Le Vie dei Canti sceglie
un bosco millenario nel Parco Sud
per un viaggio a piedi in piccoli gruppi

Le Vie dei Canti prende il nome dal titolo del quarto libro di Bruce Chatwin, scritto nel 1987. Nel testo lo scrittore affronta il tema del nomadismo e dello spostamento lungo gli itinerari tramandati oralmente dagli aborigeni australiani. La raffinatezza dei sistemi simbolici escogitati da questi indigeni è tale che rende il viaggiare un vero e proprio sistema di crescita. “Può essere che il nostro bisogno di distrazioni e la nostra mania per tutto ciò che è novità -scrive Chatwin- siano essenzialmente un istinto migratorio simile a quello degli uccelli d’autunno?”. E così, ogni proposta di viaggio a piedi con Le Vie dei Canti è un’occasione di incontro con la natura, le persone e le comunità attive nei territori.
“I nostri sono viaggi a piedi in piccoli gruppi e accompagnati da una guida con una storia da raccontare.  È la storia naturale e poi quella umana, tracciate dai nostri antenati 10, 100, 1.000 o 10.000 anni fa – spiegano nel loro sito. I nostri viaggi offrono la possibilità di incontrare uomini e natura, di accogliere le differenze e di vivere un’esperienza di apertura al nuovo e all’inaspettato. Il viaggio Vie dei Canti è condivisione di tempo, parole, cibi, emozioni. I viaggi sono unici e originali e messi a punto nei particolari uno per uno. I percorsi sono sempre nuovi per i compagni di viaggio e le storie che si incontrano”.

Occorreva questa premessa per introdurre all’iniziativa che Le Vie dei Canti organizza nel Parco Agricolo Sud Milano, per il fine settimana del 14-15 marzo: un modo bellissimo per assaporare la gioia della campagna, gli spazi dei campi, il luccichio delle acque, l’ombra quieta dei boschi, lontano dalle strade trafficate e dai grandi centri urbani. Il programma  prevede…

Le Vie dei Canti sceglie
un bosco millenario nel Parco Sud
per un viaggio a piedi in piccoli gruppi

Le Vie dei Canti prende il nome dal titolo del quarto libro di Bruce Chatwin, scritto nel 1987. Nel testo lo scrittore affronta il tema del nomadismo e dello spostamento lungo gli itinerari tramandati oralmente dagli aborigeni australiani. La raffinatezza dei sistemi simbolici escogitati da questi indigeni è tale che rende il viaggiare un vero e proprio sistema di crescita. “Può essere che il nostro bisogno di distrazioni e la nostra mania per tutto ciò che è novità -scrive Chatwin- siano essenzialmente un istinto migratorio simile a quello degli uccelli d’autunno?”. E così, ogni proposta di viaggio a piedi con Le Vie dei Canti è un’occasione di incontro con la natura, le persone e le comunità attive nei territori.
“I nostri sono viaggi a piedi in piccoli gruppi e accompagnati da una guida con una storia da raccontare.  È la storia naturale e poi quella umana, tracciate dai nostri antenati 10, 100, 1.000 o 10.000 anni fa – spiegano nel loro sito. I nostri viaggi offrono la possibilità di incontrare uomini e natura, di accogliere le differenze e di vivere un’esperienza di apertura al nuovo e all’inaspettato. Il viaggio Vie dei Canti è condivisione di tempo, parole, cibi, emozioni. I viaggi sono unici e originali e messi a punto nei particolari uno per uno. I percorsi sono sempre nuovi per i compagni di viaggio e le storie che si incontrano”. Occorreva questa premessa per introdurre all’iniziativa che Le Vie dei Canti organizza nel Parco Agricolo Sud Milano, per il fine settimana del 14-15 marzo: un modo bellissimo per assaporare la gioia della campagna, gli spazi dei campi, il luccichio delle acque, l’ombra quieta dei boschi, lontano dalle strade trafficate e dai grandi centri urbani.

C’è il paradiso a due passi da Milano

Occorreva questa premessa per introdurre all’iniziativa che Le Vie dei Canti organizza nel Parco Agricolo Sud Milano, per il fine settimana del 14-15 marzo: un modo bellissimo per assaporare la gioia della campagna, gli spazi dei campi, il luccichio delle acque, l’ombra quieta dei boschi, lontano dalle strade trafficate e dai grandi centri urbani. Il programma  prevede per sabato 14 la visita alla Riserva Naturale Fontanile Nuovo di Bareggio e la camminata su stradelle comunali e campestri fra i lembi del Bosco di Riazzolo fino alla Cascina Forestina, dove i viaggiatori degusteranno una cena a base di prodotti della zona cucinati secondo ricette del milanese e dell’abbiatense e pernotteranno, se necessario, nella locanda. Domenica 15 ancora in cammino, fra i coltivi, gli orti e i boschi della Forestina in compagnia dei versi di Virgilio e delle prose di Bonvesin da la Riva.
Un “assaggio” dei luoghi che si andranno a visitare ce lo propone Fabio Lepre. Un sogno? Sicuramente sì per chi crede che passeggiare in un bosco millenario, lambire lanche e fontanili, costeggiare orti e campi coltivati con metodo biologico, non siano esclusive del mondo onirico. Eppure succede dove meno te l’aspetti, a due passi dalla grande Milano, nella cintura del Parco Agricolo Sud. Laggiù, a Cisliano, al riparo dal passo di corsa, c’è la Cascina Forestina, oasi di 40 ettari tra querce e noccioli, custode di antichi e nuovi saperi.
Che questo sia un posto speciale lo diceva Virgilio nelle sue Bucoliche. I boschi, i colori e i profumi hanno ispirato il poeta latino che li ha scelti per donare vita eterna ai suoi pastori e ai suoi personaggi. Anche adesso è possibile posare lo sguardo sugli stessi colori che hanno infuocato il suo animo. Il territorio -assicura il proprietario Niccolò Reverdini, discendente di Carlo Alberto Pisani Dossi, maestro della Scapigliatura lombarda- è stato conservato così com’era. Non c’è stato alcun cambiamento e tutto è rimasto fedele alla sua vocazione. Soprattutto il bosco di Riazzolo, unico esempio nel Parco Sud lasciato in eredità dall’epoca dei Visconti e degli Sforza. In dote porta con sé la quercia, il carpino, il nocciolo, il melo selvatico: tutte essenze già raccontate da Virgilio 40 anni prima della nascita di Cristo. “Ed è affascinante -spiega Reverdini- ritrovare la stessa natura che vedeva e descriveva da ragazzo, come la fioritura del sambuco”.

A stupirsi tutte le volte che passa da queste parte è anche Flavia Caironi,  guida ambientatale che invita a camminare lungo i sentieri virgiliani: “Sembra impossibile, a due passi da Milano e dai luoghi dello scempio di Expo 2015, potere ancora avere un contatto con la natura, certo una ‘natura costruita’, come diceva il Cattaneo, frutto del lavoro millenario di uomini che hanno modellato questa pianura e resa fertile, immergersi in piccoli borghi dove ancora si assapora il ritmo delle stagioni, legato ai lavori nei campi”.
C’è un dettaglio di questi viaggi a piedi che le piace più degli altri: il “passare dal caos degli ambienti urbani alla tranquilla pace di una cascina dal sapore antico, immersa negli ultimi lembi di ‘foresta planiziale’ sopravvissuti all’urbanizzazione selvaggia: una piccola oasi di pace e quiete a due passi da casa, dove gustare prodotti tipici cucinati con amore e saggezza”.
Da queste parti fanno sul serio. Nel 2002 la Cascina Forestina ha ottenuto la medaglia d’oro della Camera di commercio di Milano per la produzione biologica unica in Lombardia. Nel 2004 e nel 2005 il premio Piazza Mercanti per la conservazione del territorio. Eppure negli anni Sessanta questa cascina era stata abbandonata e solo la volontà e la passione per la vita l’hanno tirata fuori dal baule del dimenticatoio.
Non solo attività agricola, la Cascina è un laboratorio culturale. Dal 1996 vengono promosse attività a sostegno della biodiversità e del miglioramento ambientale anche attraverso le tracce nella storia, nella letteratura e nelle arti figurative. Nel calendario degli appuntamenti ci sono poi attività didattiche per le scuole, dalla primaria in su, e progetti di agricoltura sociale. “Ma sempre -sottolinea con cura Niccolò Reverdini- con una finalità democratica e mai elitaria”.

Per info e prenotazioni La via dei canti – Ass. Tra Cielo e Terra: 328.7463537; 0583.356182

 

Le Vie dei Canti sceglie un bosco millenario nel Parco Sud per un viaggio a piedi in piccoli gruppi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy