Maullu ad Tem


Politica e affari. Tem scarica Marano
e mette alla guida Maullu
 

I cantieri della Tem stanno devastando il Parco Agricolo. Ma, nelle stanze del potere, sono inquieti. E i cambi di poltrone si susseguono.
Stefano Maullu, che dall’assessorato in Regione era arrivato alla presidenza Tem, ora ne è Amministratore delegato, avendo preso il posto di Antonio Marano, 51 anni, proveniente dal Gruppo Unicredit.
Maullu, dopo il rimpasto della Giunta Formigoni, provocato dalla bufera leghista dello scorso aprile, era rimasto senza “sedia”. Ma, uomo forte della corrente di Guido Podestà, si era prontamente ricollocato – due giorni di disoccupazione -come presidente della Tem spa (certe persone cadono sempre in piedi), con busta paga da 120mila euro.
Poi, il 4 maggio, il Consiglio di Amministrazione di Tangenziale Esterna SpA (57% Tem, 15,5% Impregilo, 7,9% Pizzarotti, 4,1% Coopsette, 4% Cmb, 4% Unieco, 3,2% Cmc e altri soci) aveva nominato anche il nuovo Amministratore Delegato: Antonio Marano, 51 anni, proveniente dal Gruppo Unicredit.

(altro…)

Brevi dall’ente Parco Sud

 

Brevi dal Direttivo Ente Parco Sud

Il Direttivo dell’Ente Parco, riunitosi lo scorso 5 dicembre con all’ordine del giorno anche i Pgt di Albairate e di Cusago, ha dato parere favorevole ai singoli Pgt, rinviando al 18 dicembre la delibera di quello di Pantigliate. La decisione relativa ai 300mila mq di aree agricole da trasformare in aree a servizi ludico-sportivi è al momento rinviata. Intanto sottolineiamo che i nostri calcoli erano sbagliati per difetto. Il rendiconto totale delle richieste di aree Parco da Pantigliate e Noviglio superano i 250mila mq: sono infatti circa 300mila mq.
Relativamente alle aree per insediamenti di servizi ludico-sportivi di Noviglio e di Pantigliate, dispone che queste siano “da valutare in sede di variante generale del P.T.C. del Parco Agricolo Sud Milano”.

Rosate un anno dopo

 

Rosate, cosa succede ai 52mila mq “donati” dal Parco Sud
a Schattdecor per 20 posti di lavoro

È passato quasi un anno -era il 16 gennaio 2012- dalla delibera dell’Assemblea dei Sindaci dell’Ente Parco che consegnava 52mila mq alla Schattdecor, azienda tedesca presente a Rosate dal 1998, per consentire l’ampliamento della stessa sui territori del Parco Sud, in cambio di 15-20 posti di lavoro.
L’Associazione Parco Sud, in questi giorni, ha fatto un sopralluogo a Rosate: tutto immutato. Nessun lavoro in corso. Il terreno è ancora agricolo. E, facendo credere di essere interessati a un’eventuale assunzione, l’azienda ci ha informato che non sono previsti ampliamenti di organico. Lo si evince anche dal sito: momentaneamente non ricerchiamo nuovi collaboratori.

(altro…)

Odg

Ordini del Giorno del Direttivo del Parco Agricolo Sud Milano

2013

Odg  13 febbraio 2013

Odg 3 aprile 2013

Odg 29 maggio 2013

Odg 19 giugno 2013

Odg Assemblea dei Sindaci 9 luglio 2013

Odg 13 novembre 2013

Odg 11 dicembre 2013


2012

Odg 8 febbraio 2012

Odg 14 marzo 2012

Odg 19 aprile 2012

Odg 3 maggio 2012

Odg Assemblea dei Sindaci 31.05.2012

Odg 13 giugno 2012

Odg 11 luglio 2012

Odg 25 luglio 2012

Odg 26 settembre 2012

Odg 17 ottobre 2012

Odg 5 dicembre 2012

 

 

 

 

Sport brucia agricoltura Parco Sud

 

Parco Sud, 250mila mq

da agricoltura a sport

Ma non dovrebbe essere un Parco agricolo? Mercoledì 5 dicembre, il Direttivo dell’Ente Parco potrebbe, in un sol colpo, trasformare 250mila mq in spazi per lo sport.
Ecco il meccanismo. Ingredienti: un tocco di furbizia, un pizzico di mistificazione, una certa noncuranza per l’ambiente. È il mix perfetto ideato, neanche troppo ingegnosamente da alcuni Sindaci, per sottrarre aree al Parco, in tutta “legalità”, attraverso i famigerati Pgt.
La ricetta: si tolgono tutti i campi di calcio, le aree sportive e ludico-culturali già esistenti all’interno dei singoli comuni e si “offrono” alle immobiliari come aree edificabili; le immobiliari, che con ogni probabilità detengono la proprietà dei terreni agricoli del Parco Sud, offrono questi terreni al Comune, che le utilizzerà per… sì! per metterci campi di calcio, aree sportive e ludico-culturale.

(altro…)

Basiglio, se 1.488 cittadini sono uno sparuto gruppo di facinorosi

 

Basiglio, per il sindaco 1.488 cittadini
sono uno sparuto gruppo di facinorosi

Lo scorso 28 novembre, a Basiglio, il Consiglio comunale ha approvato il Pgt, che prevede un incremento di consumo di suolo intorno al 20% e una crescita della popolazione del 35%.
Ovviamente è stato votato dalla fedelissima maggioranza al sindaco, di cui riportiamo (giusto per farvi un’idea del personaggio) le sprezzanti dichiarazioni ad Affari Italiani (quotidiano online) in merito ai suoi concittadini non “allineati”:
Quanto alle contestazioni del Comitato contro il Pgt, “sono certo che la cittadinanza non è quella che si è presentata in Consiglio comunale nel tentativo di disturbarne i lavori. – commenta il Sindaco Cirillo – Quello è solo un gruppo sparuto, facinoroso e politicizzato, che porta avanti una battaglia contro tutto e contro tutti, auspicando un ritorno al passato”. A dimostrarlo sono anche i numeri. “Dopo un anno e mezzo di campagna denigratoria, diffamatoria e calunniante, volta a delegittimare in ogni modo il Pgt, le osservazioni che sono arrivate al nostro Piano di governo del territorio sono state in tutto 8. Questa è la cifra dei comitati che non vogliono il Pgt, il cui unico vero obiettivo è quello di fare battaglia politica in vista delle elezioni del prossimo anno”, conclude il primo cittadino.

(altro…)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy