Arriva la superstrada di 30 km nei Parchi!
Quelli del Ticino e Agricolo Sud Milano
il prossimo 27 gennaio ultima puntata…

Si è tenuta ieri, 15 dicembre, a Roma, la seduta del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici dove è stato presentato il progetto preliminare di ANAS della nuova strada di collegamento con Malpensa, la Vigevano-Abbiategrasso-Robecco-Magenta, che è stata parzialmente modificata rispetto all’antico progetto, ma che tuttavia -se tutto sarà confermato- torna a essere molto più simile alle origini, ovvero in senso peggiorativo. 

All’incontro erano presenti solo i rappresentanti di tre Comuni: Magenta, Boffalora e Robecco, pur se il progetto che coinvolge ben di più. Il via libero definitivo dovrebbe arrivare il 27 gennaio 2017.

 

Il progetto della devastazione Nella sostanza, la superstrada, dopo aver collegato Vigevano e Abbiategrasso aggirando l’attuale tracciato della strada statale 494, unirà Abbiategrasso ad Albairate, attraversando poi Cassinetta e quindi Castellazzo di Robecco e Corbetta, per poi riconnettersi alla statale 526 verso l’Iper di Magenta.

Confermata la variante tra Pontenuovo e Boffalora Sopra Ticino, come pure quella di un ponte di complessivi 900 metri sul Naviglio Grande.
E il 27 gennaio, dopo ulteriori “parole, parole, parole”, i nostri…

 

Arriva la superstrada di 30 km nei Parchi!
Quelli del Ticino e Agricolo Sud Milano
il prossimo 27 gennaio ultima puntata…

Si è tenuta ieri, 15 dicembre, a Roma, la seduta del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici dove è stato presentato il progetto preliminare di ANAS della nuova strada di collegamento con Malpensa, la Vigevano-Abbiategrasso-Robecco-Magenta, che è stata parzialmente modificata rispetto all’antico progetto, ma che tuttavia -se tutto sarà confermato- torna a essere molto più simile alle origini, ovvero in senso peggiorativo.  All’incontro erano presenti solo i rappresentanti di tre Comuni: Magenta, Boffalora e Robecco, pur se il progetto che coinvolge ben di più. Il via libero definitivo dovrebbe arrivare il 27 gennaio 2017.

Il progetto della devastazione

Nella sostanza, la superstrada, dopo aver collegato Vigevano e Abbiategrasso aggirando l’attuale tracciato della strada statale 494, unirà Abbiategrasso ad Albairate, attraversando poi Cassinetta e quindi Castellazzo di Robecco e Corbetta, per poi riconnettersi alla statale 526 verso l’Iper di Magenta. Confermata la variante tra Pontenuovo e Boffalora Sopra Ticino, come pure quella di un ponte di complessivi 900 metri sul Naviglio Grande.
Il 27 gennaio, dopo ulteriori “parole, parole, parole”, i nostri amministratori torneranno a Roma per esprimere un parere definitivo sul tracciato. “Il dado, insomma, pare tratto -si legge su Ticinonotizie.it-. Accantonate soluzioni obiettivamente cervellotiche dell’ultima ora, si torna a un progetto non certo indolore per il territorio”.
Ovvero, centinaia di ettari agricoli dell’area più fertile dei due Parchi coinvolti saranno ricoperti dal grigio cemento (già oggi l’Italia importa il 50% del fabbisogno alimentare da coltivazioni), sconvolgendo anche il paesaggio, un valore, come ricorda spesso il professore Salvatore Settis, scolpito nella nostra Costituzione (articolo 9): è l’identità dell’Italia, un patrimonio ricevuto in eredità e che avremmo il dovere di proteggere e valorizzare.

E infine: possiamo ricordare ai nostri politici che la Lombardia è una delle regioni più inquinate dallo smog di tutto il pianeta? Soluzioni alternative ce ne sarebbero state, eccome! Ma si è preferito privilegiare la lobby del cemento e delle automobili! Le opposizioni dei cittadini, degli agricoltori, degli Enti Parco, delle associazioni ambientaliste sono rimaste inascoltate. Buon viaggio a tutti!

16 dicembre 2016

Arriva la superstrada di 30 km nei Parchi! Queli del Ticino e Agricolo Sud Milano il prossimo 27 gennaio ultima puntata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy