lo sviluppo e l’espressione individuale a qualsiasi età. In questa grande area, Atlha -guardate il sito per vedere quante iniziative ha già sviluppato- intende realizzare anche un ristorante e un negozio con prodotti a km Zero. Ve lo raccontiamo, oltre al valore in se dell’iniziativa, anche perché la nostra associazione ha avuto un piccolo ruolo!

Rinata grazie ad Atlha Onlus
Cascina Bellaria a settembre
avrà anche ristorante e negozio km zero

Cascina Bellaria, immersa nel Parco Trenno (all’interno del Parco Sud), è gestita da Atlha Onlus, un’associazione di volontariato che da trent’anni si occupa di attività di tempo libero finalizzate all’integrazione sociale delle persone disabili (http://www.atlhaonlus.eu/cascina-bellaria): la filosofia di Atlha è l’inclusione, in ogni ambito della vita quotidiana e ad ogni età. Inclusione attraverso il tempo libero, pensato non come tempo vuoto da riempire, ma come momento in grado di veicolare la crescita, lo sviluppo e l’espressione individuale a qualsiasi età. In questa grande area, Atlha -guardate il sito per vedere quante iniziative ha già sviluppato- intende realizzare anche un ristorante e un negozio con prodotti a km Zero. Ve lo raccontiamo, oltre al valore in se dell’iniziativa, anche perché la nostra associazione ha avuto un piccolo ruolo!

Il proficuo incontro tra Atlha e Desr

Giorni fa ci ha scritto Nadia Zammitti di Atlha: “Da ormai una decina di anni la nostra sede è la cascina Bellaria, una splendida struttura immersa nel verde del Parco Trenno, interamente restaurata e divenuta un punto di riferimento per manifestazioni ed eventi rivolti al territorio. Adesso, grazie al sostegno di un’importante fondazione, stiamo per avviare il progetto di ristrutturazione di una serra già esistente all’interno della cascina, che sarà convertita in un punto vendita di prodotti agroalimentari a filiera corta, o in un punto GAS, con il coinvolgimento di 2/3 ragazzi disabili che verranno formati alla gestione del magazzino e della vendita di prodotti. Lo scopo del progetto è la valorizzazione dei prodotti del territorio e dello stile di vita sano, dato che in Cascina Bellaria cercheremo di istituire con l’avvallo del Comune un infopoint di Expo 2015. In questo momento siamo quindi nella fase di ricerca di partner che siano in grado di garantirci la fornitura di prodotti per il punto vendita…”. Noi abbiamo subito contattato il Desr (Distretto economia solidale rurale) Parco Agricolo Sud Milano: prontamente Dante Perin si è mosso andando a fare un sopralluogo. “La cascina è composta da due fabbricati che, oltre ai ragazzi, possono accogliere altre 30-40 persone suddivise in 10-15 stanze. Vi si trovano anche una grande cucina attrezzata e autorizzata dal comune per poter cucinare, e un salone che può disporre di circa 80 coperti. All’esterno c’è un grande porticato che può ospitare, anche qui, circa 80 persone.
C’è infine una tensostruttura a cerchio, con posti a sedere per 250 persone, che d’inverno è riscaldata. Non hanno molto terreno, ma c’è, tra l’altro, un piccolo orto che serve come componente educativa dei ragazzi e il raccolto serve per i loro pranzi. Atlha vuole valorizzare le potenzialità del luogo, che sono in effetti notevoli: da qui la loro decisione di aprire un’attività di vendita di prodotti agricoli e per la ristorazione. Ci siamo ripromessi di vederci nei primissimi giorni di settembre, portando alcuni dei nostri ‘addetti ai lavori’ per vedere come si possa iniziare, ovviamente a piccoli passi. Ho comunque anticipato che il Desr non fa da intermediario commerciale, ma favorisce gli accordi tra chi produce e chi acquista”.
Bene, siamo sicuri che l’iniziativa sarà di grande successo.

Piccola cronistoria della rinascita di Cascina Bellaria grazie ad Atlha

Costruita nel 1913 dalla contessa Ina Scheibler Gallarati Scotti, la cascina Bellaria è inserita nella parte centrale del Parco di Trenno, poco più a sud del Cimitero di Guerra Britannico (nella foto intorno agli anni ’70). ” Riedificata” nei primi anni ’90, presenta un impianto a L  composto da un corpo di fabbrica di 2 piani, congiunto mediante una tettoia ad un porticato, che un tempo fungeva da stalla all’aperto. Morfologicamente, la Cascina si organizzava attorno a spazi liberi: aia, cortili,  luoghi comuni di passaggio, di lavoro e di sosta.
Nel 1992 il complesso viene destinato all’associazione Atlha per una superficie lorda di pavimento di mq 576 circa, tramite concessione trentennale da parte del Settore Demanio e Patrimonio del Comune di Milano e dopo sei anni, nel 1998, viene rilasciata la concessione edilizia per avviare i lavori di ristrutturazione. In relazione alle condizioni manutentive del complesso rurale, è stato previsto un intervento di recupero edilizio, atto a conservare ed a riproporre l’assetto morfologico della cascina, recuperando la struttura della stalla all’aperto ed adattando le strutture alle esigenze dell’Associazione, nel rispetto dell’esistente.
Il 18 maggio 2005 la Cascina Bellaria viene inaugurata dopo un investimento economico di circa 1.700.000 euro sostenuto grazie al supporto, all’aiuto, alla dedizione di tanti, privati cittadini, aziende, banche; fondamentale è stato il contributo della Fondazione Cariplo. Oggi, sulla facciata della Cascina si trova un grande bassorilievo scolpito nel legno che riporta i nomi dei principali artefici di questo piccolo miracolo.
Dopo più di sette anni di lavori, finalmente, la Cascina Bellaria cambia destinazione d’uso: da cascina degradata a centro polifunzionale per il tempo libero finalizzato all’integrazione delle persone disabili.
1989: Atlha, nella sede in via Milani n.12, richiede al Comune di Milano l’assegnazione di uno spazio per
svolgere le proprie attività di tempo libero.
1992: Firma della convenzione tra il Comune di Milano e l’Associazione: è il riconoscimento del valore del Tempo
Libero per le persone disabili.
1998: Rilascio concessione edilizia.
Inizia la raccolta fondi: Fondamentale per la ristrutturazione della cascina è il sostegno della Fondazione Cariplo; a seguire le aziende, gli istituti bancari, gli enti istituzionali e il privato sociale. La Cascina ancora prima della ristrutturazione diventa spazio per l’integrazione sociale.
Le prime iniziative in Cascina che hanno avuto luogo sono: Elio e le Storie Tese, Verde Pulito, Pedalata di primavera.
2005: Inaugurazione di Cascina Bellaria

 

Rinata grazie ad Atlha Onlus Cascina Bellaria a settembre avrà anche ristorante e negozio km zero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy