LIPU, WWF e altre 15 associazioni: la riforma della legge nazionale sui Parchi è pessima appello alla mobilitazione e a Gentiloni

LIPU, WWF e altre 15 associazioni:
la riforma della legge sui Parchi è pessima
appello alla mobilitazione e a Gentiloni

17 marzo 2017. “Attendevamo buone notizie dalla Commissione Ambiente della Camera, dopo le aperture del presidente Realacci (presidente onorario di Legambiente n.d.r.) e la grande mole di argomenti con cui, in modo dettagliato, abbiamo spiegato cosa non andava nel testo giunto alla Camera -dichiara la LIPU-. Poco o nulla delle nostre proposte è stato invece recepito. Ci ritroviamo dunque un disegno di legge che, se confermato, eliminerà i metodi ecologici della gestione faunistica lasciandola in mano ai cacciatori, prevederà direttori senza competenze naturalistiche e sotto scacco, conterà su una presenza debordante delle componenti localistiche e non introdurrà alcuna attenzione concreta alla conservazione della biodiversità. Emblematico, in tal senso, il rifiuto di riconoscere i siti Natura 2000 come aree protette ai sensi della legge italiana. Un fatto ingiustificabile e clamoroso, che dà il senso del motore che ha mosso questa riforma.
I parchi italiani, che avrebbero bisogno di un rilancio culturale e materiale, di un sostegno forte della politica e delle istituzioni, ricevono invece un colpo che rischia davvero di essere durissimo…

(altro…)

Parchi Sud e Nord sono ora un unico ecosistema Integrazione o fusione? La parola all’assemblea dei Sindaci del Parco Sud

Parchi Sud e Nord sono ora un unico ecosistema
Integrazione o fusione?
La parola ora ai Sindaci del Parco Sud

17 marzo 2017. Ieri il Direttivo del Parco Agricolo Sud Milano ha votato a grande maggioranza, unico contrario il sindaco della Lega Nord Ettore Fusco, la delibera di accettazione della proposta di un Ambito Territoriale Ecosistemico unico, la cosiddetta Macroarea 8 prevista dalla legge regionale 28/2016, al cui interno risultano inclusi il Parco Agricolo Sud Milano e il Parco Nord. Le preoccupazioni per una fusione snaturante si sono sentite e come (vedi anche articolo precedente). Non è un caso che al documento iniziale siano state inserite delle prescrizioni -per quel che valgono, in quanto non impegnano la Regione- per non creare un ibrido, un’area protetta lontana dai cittadini e più permeabile agli interessi economici dei soliti noti. Ora la parola passa all’Assemblea dei 61 Sindaci del Parco Sud, che convocata per giovedì 24 marzo, alle ore 10.
Tornando alle preoccupazione del Direttivo dell’Ente Parco, tre sono gli indirizzi prescrittivi aggiunti al documento iniziale…

(altro…)

Incontro Città metropolitana e comuni: c’è l’ok a rimozione rifiuti dalla Paullese. Intanto la Regione e Anas si associano per…

Incontro Città metropolitana e comuni:
c’è l’ok a rimozione rifiuti dalla Paullese.
Intanto la Regione e Anas si associano per…

12 marzo 2017. Arianna Censi, vicesindaca della Città metropolitana, ha incontrato i sindaci dei Comuni dell’asse della Paullese, dopo la richiesta di questi ultimi per affrontare il tema dell’abbandono dei rifiuti lungo questa strada provinciale. Stando a quanto dichiarato da Città Metropolitana, “dall’inizio dell’anno in corso sono stati raccolti e smaltiti già circa 35 tonnellate di rifiuti abbandonati lungo le strade di nostra competenza”.
All’incontro, svoltosi il 10 marzo scorso, hanno partecipato i Comuni di Mediglia, Pantigliate, Paullo, Peschiera Borromeo, San Donato Milanese, Segrate, Settala e Tribiano.

Nel frattempo, l’11 di marzo la Regione e Anas hanno annunciato di avere preso in carico tutte le strade provinciali, prevedendo la creazione di una nuova società compartecipata, in cui finiranno, insieme agli 850 km di strade statali Anas della Lombardia, anche i 740 km di strade attualmente gestite da province e/o Città metropolitana: nel complesso, gli oltre 1.500 km saranno classificati come Nuova rete regionale. Ma se c’è già Cal, (Concessioni autostradali lombarde), società controllata pariteticamente dalla Regione e dal ministero delle Infrastrutture via Anas, perché…

(altro…)

Humanitas di Rozzano: l’elisoccorso dove lo sposto? ma nel Parco Sud ovviamente…

Humanitas di Rozzano:
l’elisoccorso dove lo sposto?
ma nel Parco Sud ovviamente…

11 marzo 2017. La pratica è filata sotto traccia tra comune di Rozzano e Parco Agricolo Sud Milano, ed è stata perciò una sorpresa la chiusura, a fine febbraio, del Parco del Fontanile di Rozzano. Transenne e reti hanno bloccato -e bloccano tutt’ora- l’accesso al parco cittadino creato neanche cinque anni fa, che si snoda intorno a una pista ciclabile di quasi un chilometro: un’oasi verde inaugurata il 29 maggio 2012 alla presenza dell’allora assessore della Provincia Cristina Stancari, Massimo D’Avolio, ex sindaco di Rozzano, e Luciano Ravera, amministratore delegato di Humanitas. Un parco piccolo ma ricco, con circa 400 alberi a formare 3 boschetti, ricchi di specie autoctone: un mosaico di habitat, dove si contano 72 specie di uccelli, di cui 60 nidificanti.
Il tutto è ora chiuso e sarà tagliato in due da una pista di elisoccorso, che l’ospedale Humanitas sta per realizzare. Si dirà: bello il Parco, che arricchisce il territorio del Parco Sud e allieta la vista e lo spirito di visitatori e ammalati, ma la sanità è al primo posto. Come non convenirne, ma approfondendo un po’ si capisce che la pista di elisoccorso c‘è già e si va a consumare un parco appena realizzato non per nobili necessità, ma forse per mere ragioni di business. Gli indizi sono tanti e circostanziati…

(altro…)

Aiuto! Ci hanno ristretto il Parco Google maps ne ha cancellato più della metà. Chi ci aiuta a capire perché e a ridisegnarlo?

Aiuto! Ci hanno ristretto il Parco
Google maps ne ha cancellato più della metà.
Chi ci aiuta a capire perché e a ridisegnarlo?

9 marzo 2017. Da qualche mese abbiamo notato che, nelle mappe di Google, le aree del Parco Agricolo Sud Milano sono state in buona parte cancellate: tutta la parte a  est è sparita. Eppure il Parco passando per Melegnano, Segrate e un’altra decina di comuni, arriva fino a Cernusco, Melzo, Gorgonzola. E anche a ovest ha subito una drastica riduzione, come potete vedere dal confronto delle due cartine che pubblichiamo. Insomma, i confini del Parco sono stati ampiamente ridotti (fortunatamente solo sulla carta)!
È strano. O no? Chi ha chiesto a Google di fare queste modifiche? Può un privato cittadino far sparire più di  mezzo Parco Sud dalle mappe? Stentiamo a credere che sia un’iniziativa di Google…

(altro…)

8 Marzo 2017 – Donne in Campo lancia la sua campagna: È ora di Piantarle!

8 Marzo 2017 – Donne in Campo
lancia la sua campagna: È ora di Piantarle!

Fuori dai soliti discorsi retorici sulla festa della donna, per questa giornata abbiamo scelto di pubblicare l’iniziativa di donne che, come noi, amano l’ambiente e, con coerenza ed etica, con concretezza e passione per la terra e l’umanità, si muovono nella quotidianità lavorando nel mondo agricolo, anche nel nostro Parco.

 

L’Associazione Donne in Campo invita come di consueto a celebrare la Giornata Internazionale della donna compiendo un’azione verde. Quest’anno è la salute delle Api al centro dell’attenzione delle agricoltrici: offrire un piccolo spazio nelle aziende agricole e nei giardini per piantare e curare piante mellifere costituisce un grande aiuto per il nutrimento di queste preziosissime amiche dell’ambiente e della natura, oggi in grave pericolo. Il cuore Donne in Campo nelle aziende terremotate.Piantare lavanda, erba gatta, borragine, geranio e salvia ma anche canapa, malva anemone e ranuncolo così come tante altre mellifere ossia piante fiorifere con una buona produzione di nettare e polline! Per celebrare l’8 marzo, Donne in Campo-Cia rilancia la campagna Piantiamola!, con cui invita i cittadini a recarsi nei banchetti allestiti per l’occasione dall’associazione, ma anche nei tanti vivai sparsi in tutt’Italia, per comprare o regalare un seme, una piantina e prendersene cura.
È infatti sufficiente offrire un piccolo...

(altro…)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy