Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • image
Previous Next

 

Buccinasco, ecco le buone idee
per recuperare e valorizzare
il trecentesco Castello Visconteo

Soldi niente, volontà di valorizzarlo tanta. Il comune di Buccinasco, dove è sito il Castello Visconteo di origini trecentesche,  lo scorso 14 giugno ha promosso un convegno pubblico per presentare i possibili modi di riutilizzo di questa preziosa struttura, oggi purtroppo in forte stato di degrado.
La proprietà di questo immobile è della società che sta attuando il piano di recupero del borgo agricolo di Buccinasco Castello: il piano è stato oggetto di molte e annose contestazioni. Infine, revisionato dall'attuale giunta, dopo avere ottenuto anche i benestare da parte della Soprintendenza e dell'Ente Parco Agricolo Sud Milano, lo scorso novembre è stato definitivamente approvato.
"Secondo le Belle Arti -spiega Rino Pruiti, vicesindaco di Buccinasco- rendere agibile e fruibile il Castello comporterebbe una spesa di 4 milioni di euro. Il Comune ad oggi non si può certo permettere tale esborso. Però per dieci anni l'Amministrazione conserva il diritto di prelazione da solo o con altri Enti. Al fine di poterlo mantenere come simbolo della nostra comunità, si ritrova non a caso anche nello stemma della città, è fondamentale realizzare un progetto per il suo riuso: tutto questo ci consentirà più facilmente di partecipare ad eventuali bandi per il suo recupero e cercare sponsorizzazioni". Ed è proprio grazie alla partecipazione al bando Cariplo MI_LAND, che Buccinasco ha potuto accedere...

Buccinasco, ecco le buone idee
per recuperare e valorizzare
il trecentesco Castello Visconteo

Soldi niente, volontà di valorizzarlo tanta. Il comune di Buccinasco, dove è sito il Castello Visconteo di origini trecentesche,  lo scorso 14 giugno ha promosso un convegno pubblico per presentare i possibili modi di riutilizzo di questa preziosa struttura, oggi purtroppo in forte stato di degrado.
La proprietà di questo immobile è della società che sta attuando il piano di recupero del borgo agricolo di Buccinasco Castello: il piano è stato oggetto di molte e annose contestazioni. Infine, revisionato dall'attuale giunta, dopo avere ottenuto anche i benestare da parte della Soprintendenza e dell'Ente Parco Agricolo Sud Milano, lo scorso novembre è stato definitivamente approvato.
"Secondo le Belle Arti -spiega Rino Pruiti, vicesindaco di Buccinasco- rendere agibile e fruibile il Castello comporterebbe una spesa di 4 milioni di euro. Il Comune ad oggi non si può certo permettere tale esborso. Però per dieci anni l'Amministrazione conserva il diritto di prelazione da solo o con altri Enti. Al fine di poterlo mantenere come simbolo della nostra comunità, si ritrova non a caso anche nello stemma della città, è fondamentale realizzare un progetto per il suo riuso: tutto questo ci consentirà più facilmente di partecipare ad eventuali bandi per il suo recupero e cercare sponsorizzazioni".

I finanziamenti da MI_LAND

Ed è proprio grazie alla partecipazione al bando Cariplo MI_LAND, che Buccinasco ha potuto accedere a un finanziamento  per lo studio di ipotesi di recupero architettonico-edilizio, con rifunzionalizzazione e valorizzazione del Castello: "Si tratta di un progetto partecipato che, insieme a cittadini, associazioni, scuole punta a identificarne la funzione più idonea. Con il finanziamento di 40mila euro, infatti, abbiamo potuto dare incarico al Politecnico di Milano", aggiunge Pruiti.
Tre le proposte degli esperti del Politecnico che il Castello si presterebbe a ospitare, senza sovrapporsi con il restante complesso rurale del borgo:
1) una "conversione" del Castello in struttura ricettiva di qualità (poche camere, considerate le dimensioni della struttura), con anche sala per conferenze;
2) un utilizzo polifunzionale pubblico per ospitare eventi culturali, sociali e aggregativi, conferenze ecc;
3) la realizzazione di una biblioteca-centro studi: ospiterebbe un'ampia raccolta di libri d'epoca delle famiglie Brivio-Sforza, dedicata sia a studenti universitari sia ai ricercatori, che potrebbero "toccare con mano" gli antichi volumi.
Ci auguriamo che una di queste ipotesi di riutilizzo e valorizzazione trovi posto nel Castello. Il patrimonio storico culturale conferisce identità ai luoghi e alla comunità e custodirlo deve essere tra le priorità di chi amministra un Comune.
Non ci sono alternative, se non l'abbandono, il crollo e la perdita delle proprie radici. Questi luoghi hanno tante storie da raccontare. A noi e alle future generazioni.

Aggiungi commento


 

 

 

Il video del mese

Eccoci nel Parco Agricolo del Ticinello: con i suoi 88 ettari è il quarto per superficie dei parchi milanesi. L’area confina a sud con via Selvanesco, a nord con via Dudovich, a ovest con l’area verde urbana di via Romeo e a Est con la rimanente area agricola sud milanese. Il Parco Ticinello fa parte del Parco Agricolo Sud Milano. La sua unicità risiede però nel suo carattere agricolo, l’elemento caratterizzante e valorizzante di questo parco urbano è il coesistere di attività agricola e utilizzo pubblico. L’agricoltura disegna ii paesaggio tipico della pianura lombarda, ovvero, filari di pioppi che delimitano i campi e costeggiano il fitto reticolo dei canali irrigui… Permangono all’interno del Parco due cascine, Campazzo e Campazzino, a testimonianza della vocazione strettamente agricola della valle del Ticinello.

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano