Malattia del dissesto idrogeologico
123 vittime dal 2009 al 2014
La cura? 1,2 miliardi!
E ben 20 per le infrastrutture

Ieri la furia delle acque ha causato un morto e due dispersi nel piacentino. Nel 2014 il dissesto idrogeologico ha causato 14 vittime. Sono state 25 nel 2013, 10 nel 2012, 28 nel 2011, 8 nel 2010, 38 nel 2009…. in pochi anni 123 persone hanno trovato la morte per l’incuria e l’indifferenza della politica! Tranquilli, il presidente della regione Bonaccini annuncia “Grande reazione, sopralluogo del premier Renzi entro la fine della settimana”.
E ogni volta abbiamo sentito il ritornello della partenza del piano contro il dissesto che, oltre alle perdita di vite umane, causa miliardi di danni per ripristinare i disastri del maltempo, complice l’assenza di una vera politica risanatrice del nostro territorio. Ed ecco la conferma.

Come si procede ancora una volta in Italia
9 agosto 2015. Graziano Delrio, ministro infrastrutture a Repubblica “Il piano dell’Anas da 20 miliardi fino al 2019, di cui oltre la metà per il Sud, punta proprio a questo: manutenzione e completamento di strade e viadotti. Lo stesso piano pluriennale delle infrastrutture che presenteremo a settembre non sarà una lista di opere faraoniche, piuttosto un insieme di priorità” E per Graziano Delrio tra le priorità c’è ovviamente anche la Vigevano Malpensa!

6 agosto 2015 Gianluca Galletti, ministro ambiente a Repubblica “Questa è una giornata importante per il Paese perché presentiamo un piano da 1,2 miliardi di euro contro il dissesto idrogeologico”.

Non ci resta che piangere per la perdita di vite umane. Anche in futuro, considerato il peso degli investimenti garantiti del governo per affrontare il problema. Meglio dare 20 miliardi alle infrastrutture: le autostrade sono prioritarie!


Malattia del dissesto idrogeologico 123 vittime dal 2009 al 2014 La cura? 1,2 miliardi! E ben 20 per le infrastrutture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy