Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • image
  • image
  • parco sud
  • parco sud
  • image
  • parco sud
  • image
Previous Next

PUC Festival 2018, programma completo

 

 

Festival

PUC Festival
Parco Urbano delle Culture, 2° edizione
da venerdì 28 a domenica 30 settembre 2018
c/o Anfiteatro e Parco della Martesana + Il Giardino Nascosto, Milano

Teorie e pratiche di protagonismo culturale

Per tre giorni, un programma day & night completamente gratuito, che propone due grandi appuntamenti musicali con concerti serali sul palco dell’Anfiteatro, mentre durante le giornate l’intero parco si anima con la caccia al tesoro di quartiere, arti itineranti e performance diffuse, band emergenti, appuntamenti dedicati al verde e agli orti di zona, oltre che una giornata benessere in giardino, momenti dedicati ai più piccoli, street food e un’area infopoint espositiva.

Un festival che è dimostrazione di quanto sia sempre più importante la partecipazione attiva della cittadinanza come strumento sociale e di crescita culturale, anche per combattere abusi, forme di violenza e sopraffazioni, puntando quindi l’attenzione sull’importanza della cooperazione e sulla forza delle realtà di zona. Come è stato recentemente dimostrato dagli episodi accaduti nel Giardino Nascosto, danneggiato lo scorso luglio da un incendio quasi sicuramente doloso e subito risanato tempestivamente grazie all’intervento dei cittadini e soci dell’associazione.

 http://www.cascinamartesana.com

c/o Anfiteatro e Parco Martesana

– h 17.00 Caccia al tesoro di quartiere

Appuntamento sotto il palco per la formazione delle squadre, la consegna delle istruzioni e la partenza delle prove: una serie di enigmi e indovinelli condurranno i partecipanti attraverso il parco, vince la squadra che completa il maggior numero di prove nel minor tempo possibile.

– h 19.00 Band on stage, vincitori concorso 2018

Breaking Larsen Theory, band Alternative Rock & Metal, prima classificata al concorso per band emergenti del quartiere che si è svolto durante le domeniche d’estate in giardino.

– h 20.00 Dr Thomas e BubbleHyde – bolle di sapone

Un mago capace di creare bolle giganti, bolle minuscole, bolle di fuoco, serpenti e draghi di bolle. Lo stupore in un gioco, un’illusione, una magia.

– h 21.00 Mokambo Brothers DJ set

Black Music con Mokambo Brothers, aka Felice Pascale. Da oltre dieci anni, con Cristian Saviano, fondatore di Mokambo Block Party, ritrovo più stimolante dell’underground milanese. Una sperimentazione sociale senza precedenti in Italia, di ispirazione newyorkese, ancora oggi punto di riferimento e unione di B.Boy, B.Girl, Writers e Musicisti. Per il festival: Funkettoni stilosi, Old school HipHop, Sample to Sample, Disco Music & Latin. Un viaggio tra sonorità inedite, con un mixaggio da maestri, rigorosamente solo in vinile.

– h 22.30 Ensi DJ set

In consolle il rapper Ensi, all’anagrafe Jari Ivan Vella. Campione di freestyle made in Italy, capofila della scena torinese e ormai da anni fiero residente di via Padova, nel 2017 ha presentato il suo quinto album personale dal titolo V, fatto di breakbeat e melodie, rap serrato e variazioni improvvise. Per la serata, selezioni italiane e americane, dalle bombe underground del momento ai classici del rap. Non mancheranno momenti di hosting al microfono.

 http://www.cascinamartesana.com

c/o Anfiteatro e Parco Martesana

– h 17.00 Call for art: Performance e arti itineranti

Una serie di postazioni sparse nel parco ospiteranno a rotazione diverse performance, selezionate tramite bando di concorso, sotto la direzione artistica di Ella Bottom Rouge, aperto a tutti, cittadini, scuole, artisti, associazione. Ogni spettacolo dura 10 minuti e viene ripetuto 3 volte, 1 volta ogni ora, in 3 luoghi diversi del parco, per un totale di 30 minuti di spettacolo, o prove aperte, o lezioni.

– h 17.00 Incontro con gli Orti di Quartiere

Laboratori, auto-produzioni, assaggi, degustazioni, scambio di semi con gli Orti di via Padova (Legambiente), gli Orti del Parco Trotter (Amici del Parco Trotter) e l’Orto di Cascina Martesana.

– h 20.00 Band on stage 2018: Funkey + Missey

In concerto i gruppi classificati al secondo e terzo posto del concorso per emergenti di quartiere 2018: il trio Funkey suona jazz, funk e soul mescolandoli a sonorità contemporanee, mentre Francesca Sevi in arte Missey, propone Soul, Hip Hop e R&B con loop station, dj set e al piano.

– h 21.00 Concerto: Vallanzaska, L’Orso Giallo Tour

Presentazione del nuovo album dello storico gruppo, pionere della musica Ska & Punk italiana: passati ormai vent’anni dalle piramidi di Cheope, rimangono immutate l’energia travolgente e l’ironia pungente che li distinguono e che hanno segnato il successo dei Vallanzaska.

– h 22.30 Concerto: Orange Duo

Orange Duo: didjeridoo, batteria e influenze di musica elettronica, in un live che è un’esperienza vorticosa per corpo e spirito.

 http://www.cascinamartesana.com

c/o Il Giardino Nascosto & Cascina Martesana

– h 11.30 Giornata Bellessere

Per tutto il giorno, postazioni massaggio, yoga e un workshop di danza del ventre. Dalle h 11.30 lezione di Vinyasa yoga e a seguire Meditazione sonora (fino alle h 13.30), entrambe a cura di Elena Bonomi. Massaggi, dalle h 15.00 alle 19.00: Shiatsu con Rossana Fracassini e Flavio Briguglio, Ayurvedico con Pamela Golin, Tradizionale con Claudia Lupezza, Tradizionale con Monica Navio. Dalle h 15.00 alle 17.00, workshop di danza del ventre con Valentina Vera Klauser. Prenotazioni via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

– h 16.00 Laboratorio di creazione Kokedama

Teoria e pratica per la realizzazione di piante volanti con l’antica tecnica giapponese. Chi volesse portare a casa il Kokedama realizzato, può farlo con un contributo di 10€.

– h 18.00 ATIR Teatro Ringhiera presenta “Roba minima, s’intend” – spettacolo dedicato a Enzo Jannacci

Spettacolo e concerto, un percorso di musica, parole, immagini, intorno alla figura del cantautore milanese e della Milano che egli ha raccontato nelle sue canzoni. Roba Minima, s’intend è un concerto malin-comico dove i brani sono introdotti, seguiti e contaminati dalle parole di alcuni autori milanesi che danno vita a una carrellata di personaggi eccentrici, surreali, timidi o inquieti, sempre densi di quella umanità semplice e schietta di cui erano ricche le periferie popolari e le case di ringhiera della Milano negli anni ’50 e ’60.

– h 20.30 Concerto Techno Jazz: LuPi goes to Acid

Ritmi elettronici e strumenti acustici.

– h 22.30 Rito del fuoco

La chiusura del festival segnerà anche la fine della stagione culturale 2018 di Cascina Martesana. Come ogni anno, l’ultimo atto sarà il Rito del Fuoco, per liberarsi da tutte le energie negative e darsi appuntamento alla prossima stagione, ancora più forti.


Sempre attiva la mostra fotografica della Rassegna Altri Mondi 2018:
Frames from the Hidden Garden & Beyond – Fotografie del Photolab Under26
c/o Galleria espositiva El Bagnin de Gorla

Ingresso libero a tutte le attività.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.cascinamartesana

PUC Parco Urbano delle Culture è realizzato dall’associazione Ecologia Turismo Cultura, Cooperativa Comin e Cooperativa Tempo per l’Infanzia, in collaborazione con Cascina Martesana e cofinanziato da Fondazione Cariplo nell’ambito del “Protagonismo culturale dei cittadini”. Il festival si inserisce all’interno del programma di Cascine Aperte 2018 e di Lacittàintorno, il programma triennale di rigenerazione urbana di Fondazione Cariplo, dedicato ai quartieri intorno al centro, al protagonismo delle comunità, a partire da Milano. PUC Festival si inserisce inoltre nell’ambito del programma di iniziative della kermesse Green Week e di Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente.

Aggiungi commento


 

 

 

Il video del mese

Un video dedicato all’agricoltura del Parco Agricolo Sud Milano: visitarlo è come entrare in un grande monumento i cui artefici, oltre alla natura, sono decine di generazioni di agricoltori e, in passato, i monaci delle abbazie e i signori dei castelli e dei palazzi, edifici che ancor oggi troneggiano in tutti i comuni del parco. Rogge, canali, navigli, mulini, strade di campagna e filari alberati, una miriade di fontanili, grandi cascine: opere scolpite nel territorio che si estende dalla Valle del Ticino a quella dell'Adda, cesellata da mani sapienti nel corso di due millenni. La campagna milanese ha rifornito i mercati della città e oggi, in una economia agricola profondamente mutata, continua a fornire i propri servigi: un paesaggio rurale tutto da godere, profumi e sapori di un tempo, un abbraccio verde intorno ai quartieri di una metropoli soffocata dallo smog. Il Parco (61 comuni su 47mila h) è stato voluto da un vasto movimento di associazioni e gruppi di volontariato -ancor oggi riuniti sotto la sigla Associazione Parco Sud- ma anche da intellettuali, amministratori e, in un crescendo di consenso, dalle associazioni che rappresentano le oltre 1400 aziende agricole che vi operano. Il parco resta lo strumento per limitare l'avanzata del cemento e valorizzare un grande patrimonio, di paesaggio e di cultura, in passato ingiustamente trascurato. E speriamo rimanga sempre così! (Ringraziamo La Città Metropolitana per il video).

cascine amiche

comuni bellezze

siti amici

 

parco sud milano