Il Parco agricolo è nato
per iniziativa della Regione!
La Provincia fa umorismo
sul quotidiano Il Cittadino

Il destino del Parco Agricolo sud Milano? Inutile lanciarsi in troppe ipotesi, tanto, fino al 31 dicembre, l’ente Parco della Provincia di Milano, continuerà a gestirlo. Lo scrive il quotidiano Il Cittadino che, leggendo i nostri articoli, si è gentilmente premurato di chiedere alla segreteria dell’Ente Parco che fine farà il Parco Agricolo Sud Milano con l’arrivo della Città metropolitana. Grazie anonimo giornalista de Il Cittadino. Peccato che questa info fosse più che nota a tutti. La nostra preoccupazione riguarda il futuro (certo al 31 dicembre mancano ancora sei mesi), cioè cosa accadrà del Parco dopo la “chiusura” della Provincia che, è risaputo, rimane amministrata da Podestà e dalla sua giunta esattamente fino al 31 dicembre.
Un’area strappata con le unghie e con i denti. Ma quello che più offende, leggendo le poche righe del quotidiano, è l’affermazione che “Il Parco Agricolo Sud Milano è nato per iniziativa della Regione”.

Il Parco agricolo è nato
per iniziativa della Regione!
La Provincia fa umorismo
sul quotidiano Il Cittadino

Il destino del Parco Agricolo sud Milano? Inutile lanciarsi in troppe ipotesi, tanto, fino al 31 dicembre, l’ente Parco della Provincia di Milano, continuerà a gestirlo. Lo scrive il quotidiano Il Cittadino che, leggendo i nostri articoli, si è gentilmente premurato di chiedere alla segreteria dell’Ente Parco che fine farà il Parco Agricolo Sud Milano con l’arrivo della Città metropolitana. Grazie anonimo giornalista de Il Cittadino. Peccato che questa info fosse più che nota a tutti. La nostra preoccupazione riguarda il futuro (certo al 31 dicembre mancano ancora sei mesi), cioè cosa accadrà del Parco dopo la “chiusura” della Provincia che, è risaputo, rimane amministrata da Podestà e dalla sua giunta esattamente fino al 31 dicembre.

Un’area strappata con le unghie e con i denti

Ma quello che più offende, leggendo le poche righe del quotidiano, è l’affermazione che “Il Parco Agricolo Sud Milano è nato per iniziativa della Regione”. Un’asserzione da lasciare senza fiato, da far rizzare i capelli, ormai bianchi, di coloro che si sono tanto, ma proprio tanto, adoperati, attivati, agitati, per far nascere questo Parco, tanto avversato dalla politica, dagli immobiliaristi e dalla Regione. Non vogliamo riscrivere oggi tutta la cronistoria della nascita del Parco -forse a Lodi non giungevano notizie in merito- ma vogliamo ricordare che si tratta di un progetto già in embrione a metà degli anni Sessanta, con un’idea abbozzata dal PIM, poi concretizzata con tante, ma proprio tante, battaglie, incontri con politici, discussioni dei numerosi comitati e associazioni desiderosi di salvaguardare dal cemento questo grande polmone verde di Milano e provincia (per una sintetica cronistoria clicca su chi siamo).
Con la Regione, poi, le battaglie sono state a muso duro: la mappa proposta fu mano a mano ridotta (per favorire i vari Ligresti, Cabassi, Berlusconi). Basta osservare la cartina dei 61 comuni del Parco e, anche occhio nudo, si notano i vari “buchi” scavati fino alla notte prima della votazione in Regione della legge n. 24 del 23 aprile 1990. Altro che voluta dalla Regione! La preoccupazione di un “ritorno” in mano a questi amici del cemento, lontani dai bisogni del territorio è del tutto legittima. Ribadiamolo: la Regione, con la complicità della Provincia, è stata sempre pronta a sacrificare ogni angolo del Parco sud. Di sfregi se ne stanno perpetrando tanti altri, non ultima la Teem, che sta divorando anche la provincia di Lodi.
In mano alla Città metropolitana le associazioni e i comitati del Parco non dormiranno sonni tranquilli, ma ci possono essere i presupposti che questo nuovo ente sappia aprirsi alle istanze del territorio, rintuzzare gli egoismi e le miopie dei tanti sindaci del Parco, e soprattutto fronteggiare la fame di territorio verde-agricolo della Regione.

 

Il Parco agricolo è nato per iniziativa della Regione! La Provincia fa umorismo sul quotidiano Il Cittadino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy