Il sottosegretario Cirillo
trova appoggi su Il Giornale

A prescindere dal fatto che la mensa verde è, fortunatamente, un modello molto diffuso in Italia, e di cui Basiglio non può assolutamente vantarne il primato (in calce gli esempi “scovati” in google in pochi minuti*), quello che maggiormente impressiona nell’articolo de Il Giornale del 19 maggio 2013 a firma di Stefano Zurlo, il quale evidentemente non è mai stato a Basiglio, è che, citando i 600mila metri cubi di cemento previsti dal Pgt (Piano di governo del territorio) firmato da Cirillo, scrive che la “colata” andrà a stendersi su terreni degradati!

Il sottosegretario Cirillo
trova appoggi su Il Giornale

A prescindere dal fatto che la mensa verde è, fortunatamente, un modello molto diffuso in Italia, e di cui Basiglio non può assolutamente vantarne il primato (in calce gli esempi “scovati” in google in pochi minuti*), quello che maggiormente impressiona nell’articolo de Il Giornale del 19 maggio 2013 a firma di Stefano Zurlo, il quale evidentemente non è mai stato a Basiglio, è che, citando i 600mila metri cubi di cemento previsti dal Pgt (Piano di governo del territorio) firmato da Cirillo, scrive che la “colata” andrà a stendersi su terreni degradati! Un fatto irreale e facilmente smontabile semplicemente con un sopralluogo: i 308mila mq interessati all’operazione immobiliare residenziale sono assolutamente tutti a verde, mai utilizzati dall’uomo e densamente boscati! Lo dimostrano anche le visure catastali dell’Agenzia del Territorio dell’11/10/2011, in cui si legge che le particelle di questi terreni siano tuttora classificate come boschi cedui, boschi misti, prati marcitori o seminativi irrigui.
Il giornalista minimizza questo elemento, riportando, senza notare la contraddizione, che il consumo di suolo per le nuove costruzioni è pari a zero! E sciorina invece, fotocopiando il programma di Cirillo, quali siano le meraviglie che i cittadini di Basiglio avrebbero in cambio, tralasciando di raccontare non solo che la domanda immobiliare è pari allo zero, ma che una parte significativa degli edifici di Basiglio sono vuoti, vale a dire in vendita o sfitti! E ancora, sempre per minimizzare, riporta che Cirillo prevede solo 1.500 abitanti in più, mentre invece la popolazione, grazie anche ad altre residenze in costruzione o in recupero (cascina Vione) passerebbe da 7.927 a 10.767 abitanti (+35,8%). Tutto questo, lo abbiamo detto ben prima che Cirillo fosse nominato sottosegretario all’Ambiente e tralasciando il fatto che i terreni siano o meno di proprietà di Paolo Berlusconi. Il danno per la comunità di Basiglio e per l’ambiente tutto, anche se la proprietà fosse di Pinco Pallo, sarebbe equivalente!
E comunque, uscendo dal Comune di Basiglio, confermiamo i dubbi sulla ecosensibilità di un sottosegretario all’ambiente che ha fatto ricorso al Tar sull’area C di Milano, ritenendo che questa sia stata realizzata solo “per fare cassa” e non per salvaguardare i polmoni dei cittadini.

Comuni che hanno ricevuto premi per la mensa ecosostenibile
2010 Calcinato (BS)
2010 Ferrara
2010 Comune di Pabillonis (VS Medio Campidano)
2010 Comune di Campolongo Maggiore (VE)
2010 Cagliari
2011 Comune di Mercato S. Severino (SA)
2011  Colorno (PR)
2011 Pisa

19 maggio 2013

 

Il Giornale fa da sponda a Cirillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy