Desr, appuntamento
con la sovranità alimentare

La Sovranità alimentare è il diritto dei popoli a un cibo salubre, culturalmente appropriato, prodotto attraverso metodi sostenibili ed ecologici, in forza del loro diritto a definire i propri sistemi agricoli e alimentari. Pone le aspirazioni e i bisogni di coloro che producono, distribuiscono e consumano alimenti al cuore del sistema e delle politiche alimentari. Difende gli interessi guardando alle future generazioni. Offre una strategia di resistenza e smantellamento rispetto all’attuale regime commerciale alimentare sostenuto dalle corporazioni e un orientamento per i sistemi alimentari, agricoli, pastorali e della pesca definiti dai produttori e utilizzatori locali.

Desr, appuntamento
con la sovranità alimentare

La Sovranità alimentare è il diritto dei popoli a un cibo salubre, culturalmente appropriato, prodotto attraverso metodi sostenibili ed ecologici, in forza del loro diritto a definire i propri sistemi agricoli e alimentari. Pone le aspirazioni e i bisogni di coloro che producono, distribuiscono e consumano alimenti al cuore del sistema e delle politiche alimentari. Difende gli interessi guardando alle future generazioni. Offre una strategia di resistenza e smantellamento rispetto all’attuale regime commerciale alimentare sostenuto dalle corporazioni e un orientamento per i sistemi alimentari, agricoli, pastorali e della pesca definiti dai produttori e utilizzatori locali.

Una realtà da valorizzare

Scusate la lunga premessa. Serve a presentare, a chi non la conosce, una magnifica realtà del Parco Sud: il Desr -Distretto di Economia solidale del Parco Agricolo Sud Milano- che opera, già dal 2008, con l’obiettivo primario di salvaguardare e riqualificare il Parco (47.000 ettari, 61 comuni) e la sua agricoltura sviluppata da quasi mille aziende, basandosi sui principi della sovranità alimentare.
Il Desr è una rete territoriale, costituita oggi da una quarantina di GAS (Gruppi d’Acquisto Solidali), una ventina di aziende agricole, la finanza etica nei suoi tre canali (Mag2, Banca Etica e CAES – Assicurazioni Etiche), e poi gli altri soggetti interessati presenti nell’area del Parco: banche del tempo, botteghe del commercio equo, associazioni e comitati a difesa del territorio e con alcuni comuni ‘virtuosi’, tramite progetti specifici.

Per approfondire temi e problemi di questo mondo agricolo-rurale, il Desr invita a partecipare all’Assemblea annuale, che si svolgerà domenica 27 gennaio a Cascina S.Brera- S.Giuliano Milanese.

Ecco il programma della giornata:

Ore 9: presentazione di attività, progetti, Filiere promossi dal DESR nel 2012 – a cura di Forum Cooperazione e Tecnologia
Commenta: Emanuele Gosamo, autore del libro “BIOLOGICO A KM ZERO”
 
Ore 10: Il caso TEEM ‘Fare come in Brianza: istanza all’Unione Europea per il diritto al cibo’
Coordina Vincenzo Vasciaveo, relazioni con l’esterno DESR PASM
Intervengono DES Brianza, esponenti delle Associazioni ambientaliste promotrici e comitati locali
 
Ore 11.00: Coffee Break
 
Ore 11.15: Tavola Rotonda ‘I nuovi produttori bio del Parco Agricolo Sud Milano: aspetti critici e prospettive”
a cura di Renata Lovati, Cascina Isola Maria, coordinatrice DESR PASM (in allegato la lettera scritta da Renata e indirizzata agli
agricoltori)
 
Ore 13 : pranzo (20 euro) e visita della cascina
 
Ore 14.30: discussione di strategie, obiettivi e strutture organizzative 2013 del DESR
Introduce Dante Perin, coordinatore DESR, a partire dai risultati e problemi emersi  nelle riunioni pre-assemblea con circa 40 GAS collegati alle Filiere promosse dal DESR
 
Ore 17.30: nomina coordinatori 2013 del DESR
 

Noi ci saremo. Partecipa anche tu.

Desr, assemblea 27 gennaio 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy