Lacchiarella, al Tar piace il cemento.

Ma Legambiente non si arrende

 

mappa lacchiarella

Il Tar della Lombardia boccia il ricorso presentato da Legambiente contro una nuova cementificazione di 45 mila metri quadrati, su suolo agricolo, per far spazio a ben 17 palazzine. E ricorre al Consiglio di Stato. L’ennesima colata di cemento per un territorio che, tra poli logistici e centri commerciali, ha subito ogni tipo di trasformazione, guadagnandosi un ruolo primario tra i comuni che hanno consumato più suolo agricolo nella provincia di Milano.
Dal 1999 al 2010, Lacchiarella ha “seminato” cemento su oltre 1,3 milione di metri quadrati di aree verdi e agricole. Per bloccare questo ulteriore tentativo di speculazione Legambiente, insieme ad un comitato locale, aveva presentato un ricorso al TAR della Lombardia.
Il pesante intervento urbanistico, a pochi metri dal Parco Agricolo Sud Milano, in una zona di interesse naturale in ambito rurale, rischia infatti di perpetrare l’ennesimo sfregio al polmone di verde di Milano e provincia.

 

Lacchiarella, al Tar piace il cemento. Ma Legambiente non si arrende

Il Tar della Lombardia boccia il ricorso presentato da Legambiente contro una nuova cementificazione di 45 mila metri quadrati, su suolo agricolo, per far spazio a ben 17 palazzine. E ricorre al Consiglio di Stato.

L’ennesima colata di cemento per un territorio che, tra poli logistici e centri commerciali, ha subito ogni tipo di trasformazione, guadagnandosi un ruolo primario tra i comuni che hanno consumato più suolo agricolo nella provincia di Milano.
Dal 1999 al 2010, Lacchiarella ha “seminato” cemento su oltre 1,3 milione di metri quadrati di aree verdi e agricole. Per bloccare questo ulteriore tentativo di speculazione Legambiente, insieme ad un comitato locale, aveva presentato un ricorso al TAR della Lombardia.
Il pesante intervento urbanistico, a pochi metri dal Parco Agricolo Sud Milano, in una zona di interesse naturale in ambito rurale, rischia infatti di perpetrare l’ennesimo sfregio al polmone di verde di Milano e provincia.

Ma, anziché tutelare il territorio è sempre più evidente come i Comuni del Parco Sud siano sempre più interessati a favorire i privati, soprattutto se si tratta di immobiliari.


Nel merito del ricorso dell’associazione ambientalista, assistita in questa vicenda dall’avvocato Emanuela Beacco, si denunciava la mancanza di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), l’inadempimento delle prescrizioni imposte dalla Provincia per il contenimento del consumo di suolo, l’alterazione dell’alveo di due corsi d’acqua minori, nonché l’assenza della valutazione sul paesaggio da parte della Soprintendenza e l’illegittimità dello strumento urbanistico adottato.
Legambiente ha annunciato l’immediato ricorso al Consiglio di Stato: “Vogliamo vederci chiaro in questo nuovo business immobiliare” ha dichiarato Damiano Di Simine, presidente dell’associazione ambientalista in Lombardia.

Lacchiarella, al Tar piace il cemento. Ma Legambiente non si arrende

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy