Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
Previous Next

Cesano Boscone

 

 

Comune dell’area ovest di Milano, conta 23.791 abitanti (dato del giugno 2016), distribuiti su una superficie di 4 kmq, di cui 0,91 afferenti al Parco Agricolo Sud Milano. Cesano Boscone è diviso idealmente in quattro quartieri, denominati rioni e battezzati con epiteti che ne richiamano l'origine o il tratto caratteristico. I rioni (la Corte, il Bosco, il Ponticello e la Cascina) hanno modo di contrapporsi e competere in occasione delle feste patronali, in special modo durante il tradizionale palio cittadino, detto Palio del Cinghiale.
L’amministrazione comunale è retta da una giunta a maggioranza PD, con Alfredo Simone Negri nel ruolo di sindaco (in carica dal giugno 2014).

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Da vedere
Chiesa di San Giovanni Battista
Situata nel cuore del rione la Corte, è sede della diocesi di Cesano Boscone.  Si suppone che la chiesa sia stata fondata dalla regina Teodolinda nel 613, a seguito della sua conversione al cristianesimo. Scavi condotti nel 1995 al di sotto della chiesa hanno consentito di riportare alla luce i resti di un più antico luogo di culto, databile tra VI e VIII secolo, in epoca longobarda. Lungo il muro meridionale è stato rinvenuto un sarcofago  datato intorno al I secolo, che testimonia come il luogo fosse un’antica necropoli romana. Al livello del limo bruno scuro sono state trovate monete di età post-Costantiniana (IV secolo d.C.). Dagli scavi archeologici sono state rinvenute evidenze della presenza di numerose tombe povere altomedioevali a cappuccina e alcune fosse comuni cosparse di calce, probabilmente utilizzate all’epoca della peste.
L'edificio venne ampliato, a partire dal 1780, con la costruzione di un nuovo presbiterio. Nel 1899 la chiesa fu ritenuta inadeguata al numero di fedeli da accogliere e venne completamente smantellata e rifatta, conservando solo le realizzazioni del 1780 e un muro dell'abside su cui era conservato un affresco del XVI secolo. Internamente la chiesa mostra due tele eseguite all'inizio dell'Ottocento da Pietro Giustiniani. Gli arredi sono invece databili al XVIII secolo, mentre le tre croci processionali sono del XVII secolo. Vi sono poi altre tele, alcune del XVII secolo e altre più recenti, mentre i dipinti sulle volte e gli affreschi sono del XX secolo. Il battistero e la fonte battesimale, edificate sopra l’antico sarcofago del I secolo d.C., risalgono invece al Cinquecento.

Chiesa di Sant’Ireneo
Nel centro del quartiere Tessera si erge il complesso parrocchiale dedicato a Sant'Ireneo. La chiesa è la realizzazione di uno dei progetti vincitori del concorso nazionale Tre chiese per il 2000, bandito nel 1989 dalla diocesi di Milano. La piazza del sagrato, sopraelevata rispetto alla quota stradale di circa un metro e delimitata ai lati da un basso muretto in laterizio, è una sorta di atrio aperto, estensione della chiesa vera e propria. La piazza è arricchita dalla presenza fisica di due corpi: quello della cappella feriale, caratterizzato da una pianta a croce greca, che presenta però due bracci vuoti, e quello del campanile: una torre cava non molto elevata.

Villa Marazzi
Il complesso (sec. XVIII - sec. XX) è composto dalla villa e dai rustici che ne delimitano la corte. L'edificio principale
è a due piani con facciata ritmata da finestrelle rettangolari, al piano terra verso il cortile presenta un portico a cinque fornici,
coperto da cassettonato ligneo, alla cui estremità ovest è collocato lo scalone che conduce al piano superiore.
Attualmente è adibito a centro socio culturale.

Cascina Dornetti
Dai primi anni ’60 di proprietà della famiglia Dornetti, che vi avviò un'azienda agricola, è attiva ancora oggi: vi si allevano bovini e galline, che contribuiscono alla produzione e alla vendita diretta di latte, uova e altri prodotti. La cascina è anche fattoria didattica, visitata ogni anno da numerose scolaresche della zona.

Parco Pertini
Situato in via Roma, una delle strade principali del paese, rappresenta il polmone verde di Cesano Boscone. Il parco è attrezzato con numerose aree gioco per bambini, piste ciclabili, un chiosco e una fontana, attiva durante la bella stagione. Aperto 24 ore su 24, il parco si presta anche a ospitare eventi quali feste, mostre e manifestazioni sportive.

Parco Natura
Nato da un progetto elaborato dai tecnici dell’Unità operativa riqualificazione ambientale, Mitigazioni e pianificazione del territorio rurale dell’ERSAF (ente regionale per i Servizi all'agricoltura e alle foreste), in collaborazione con il Settore territorio e ambiente del comune di Cesano Boscone, il Parco si estende su 77.000 metri quadri a bosco, con oltre 12.000 piante forestali e quasi 200 alberi. Gli impianti sono stati effettuati con specie autoctone tipiche del quadro vegetazionale dell’area, in accordo con le linee guida suggerite dall'ente Parco Agricolo Sud Milano. Le opere di forestazione e di realizzazione dei filari, con specie tipiche del paesaggio padano, hanno contribuito alla costituzione di corridoi e macchie, i quali, associati all’elevata produzione di seme, potranno creare un ambiente favorevole alla nidificazione e all’alimentazione dell’avifauna, che rappresenta uno degli anelli fondamentali dell’ecosistema. Il parco è attraversato da corsi d’acqua, quali il Fontanile sant'Agnese, con alcuni suoi rami secondari e ulteriori derivazioni, ed il Fontanile Orenella.

 

Feste
Celebrata intorno alla terza settimana di settembre, la festa patronale -dedicata alla Madonna del Rosario- trae la sua origine dalla realtà parrocchiale. Ogni anno viene scelto un tema, intorno al quale si sviluppano riflessioni e incontri culturali aperti a tutti. Col passare degli anni la festa patronale ha assunto una valenza importante per Cesano Boscone, che oggi coinvolge e ingloba anche le tradizioni sociali, culturali, religiose e folcloristiche delle regioni di provenienza della popolazione residente. Animata da vari eventi, quali spettacoli musicali, momenti ludici, esibizioni folkloristiche, tornei sportivi e iniziative di solidarietà, l’apice della festa coincide con la tradizionale Processione Mariana, che si svolge per le vie della città, alla presenza delle istituzioni, degli ospiti e dei volontari.  
Nell’ambito della festa si tiene il tradizionale Palio del cinghiale, che vede i quattro rioni cittadini misurarsi in varie prove (tra cui tiro alla fune, corsa coi sacchi, staffetta ecc).

 

 

 

Il video del mese

Eccoci a Cusago, uno dei 61 comuni del Parco: un breve racconto per immagini che sintetizza i motivi per cui vale la pena fare una visita in questo piccolo centro a pochi passi da Milano: un territorio dal marcato carattere agricolo immerso nel verde del Parco Sud, tra campagne, fontanili e numerose cascine ancora attive, con due monumenti di grande interesse storico-artistico come il Castello Visconteo, edificio-simbolo del paese ora in attesa di recupero (il restauro del tetto è già a buon punto), e la chiesa trecentesca di Santa Maria Rossa, nella frazione di Monzoro. Il video è un’iniziativa di promozione territoriale voluto da Proloco e Amministrazione comunale di Cusago.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano