Casa Chiaravalle, dalla mafia alla collettività:
nuova vita grazie al consorzio d’imprese sociali
e a una raccolta di fondi e di idee dei milanesi

Sarà il simbolo di una nuova idea di convivenza civile, di accoglienza, di integrazione. Casa Chiaravalle, a poche centinaia di metri dall’omonima Abbazia, con i suoi 1.600 mq di edifici, un terreno piantumato e recintato di circa un ettaro e 6 ettari di terreno coltivabile, è il secondo bene per estensione confiscato nel 2012 alla criminalità organizzata nel Nord Italia. Nel 2014 il bene è stato assegnato dal Comune di Milano, tramite bando in concessione ventennale a uso gratuito, a un gruppo di quattro organizzazioni del Terzo Settore milanese: Consorzio SIS, ARCI Milano, Cooperativa Chico Mendes e Cooperativa Sociale La Strada.
Ora, la più grande area cittadina sottratta alla criminalità avrà una nuova vita grazie ad un consorzio di imprese sociali e a una raccolta di fondi e di idee. Infatti, davanti a Casa Chiaravalle, nascerà il primo Giardino Accogliente di Milano. Un nuovo spazio sociale che sarà punto di riferimento per il vicino borgo di Chiaravalle ma non solo: vuole diventare punto di riferimento cittadino grazie al contributo di tutte e tutti.  Un luogo di incontro e aggregazione, uno spazio ideale per diverse attività: da feste a spettacoli, incontri, concerti, giochi per bambini, attività per la terza età, eventi aperti a tutti per tutto l’anno.
Come diventerà? Lo decideranno i milanesi. In questi giorni infatti è partito un ‘concorso’ di idee aperto a tutti…

Casa Chiaravalle, dalla mafia alla collettività:
nuova vita grazie al consorzio d’imprese sociali
e a una raccolta di fondi e di idee dei milanesi

Sarà il simbolo di una nuova idea di convivenza civile, di accoglienza, di integrazione. Casa Chiaravalle, a poche centinaia di metri dall’omonima Abbazia, con i suoi 1.600 mq di edifici, un terreno piantumato e recintato di circa un ettaro e 6 ettari di terreno coltivabile, è il secondo bene per estensione confiscato nel 2012 alla criminalità organizzata nel Nord Italia. Nel 2014 il bene è stato assegnato dal Comune di Milano, tramite bando in concessione ventennale a uso gratuito, a un gruppo di quattro organizzazioni del Terzo Settore milanese: Consorzio SIS, ARCI Milano, Cooperativa Chico Mendes e Cooperativa Sociale La Strada.
Ora, la più grande area cittadina sottratta alla criminalità avrà una nuova vita grazie ad un consorzio di imprese sociali e a una raccolta di fondi e di idee. Infatti, davanti a Casa Chiaravalle, nascerà il primo Giardino Accogliente di Milano. Un nuovo spazio sociale che sarà punto di riferimento per il vicino borgo di Chiaravalle ma non solo: vuole diventare punto di riferimento cittadino grazie al contributo di tutte e tutti.  Un luogo di incontro e aggregazione, uno spazio ideale per diverse attività: da feste a spettacoli, incontri, concerti, giochi per bambini, attività per la terza età, eventi aperti a tutti per tutto l’anno.
Come diventerà? Lo decideranno i milanesi. In questi giorni infatti è partito un ‘concorso’ di idee aperto a tutti sulla piattaforma Oxway.co. Uno strumento nuovo, innovativo, di facile comprensione che permette una partecipazione diretta a proposte e progetti collettivi.

Come funziona? Semplice…

È sufficiente entrare nella piattaforma e proporre un’idea, una suggestione, un progetto per quello che sarà il futuro Giardino Accogliente. Alla fine, le proposta più votate dagli utenti entreranno nel panel delle proposte possibili e gli stessi proponenti saranno coinvolti nel progetto, in fasi diverse.
La piattaforma online per il concorso di idee è attiva già dallo scorso 19 novembre e accoglierà le vostre idee fino al 31 gennaio 2017.
Contemporaneamente, su un’altra piattaforma online (Eppela) si può già contribuire alla rinascita di tutta l’area, grazie a una campagna di crowdfunding civico. Il progetto Casa Chiaravalle infatti, di cui il Giardino Accogliente è solo una parte, è stato assegnato dal Comune di Milano a una cordata di imprese sociali perché vi realizzino attività di accoglienza e di aggregazione. Qui, su Eppela, si accolgono le donazioni dei cittadini per far rinascere uno spazio urbano immerso nel verde che per anni è stato abbandonato e che grazie al lavoro delle associazioni tornerà a vivere.
La raccolta di donazioni su Eppela si concluderà il prossimo 15 dicembre.
Casa Chiaravalle, con il suo Giardino Accogliente, da luogo ‘per uno’ diventerà un luogo ‘per tutti’. Un nuovo spazio cittadino dove l’accoglienza e la tolleranza saranno pratiche quotidiane.
“Casa Chiaravalle può diventare un vero e proprio simbolo per Milano –afferma Silvia Bartellini, presidente della Cooperativa La Cordata– dove trasparenza, legalità e partecipazione diventano elementi essenziali per nuove politiche di accoglienza e convivenza civile. Elementi che devono camminare insieme. Perché in un momento storico così impregnato di paure e solitudini solo l’apertura agli altri e la condivisione di disponibilità possono creare un ambiente di rispetto e reciprocità, un’azione concreta che è prima di tutto culturale prima ancora che sociale”.
“Il progetto Casa Chiaravalle –afferma Mauro Gigli, presidente del Consorzio Sistema Imprese Sociali– passa anche attraverso tali azioni; momenti di coraggioso ma necessario protagonismo, attraverso i quali si intende restituire uno dei più estesi beni confiscati alla criminalità presenti in Lombardia”.
Partecipano al progetto:
Consorzio Sistema Imprese Sociali in collaborazione con le cooperative Genera, La Cordata, Progetto Integrazione, Il Bivacco Servizi e Tuttinsieme.
Facciamo la festa alla mafia! Costruiamo insieme il Giardino Accogliente di Casa Chiaravalle. Aperto a tutti e per tutti.

24 novembre 2016

Casa Chiaravalle, dalla mafia alla collettività. Rinascerà grazie al consorzio d’imprese sociali e a una raccolta di fondi e di idee dei milanesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy