Oggi giornata mondiale dell’ambiente, Accettiamo la richiesta dell’ONU: vietare i prodotti di plastica monouso

Oggi Giornata mondiale dell’ambiente,
Condividiamo la richiesta dell’ONU:
vietare i prodotti di plastica monouso

                            

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

5 giugno 2018. Ogni minuto gettiamo via plastica equivalente a un camion carico di rifiuti e utilizziamo 1 milione di bottiglie di plastica. Ogni anno compriamo 500 miliardi di sacchetti di plastica. Il 50% della plastica è monouso. Nel mondo, le materie plastiche costituiscono l’85% dei rifiuti marini. Sotto forma di microplastiche sono presenti anche nell’aria, nell’acqua e finiscono anche sulle nostre tavole. Anche l’Europa se ne sta finalmente rendendo conto: dopo aver messo al bando i sacchetti di plastica nel 2015 (ma ci sono ancora moltissimi luoghi, in particolare nei mercati rionali, dove si continuano a usare sacchetti fuorilegge), ora la Commissione UE sta cercando di realizzare una strategia formata dal pacchetto sull’economia circolarem recentemente approvato definitivamente da Consiglio e Parlamento e dalla proposta di una tassa sulla plastica. L’odierna giornata dell’ambiente si pone l’obiettivo di spingere i governi, le industrie, le comunità, i cittadini a trovare insieme soluzioni che portino a ridurre con urgenza la produzione e l’utilizzo eccessivo della plastica, responsabile…

(altro…)

Il Centro scientifico biomedico Cerba pare scomparso dal nuovo PGT di Milano. 1,5 milioni di mq entreranno nel Parco Sud

Il Centro scientifico biomedico Cerba
pare scomparso dal nuovo PGT di Milano.
1,5 milioni di mq entreranno nel Parco Sud

 

31 maggio 2018. Come noto, l’assessore all’urbanistica Maran, lo scorso 18 maggio ha presentato il nuovo Piano di Governo del territorio (PGT).

Nella lunghissima presentazione, ci siamo soffermati -forse un po’ troppo di parte- quasi esclusivamente sulle aree che riguardano il Parco Agricolo Sud Milano. E, se davvero Maran intende attuare questi progetti, possiamo tirare un sospiro di sollievo: il Cerba, Centro Europeo di Ricerca Biomedica Avanzata, un istituto scientifico da edificare accanto allo Ieo, l’Istituto Europeo d’Oncologia, sarebbe stato cancellato (o ricollocato?). E non si trattava solo del Cerba, ma anche di Edilizia privata, supermercati e via dicendo…

(altro…)

Al voto tutti amano l’ambiente, ma qualcuno poi si contraddice forte e il caso di una lista di Basiglio

Al voto tutti amano l’ambiente,
ma qualcuno poi si contraddice forte
E’ il caso di una lista di Basiglio

29 maggio 2018. Basiglio è tra i diversi comuni che domenica 10 giugno andranno al voto per rinnovare l’Amministrazione locale. In genere –e per fortuna- nei programmi delle liste che si presentano non mancano le affermazioni di tutela e miglioramento della qualità dell’ambiente. Ma leggendo poi altre parti del testo, si evidenziano progetti di tutt’altro tipo. Nella lettera aperta che segue, affrontiamo il caso di Basiglio. E’ il caso della Lista civica Lidia Reale insieme…

 

(altro…)

Casa Chiaravalle, dalla mafia alla collettività. Oggi è un luogo dove l’accoglienza si intreccia con socialità, lavoro e agricoltura

Casa Chiaravalle, dalla mafia alla collettività.
Oggi è un luogo dove l’accoglienza
si intreccia con socialità, lavoro e agricoltura

28 maggio 2018. È ora il simbolo di una nuova idea di convivenza civile, di accoglienza, di integrazione. Casa Chiaravalle, a poche centinaia di metri dall’omonima Abbazia, con i suoi 1.300 mq di edifici, un terreno di circa 10 ettari, è il secondo bene per estensione confiscato nel 2012 alla criminalità organizzata nel Nord Italia. E, grazie ai lavori della rete di imprese sociali Passepartout, è oggi uno dei migliori esempi di “recupero” delle migliaia di beni sottratti alla mafia.
La villa, di circa 1.300 mq, apparteva “al boss della zona”, arrivato a Milano dalla Calabria e arricchitosi con il traffico di droga, la messa in circolazione di banconote false e l’usura. Ma è stata trasformata in un luogo di accoglienza: da immobile sfarzoso, con arredi di pregio, marmi rosa e una sala da bagno di quasi 20 mq e vasca idromassaggio, distrutta dopo il sequestro, Casa Chiaravalle è stata ufficialmente inaugurata lo scorso 20 maggio, dopo lunghi lavori di ristrutturazione ed è oggi una sorta di condominio solidale, unico nel suo genere: è il risultato di un cammino condiviso tra Passepartout Rete di imprese sociali e dove socialità, agricoltura, accoglienza…

(altro…)

Il TAR Lombardia pone forti limiti edificatori a Infrafin per la Città Nuova a Rozzano progetto da 1 milione di mc e 5.600 abitanti

Il TAR Lombardia pone forti limiti edificatori
a Infrafin per la Città Nuova a Rozzano
per il progetto da 1 milione di mc e 5.600 abitanti

25 maggio 2018. Dopo la notizia di questi giorni, che pone Rozzano tra i comuni a più alto inquinamento di biossido d’azoto -i diesel sono il peggiore nemico- riportiamo con ulteriore soddisfazione la decisione del Tar Lombardia (II Sezione di Milano) in merito alla prevista edificazione della Città Nuova a Rozzano: in sintesi, il tribunale ha rigettato in toto il ricorso di Infrafin, accogliendo le controdeduzione presentate dall’allora Provincia (ora Città Metropolitana di Milano), fatto che riduce fortemente le possibilità di edificare l’area. 
La Città Nuova è un progetto esteso anche su 551.700 mq di aree agricole che nel 1990, impropriamente, furono escluse dal Parco Sud, ma che al Parco sono adiacenti e che del Parco sarebbero una naturale estensione.
Il PGT di Rozzano (Piano Governo Territorio, dicembre 2012) prevede l’edificabilità (consumo di suolo) di 378mila mq per una volumetria di quasi un milione di metri cubi.
L’area è situata a ovest del naviglio pavese, vicino alla tangenziale e al confine con Assago…

(altro…)

Con il progetto l’Olona entra in città La natura è in “ricostruzione” e si piantano 3.700 alberi a Rho e Pregnana

Con il progetto l’Olona entra in città
La natura è in “ricostruzione”
e si piantano 3.700 alberi a Rho e Pregnana

24 maggio 2018. Sono in corso gli ultimi interventi del progetto L’Olona entra in città, nato nel 2013, che punta a realizzare sia una connessione ecologica sia la riqualificazione ambientale del Parco del Basso Olona, un PLIS (Parco regionale di interesse sovracomunale), adiacente al Parco Agricolo Sud Milano, nell’area nord-occidentale del territorio della Città Metropolitana, nel contesto dell’alta pianura irrigua ed immediatamente a sud del canale Villoresi. Rho e Pregnana, sono ambedue comuni del Parco Sud, ma sono anche inclusi nel Plis citato. Dopo i lavori di manutenzione straordinaria, il prossimo passo è la piantumazione di 3.700 tra alberi ed arbusti (in particolare querce, biancospini, noccioli, cornioli, viburni), che consentiranno al bosco di tornare a una composizione più naturale e di maggiore interesse per la fauna. La piantumazione ripristinerà anche il grado di ricopertura del bosco: verrà quindi messo…

(altro…)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy