Come uccidere il Parco Sud: l’Attila Maroni
dopo la Teem, ora vuole anche la Toem
la Tangenziale ovest esterna Milano

Un nuovo incubo incombe sul Parco Agricolo Sud Milano: la Tangenziale ovest esterna Milano, che si aggancerebbe alla vituperata superstrada Vigevano-Malpensa. Un progetto che era stato rigettato in anni e anni di battaglie da parte dei Sindaci, cittadini, agricoltori e associazioni ambientaliste. Ma la fame di territorio di Maroni non si placa e, in questi giorni, riesuma il progetto. Un progetto che ucciderà definitivamente il Parco Sud.
E fu proprio grazie all’opposizione dal basso che la Toem venne abbandonata, anche se il duo Podestà, l’ex presidente della Provincia, e Fabio Altitonante, ex assessore al territorio della Provincia, aveva tentato in ogni modo di inserirla nelle infrastrutture in progetto nell’ambito del nuovo Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Milano, approvato nel dicembre 2013. Ma malumore tra i cittadini e i comuni delle aree interessate, in particolare di quelle protette del Parco Agricolo Sud Milano che dovrebbero essere attraversate da questa tangenziale a pagamento, aveva portato a un ripensamento da parte degli artefici di questo ennesimo progetto delirante. Ma a Maroni piace l’asfalto e ci aggiunge…

Come uccidere il Parco Sud: l’Attila Maroni
dopo la Teem, ora vuole anche la Toem
la Tangenziale ovest esterna Milano

Un nuovo incubo incombe sul Parco Agricolo Sud Milano: la Tangenziale ovest esterna Milano, che si aggancerebbe alla vituperata superstrada Vigevano-Malpensa. Un progetto che era stato rigettato in anni e anni di battaglie da parte dei Sindaci, cittadini, agricoltori e associazioni ambientaliste. Ma la fame di territorio di Maroni non si placa e, in questi giorni, riesuma il progetto. Un progetto che ucciderà definitivamente il Parco Sud.
E fu proprio grazie all’opposizione dal basso che la Toem venne abbandonata, anche se il duo Podestà, l’ex presidente della Provincia, e Fabio Altitonante, ex assessore al territorio della Provincia, aveva tentato in ogni modo di inserirla nelle infrastrutture in progetto nell’ambito del nuovo Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Milano, approvato nel dicembre 2013. Ma malumore tra i cittadini e i comuni delle aree interessate, in particolare di quelle protette del Parco Agricolo Sud Milano che dovrebbero essere attraversate da questa tangenziale a pagamento, aveva portato a un ripensamento da parte degli artefici di questo ennesimo progetto delirante.

Ma a Maroni piace l’asfalto

Ora a riesumarlo ci pensa Maroni, l’Attila della Regione Lombardia che, come noto, nell’ambito dell’inaugurazione della Teem (che a quanto pare non sta dando i risultati sperati in termini di traffico, ma certo è prematuro sentenziare il “successo” o meno con numeri non ancora significativi), ha consegnato al ministro Del Rio un elenco di ulteriori 37 progetti di infrastrutture, tra cui 26 autostrade (inclusi gli ampliamenti di carreggiate) e solo 10 per mobilità ferroviaria, più 1 fluviale: insomma una manna per gli amici imprenditori, una mannaia per gli agricoltori e i cittadini che vorrebbero vedere salvaguardato il proprio territorio, già tanto devastato. Tra questi progetti, però, non è stata inclusa la Toem, ma in questi giorni, nel sito SIVAS della Regione (vedi immagine) è apparso, insieme alle altre infrastrutture, anche il tracciato della Toem.
Ovvio che riprenderemo -con tutte le altre associazioni, agricoltori, cittadini e sindaci- a batterci per frenare l’ennesima autostrada nel Parco Sud che, se fosse realizzata, ne determinerebbe la sua totale devastazione!

Come uccidere il Parco Sud: l’Attila Maroni dopo la Teem, ora vuole anche la Toem la Tangenziale ovest esterna Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy