Parchi Sud e del Ticino uniti per fermare la Vigevano Malpensa preoccupa il silenzio di Città Metropolitana

Parchi Agricolo Sud e del Ticino
uniti per fermare la Vigevano Malpensa
preoccupa il silenzio della Città Metropolitana

23 settembre 2018. L’approvazione definitiva del progetto della superstrada Vigevano-Malpensa da parte del Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), a soli quattro giorni dalle elezioni nazionali del marzo scorso, non ha smontato gli animi di cittadini e degli Amministratori pubblici. Da due giorni, è ufficiale che anche il Parco Agricolo Sud Milano si affianca al Parco del Ticino e ai comuni di Albairate e Cassinetta di Lugagnano per ricorrere al Tar contro la decisione del governo Gentiloni, fortemente appoggiata da Regione Lombardia.
Lo scorso giovedì, la presidente del Parco Agricolo Sud Milano, Michela Palestra, ha informato il Direttivo che gli uffici dell’Ente stanno predisponendo le carte del ricorso al Tar, in coerenza con le indicazioni del Direttivo, che a suo tempo aveva bocciato il progetto della superstrada.
Alla decisione di questi Enti non è certamente estranea…

(altro…)

I draghi verdi, ovvero le 584 fontanelle di Milano, sono protagonisti di un “viaggio fantasy” per insegnare ai giovani l’importanza dell’acqua

I draghi verdi, ovvero le 584 fontanelle di Milano,
sono protagonisti di un “viaggio fantasy”
per insegnare ai giovani l’importanza dell’acqua

19 settembre 2018. La tipica fontanella pubblica milanese, nel linguaggio comune di chi è della metropoli, è da sempre soprannominata ‘drago verde’ per via del rubinetto d’ottone a forma di testa di drago, ma è anche nota col nome di ‘vedovella’, in quanto il filo d’acqua continuo porta alla mente l’immagine di un pianto inconsolabile. Nelle fontane, nei famosi draghi verdi ritroviamo le testimonianze di questi antichi splendori che a volte si intrecciano a storie curiose e misteri, miracoli e credenze popolari. MM lancia un programma innovativo di narrazione condivisa, che coinvolge le nuove generazioni per assegnare un’identità e una storia a tutti i draghi verdi che abitano la città, con l’obiettivo di costruire una storia locale aperta a tutti…

(altro…)

Fervono i lavori per Risi e Bici una pista ciclabile da Naviglio a Naviglio per lasciare a casa l’auto e scoprire il territorio

Fervono i lavori per Risi e Bici
una pista ciclabile da Naviglio a Naviglio
per lasciare a casa l’auto e scoprire il territorio

17 settembre 2018. Una bicivia che congiunge i Navigli e che permette di partire dalla stazione ferroviaria di Gaggiano (raggiungibile facilmente e in pochi minuti dai milanesi con due treni all’ora), attraversare il Naviglio Grande, puntare a est nelle vaste campagne di Rosate e Noviglio, sino a Binasco e alla ciclovia Milano-Pavia sulle sponde del Naviglio Pavese.
Risi e Bici si snoda per 33 chilometri, di cui la maggior parte percorsi già esistenti, che verranno riqualificati e connessi tra loro attraverso nuovi tratti, a formare un lungo asse di mobilità sostenibile destinato a pendolari -da ciò l’importanza dei punti di scambio con la ferrovia a Gaggiano e la stazione degli autobus di Binasco-e ai vacanzieri della domenica, che potranno facilmente evadere dalla metropoli e scorrazzare in un territorio ricco di risaie e cascine, visitando angoli di storia intatti.
Oltre al sunnominato sistema dei Navigli, non mancano elementi di grande interesse artistico: tanto per citare a caso, il centro storico di…

(altro…)

Caccia al di fuori delle regole? I volontari mettono a disposizione dei cittadini un telefono per le segnalazioni di malacaccia

Caccia al di fuori delle regole?
I volontari mettono a disposizione dei cittadini
un telefono per le segnalazioni di malacaccia

16 settembre 2018. E’ iniziata la caccia e, con essa, sono iniziati i problemi di inciviltà connessi.
Fortunatamente, anche in questo caso viene in aiuto il volontariato e la libera iniziativa dal basso. Infatti, le Guardie Venatorie Volontarie si sono attrezzate e hanno istituito un numero di telefono per raccogliere le segnalazioni di “malacaccia”. Al 350.0479335 risponde un volontario, che l’attività di 12 guardie, attive nel milanese e anche nella zona di Pavia e Brescia.
Tutte le segnalazioni sono ben accette, anche se non siete sicuri che si tratti di un’irregolarità. Importanti sono gli avvisi di avvistamenti di cacciatori in aree protette, il ritrovamento di trappole, lacci e altri strumenti vietati per la caccia, come anche l’abbattimento di animali di specie tutelate: purtroppo, già da inizio stagione sono state segnalate uccisioni di rapaci, aironi e picchi. Altre segnalazioni hanno riguardato l’uso di armi da sparo in prossimità di abitazioni o danni ad aziende agricole per attraversamento senza cautele di campi coltivati.
Con questo servizio volontario a disposizione dei cittadini si tenta di supplire alla carenza del servizio pubblico: in pochi anni sono state smantellate le Guardie Forestali e quelle Provinciali.
Ringraziamo quindi questi volontari che, pur con mezzi limitati, possono contribuire a limitare i rischi collegati alle attività venatorie.

Giovedì 5 e 12 marzo, ore 17, conferenze sulla Milano romana

Ciclo di conferenze 2020
con Roberta Feri Milano romana

Dalla scrofa semilanuta all’aquila imperiale

Con questi due primi incontri inizia un percorso alla riscoperta di una città nata grazie all’intuito di antiche genti che riconobbero in questo territorio le premesse per un promettente sviluppo. Ma furono i Romani a cambiarne il volto con un’urbanizzazione precisa e razionale e l’edificazione di monumenti grandiosi degni delle più importanti città dell’Impero. Non tutto si è cancellato e gli scavi vecchi e nuovi, in questa città sempre in evoluzione, lo testimoniano puntualmente. Le prime tracce di insediamento raccontano di un mondo transalpino celtico attivo ed organizzato, ma saranno i nuovi inarrestabili conquistatori a trasformare Mediolanum in una città prestigiosa e strategicamente fondamentale per la difesa dell’Impero..

Giovedì 5 marzo 2020 ore 17.00
1. Inseguendo la scrofa semilanuta.

Milano nasce grazie alla felice posizione nel territorio tra i lunghi fiumi che attraversano l’enorme e fertile pianura a ridosso delle Alpi. Un luogo nevralgico e sacro scelto da una dea; un luogo che ben presto attirerà l’interesse dei Romani.

Giovedì 12 marzo 2020 ore 17.00
2. Sulle orme della lupa capitolina.

Dopo aver strappato Mediolanum ai Celti, i Romani ne occupano il territorio e si sovrappongono all’antico insediamento impostando la propria urbanizzazione. Mura, Teatro, Anfiteatro, Foro: ormai la lupa ha cacciato la scrofa e vive in città.

 

Sala Conferenza piano terra Via Duccio di Boninsegna 21/23, Milano

Contributo € 10,00
Ingresso gratuito per i soci di Italia Nostra

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy