17 tesori nascosti tra San Giuliano e Melegnano e dintorni

Tutta da scoprire
l’impronta medievale
ad Est del Parco Sud, ma non solo

3 dicembre 2019. C’è davvero da stupirsi per i tesori che Cristiana Amoruso, responsabile di Italia Nostra Sud Milano, è riuscita a mettere in rilievo con testi e foto: dei 17 scorci medievali proposti, ben 13 si trovano nel Parco Agricolo Sud Milano. Ma quando si riuscirà a capire tutto il valore intrinseco di questo Parco?

I 15 TESORI NASCOSTI NEL NOSTRO TERRITORIO

Si corre tutto il giorno avanti e indietro dalle cittadine di provincia, sempre più simili a città-dormitorio, alla frenetica Milano e viceversa. Si corre senza guardarsi indietro. Ma talvolta a non guardarsi indietro, e tutt’attorno, si rischia di lasciarsi scappare dei veri e propri tesori.
Quello che vogliamo proporvi è un tour all’insegna della riscoperta dei tesori della zona: nove luoghi in cui si nascondono le tracce di un prezioso passato. Per fare questo, Cristiana Amoruso ha curato questa piccola guida per scoprire alcuni dei tesori nascosti che ci circondano.

(altro…)

Due libri strenne natalizie sul territorio milanese (e le sue storie)

Alla scoperta dei luoghi belli e insoliti di Milano:
due libri per invogliare a girovagare nella città
e comprenderne le radici e le storie

29 novembre 2019. La lettura è spesso associata alle pantofole: al caldo, sulla poltrona, lo scorrere delle pagine ti rassicura e dona visioni che nessuna finestra può rendere. Ma a volte le storie raccontate ti danno la singolare sensazione di spronarti a conoscere il tuo territorio, la tua città, comprese quelle periferie misconosciute, ma ricche di storie e bellezze inaspettate.
“Milano nascosta – dalle pietre romane alla città che sale” è un libro … (altro…)

Ecco quanto vale la tutela dell’ambiente per la Regione Lombardia!

Per migliorare efficacia ed efficienza delle attività
di vigilanza, controllo e prevenzione ambientale
la Regione stanzia 555.000: 185.000 per 3 anni

28 novembre 2019. La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, ha approvato lo schema di Protocollo d’Intesa tra Regione Lombardia, il Comando dei Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente – Nuclei Operativi Ecologici (NOE) di Milano e Brescia e l’ARPA Lombardia (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) per migliorare l’efficacia e l’efficienza complessiva delle attività di vigilanza, controllo e prevenzione in materia di tutela dell’ambiente. L’idea è corretta, ma la cifra è assolutamente inadeguata, per non dire ridicola. Con meno di duecentomila euro all’anno di possono far stampare i biglietti di auguri per le Feste natalizie, ma non si possono acquistare molte fototrappole o droni con fotocamere, così come chiedono i Comuni. (altro…)

Tutti insieme… grazie alla Mafia

Casa Chiaravalle, dalla mafia alla collettività
oggi è un luogo dove l’accoglienza
si intreccia con socialità, lavoro e agricoltura

27 novembre 2019. È il simbolo di una nuova idea di convivenza civile, di accoglienza, di integrazione. Casa Chiaravalle, a poche centinaia di metri dall’omonima Abbazia, con i suoi 1.300 mq di edifici, un terreno di circa 10 ettari, è il secondo bene per estensione confiscato nel 2012 alla criminalità organizzata nel Nord Italia. E, grazie ai lavori della rete di imprese sociali Passepartout, è oggi uno dei migliori esempi di “recupero” delle migliaia di beni sottratti alla mafia. 
La villa, di circa 1.300 mq, apparteva “al boss della zona”, arrivato a Milano dalla Calabria e arricchitosi con il traffico di droga, la messa in circolazione di banconote false e l’usura. Ma è stata trasformata da già da tempo un luogo di accoglienza: da immobile sfarzoso, con arredi di pregio, marmi rosa e una sala da bagno di quasi 20 mq e vasca idromassaggio, distrutta dopo il sequestro, Casa Chiaravalle è stata ufficialmente inaugurata lo scorso 20 maggio, dopo lunghi lavori di ristrutturazione ed è oggi una sorta di condominio solidale, unico nel suo genere: è il risultato di un cammino condiviso tra Passepartout Rete di imprese sociali (che riunisce La Cordata, FuoriLuoghi, Tuttinsieme, Progetto Integrazione e Genera) e i partner istituzionali (l’assessorato alle politiche sociali del Comune di Milano, la Città Metropolitana, MM società metropolitana milanese), il privato sociale e la società civile. Nella ristrutturazione si sono impegnati Passepartout, Bpm Spa e l’associazione Amici di Casa Chiaravalle. (altro…)

Piantando sotto la pioggia…

Piantare alberi fa bene al cuore e al pianeta
a Rozzano, Colturano e in tante aree
i cittadini donano futuro alla Terra

22 novembre 2019. E’ la stagione giusta, e non è un caso che la festa dell’albero sia stata festeggiata proprio ieri. Con l’avvento dell’autunno e l’inizio del riposo vegetativo (una sorta di letargo delle piante) partono le piantumazioni di alberelli. E non c’è pioggia che tenga: adulti e bambini, imbacuccati sotto le cerate, si danno da fare incuranti del maltempo. Lo fanno col cuore, perché è bello diffondere il verde e la vita, e con la testa: i benefici di un albero sono così tanti, dal raffrescamento al nuovo ossigeno e alla cattura di CO2, che non basterebbe una pagina per elencarli.
Per una singolare coincidenza, domenica scorsa siamo stati attori/testimoni di due belle iniziative: a Rozzano c’è stata la piantumazione di 150 alberelli in tre parchi cittadini e a Colturano la messa a dimora di 70 piantine. Neanche a farlo apposta, due giorni dopo Il Giorno ha dedicato una pagina alle azioni di “guerriglia gardening” di Mercedes Mas Solè (nel riquadro della foto), grande ambientalista –e siamo davvero onorati di averla come socia- che da anni pianta alberi un po’ dappertutto, dalle piazzole spartitraffico alle sponde delle rogge. (altro…)

Importante manifestazione ad Abbiategrasso

CORTEO POPOLARE ad Abbiategrasso
Sabato 14 dicembre, ore 15, Piazza Castello
No Tangenziale – Il Pagiannuz non si tocca!

Dobbiamo difendere e salvaguardare il territorio abbiatense e magentino dalla catastrofe finale che rischia di essere imminente.
Bloccare il piano Essedue/BCS/NAI e fermare la Tangenziale Magenta-Vigevano è fondamentale per immaginare e costruire un futuro che non sia fatto solo di asfalto, cemento e miseria economica e culturale.

Il piano urbanistico sul Pagiannunz andrebbe a distruggere un’area di incredibile valore storico e naturalistico compresa tra l’Annunciata e il Naviglio Grande, la tangenziale trasformerebbe per sempre il sud ovest di Milano, ultima porzione di territorio ancora prettamente agricola.
Una grossa e immotivata espansione urbanistica e un immotivato e gravissimo consumo di territorio: 40mila MQ di cemento, 20 capannoni prefabbricati, strisce di asfalto di decine di chilometri per un’infrastruttura obsoleta, nociva e inutile.
Uno stravolgimento paesaggistico, ambientale e sociale. (altro…)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy