Maxi orti Selvanesco

Comune e Municipio dicono la loro
sul progetto dei maxi orti di Via Selvanesco
Ripensamenti e ridimensionamenti in arrivo

29 ottobre 2017. Non capita di frequente di uscire da un’assemblea con le idee più chiare. E’ stato il caso dell’incontro sul progetto di orti urbani a Via Selvanesco, tenutosi ieri al circolo Arci Conca Fallata. Un folto pubblico ha ascoltare gli amministratori comunali e del Municipio e manifestare le perplessità e obiezioni, che sono arrivate direttamente ai proponenti del progetto, presenti in sala. Interventi brevi e mirati hanno permesso un confronto che, se si darà seguito alle parole, darà buoni frutti. Perché il progetto è tutt’altro che fissato e modifiche sostanziali sono in corso: da una rapida scorsa delle nuove carte si parla di parcheggi che da migliaia passano a qualche decina e orti che da 3mila scendono a qualche centinaio, facendo posto ad attività agricole come frutteti. E, con l’eccezione del presidente del Municipio 5, tutti d’accordo nel non raddoppiare la larghezza di via Selvanesco, in modo da non creare un pericoloso taglio nel Parco Agricolo Sud Milano…

(altro…)

Touring Pasm

Per la Giornata nazionale del trekking urbano
il Touring disegna 18 itinerari
dedicati ai territori del Parco Agricolo Sud Milano

28 ottobre 2017. Camminare, per fortuna, sta diventando una moda, anche se purtroppo lo diventa come conseguenza della nostra vita sempre più sedentaria e insana. Ci ha sorpreso quante persone hanno scelto delle vacanze a piedi, quanti gruppi di trekking esistono,… L’Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) ha messo in evidenza i rischi per la salute di uno stile di vita sedentario e ha ricordato a tutti di concedersi ogni giorno una bella passeggiata di salute. In questo articolo, che riprende in parte quanto scritto da Mercedes Mas Solé per il nostro sito, nel segnalare che il 31 ottobre si celebra la Giornata nazionale del trekking urbano, presentiamo i 18 itinerari tematici, tra ambienti naturalistici, paesaggi agricoli e punti di interesse architettonico nel Parco Agricolo Sud Milano, pensati dal Touring Club (scarica mappa).

Cos’è il trekking urbano? Come si legge nel sito omonimo, si tratta di una forma di sport dolce, adatto a tutte le età e a tutte le stagioni: un nuovo modo di fare turismo, meno strutturato e lontano dai circuiti più conosciuti. Un turismo sostenibile…

(altro…)

Veleni Mediglia

Dopo oltre 30 anni, svolta decisiva
per accertare l’entità dei veleni tossici
nei terreni di Ca’ del Lambro a Mediglia

27 ottobre 2017. Ci siamo, con l’arrivo dei finanziamenti regionali, il comune di Mediglia ha dato l’avvio all’accertamento della effettiva entità dei rifiuti tossici interrati in una vasta area. Il tutto scoperto grazie alle rivelazioni di un camionista “pentito”, che già nel 1985 aveva denunciato come di notte, a Mediglia, in diverse fasi e tempi, scaricava fusti di prodotti chimici più molto altro. Certo non si può paragonarlo a Carmine Schiavone, il boss che gestiva l’amministrazione dei Casalesi, morto d’infarto un paio d’anni fa: era stato il primo a svelare, nel 1993, i traffici del più potente clan camorristico e, soprattutto, a raccontare come e quando la provincia di Caserta è stata trasformata in un’immensa discarica dove accogliere ogni tipo di rifiuto tossico, attraverso l’ausilio di autisti e imprenditori compiacenti.
Il parallelismo sul modus operandi può anche inquietare, ma l’area che cela nel sottosuolo rifiuti tossici a Ca’ del Lambro di Mediglia, di cui abbiamo scritto circa un paio di mesi addietro, sarebbe ben più vasta di quanto ipotizzato. D’altro canto, una domanda sorge lecita: c’era un solo camionista che scaricava sostanze inquinanti a Mediglia e dintorni?
Ma veniamo agli aggiornamenti sul caso: “I primi carotaggi di accertamento effettuati in loco…

(altro…)

bandoMulino

Il Mulino di Chiaravalle macina progetti:
dal bando Cogita et labora sei nuove iniziative
per sviluppare stili di vita sostenibili

26 ottobre 2017. Dalle origini del grana alle erbe di campo, dagli orti botanici all’archeologia delle radici agro-gastronomiche. Sono alcune delle idee vincenti che prenderanno corpo al Mulino di Chiaravalle: accanto all’antica Abbazia, è un luogo in cui recuperare le radici, osservare, diffondere e sviluppare modelli di vita sostenibili e dove -attraverso il progetto Cogita et labora- spiritualità, cultura e agricoltura formano le tematiche sinergiche per valorizzare il territorio e la sua ricchezza culturale.
Lo scorso luglio, enti non profit, pubblici o privati, singoli cittadini, gruppi informali sono stati invitati a mandare proposte per il Bando Cogitando et eLaborando – Partecipazione, cultura e sostenibilità che rispondessero alla filosofia del luogo, tramite l’organizzazione di eventi e iniziative. È di 7.500 euro il budget stanziato, con il contributo di…

(altro…)

ParcoNordgiudice

L’associazione Amici del Parco Nord sollecita
alla giudice la conclusione dell’inchiesta
sugli scarichi abusivi nel Seveso: 1420 su 1500

24 ottobre 2017. Il Seveso è un fiume a carattere torrentizio lungo 52 chilometri il cui corso si sviluppa interamente nelle province di Como, Monza Brianza e Milano: nel corso degli anni, a causa degli scarichi abusivi nelle sue acque, è ormai spesso ricordato come il fiume nero. Ma anche quello delle esondazioni dei quartieri a nord di Milano.

“Che la pulizia delle acque del Seveso sia necessaria e urgente e che faciliterebbe comunque la risoluzione del problema delle esondazioni del Seveso, ormai lo dicono in tanti, anche se poi nessuno fa niente. Lo dice l’assessore Granelli, che da tempo, da anni, si è impegnato a predisporre accanto al Piano Aipo delle Vasche, un Piano parallelo dell’Invarianza idraulica e della pulizia del Seveso; lo dicono i Sindaci e lo ripete pure la Regione e il suo braccio esecutivo, Aipo appunto. La Magistratura milanese ha avviato, or sono quasi tre anni, un’indagine la cui conclusione era stata annunciata per fine 2016 e che però non vede ancora la luce”. è quanto ci racconta Arturo Calaminici, presidente dell’associazione Amici del Parco Nord.
“Ecco perché abbiamo inviato una lettera al sostituto procuratore della Repubblica che segue l’inchiesta contro gli scarichi abusivi (1420 su 1500 accertati e localizzati)…

(altro…)

Basiglio video

Basiglio: ecco i luoghi su cui Berlusconi
intende costruire palazzi fino a 8 piani.
E hanno il coraggio di chiamarli terreni degradati

 

Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

23 ottobre 2017. Qualcuno riesce a vedere il degrado su questi terreni di Basiglio? Passati di mano in mano tra società della famiglia Berlusconi e approdate a Fininvest, questi 136mila mq hanno ormai tutte le carte in regola per costruirci su ben 180mila metri cubi di palazzi, alti sino a 8 piani.
Eppure è un dato di fatto che i cittadini di Basiglio non li vogliono. Su queste aree, Berlusconi aveva provato a farle trasformare da verde a edificabili: una prima volta nel 1992, ma gli abitanti votarono in massa un referendum urbanistico bloccando così le nuove edificazioni. Ci riprovò nel 1998, e anche allora la pressione dei cittadini fu tale da mandare in crisi la giunta comunale e cancellare la proposta. La terza volta, però, è stata quella buona: nel 2011…

(altro…)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy