Migliaia di alberi abbattuti ogni anno
il 20 ottobre Legambiente chiama
alla Giornata europea delle alberate

Nel nostro Paese il quadro normativo è assolutamente inadeguato alla difesa degli alberi, bene comune, e le amministrazioni locali vedono a volte nelle alberate solo un immotivato e oneroso capitolo di spesa. Eppure le cosiddette bombe d’acqua sono praticamente all’ordine del giorno: le conseguenze sono sempre disastrose e spesso cadono alberi causando anche feriti, oltre a danni materiali.

Secondo gli esperti, buona parte di questi alberi, se fossero stati ben manutenuti, avrebbero potuto sopportare le folate di vento e il violento scroscio dell’acqua: ma spesso, né privati né enti pubblici provvedono alla cura delle piante, con conseguenze drammatiche.

Non è purtroppo solo il maltempoa a privarci della preziosa risorsa delle piante: nuove edificazioni, parcheggi, opere pubbliche erodono continuamente il patrimonio arboreo. Un vero peccato, perché i lunghi filari di grandi alberi che accompagnano le strade, in città come nelle campagne, svolgono funzioni importanti, spesso sottovalutate. Ci regalano ombra, riducono l’inquinamento e le polveri sottili, riducono i livelli sonori, regolano la temperatura, producono ossigeno. Hanno un ruolo fondamentale nella…

Partecipate con le vostre foto di alberate significative: saranno pubblicate a livello europeo.

Non mancate di scaricare il manuale Salviamo gli alberi.

Migliaia di alberi abbattuti ogni anno
il 20 ottobre Legambiente chiama
alla Giornata europea delle alberate

Nel nostro Paese il quadro normativo è assolutamente inadeguato alla difesa degli alberi, bene comune, e le amministrazioni locali vedono a volte nelle alberate solo un immotivato e oneroso capitolo di spesa. Eppure le cosiddette bombe d’acqua sono praticamente all’ordine del giorno: le conseguenze sono sempre disastrose e spesso cadono alberi causando anche feriti, oltre a danni materiali.

Secondo gli esperti, buona parte di questi alberi, se fossero stati ben manutenuti, avrebbero potuto sopportare le folate di vento e il violento scroscio dell’acqua: ma spesso, né privati né enti pubblici provvedono alla cura delle piante, con conseguenze drammatiche.

Non è purtroppo solo il maltempoa a privarci della preziosa risorsa delle piante: nuove edificazioni, parcheggi, opere pubbliche erodono continuamente il patrimonio arboreo. Un vero peccato, perché i lunghi filari di grandi alberi che accompagnano le strade, in città come nelle campagne, svolgono funzioni importanti, spesso sottovalutate. Un vero peccato, perché i lunghi filari di grandi alberi che accompagnano le strade, in città come nelle campagne, svolgono funzioni importanti, spesso sottovalutate. Ci regalano ombra, riducono l’inquinamento e le polveri sottili, riducono i livelli sonori, regolano la temperatura, producono ossigeno. Hanno un ruolo fondamentale nella conservazione della biodiversità e nel sostenere i terreni franosi. Portano una nota di eleganza nel paesaggio, costituendo un’architettura vivente caratterizzata dalla successione dei tronchi e dalle volte create dalle fronde. Trasformano le vie e le strade in itinerari che mutano nel corso della giornata grazie ai giochi di luce e nel corso delle stagioni.
Le alberate sono il risultato di un’antica tradizione europea legata all’arte dei giardini; rappresentano quindi un patrimonio culturale che ci accomuna, con caratteristiche proprie di ogni nazione, ogni regione, ogni alberata. E possono rappresentare un’attrattiva turistica. Vantaggi riconosciuti in molte nazioni, e in Italia in molte città, dove gli alberi vengono protetti, impedendo gli abbattimenti o imponendo compensazioni sotto forma di reimpianti. Ma non è ovunque così. Purtroppo il patrimonio europeo e italiano delle alberate è continuamente eroso, con decine di migliaia di alberi abbattuti ogni anno, a fronte di nuove piantagioni largamente insufficienti per compensare le perdite.

Legambiente, azioni per la difesa arborea

Il 20 ottobre, la Giornata europea delle alberate, è una data molto significativa per il paesaggio: la Convenzione europea del paesaggio è stata adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa a Strasburgo il 19 luglio 2000 ed è stata aperta alla firma degli Stati membri dell’organizzazione a Firenze il 20 ottobre 2000, il 2016 è quindi cade il sedicesimo anniversario della ratifica. I Circoli di Legambiente parteciperanno con azioni locali, dal semplice presidio con foto di un’alberata particolarmente significativa e a volte minacciata, alla proposta di creare una nuova alberata, all’incontro pubblico con le amministrazioni locali per sensibilizzarle sul tema. 
È possibile inviare foto delle alberate libere da diritti e con una didascalia in italiano oppure in francese/inglese a: EuropeanADay@european-avenues.eu 
Le foto verranno raccolte e pubblicate sul sito europeo https://www.flickr.com/photos/europeanavenueday
Legambiente ha redatto un manuale per difendere le alberate nei nostri territori: Salviamo gli alberi

15 ottobre 2016

Migliaia di alberi abbattuti ogni anno il 20 ottobre Legambiente chiama alla Giornata europea delle alberate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy