L’inutile e costosa Vigevano-Malpensa
espropriano i contadini e uccidono l’agricoltura
Quando si interesseranno a cosa mangiamo?

15 gennaio 2017- La superstrada da 419 milioni incombe sulle aziende agricole: il quotidiano La Provincia Pavese di oggi riporta dichiarazioni Massimo Garavaglia, assessore all’economia della Regione “Sarà realizzata entro  18 mesi, io sono ottimista”!
Intanto, i terreni de L’Aia -100 ettari che si estendono sui due Parchi -Agricolo Sud Milano e Ticino- sono a rischio esproprio. Altri già sono stati sottratti ai proprietari. Quei terreni per loro sono famiglia, lavoro, educazione. Nel granaio i frutti della terra per fare la farina, appese foto in bianco e nero di nonni ancora giovani e sorridenti, nel cassetto la lista delle prossime scuole che parteciperanno alla fattoria didattica. Fra le mani una lettera per spiegargli che i loro terreni saranno espropriati per realizzare il collegamento tra la Statale Padana Superiore a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano.  
“La prima comunicazione -racconta Anna Baroni a La Nuova Ecologia in un’intervista raccolta da Elisa Murgese- è arrivata nel 2009 e il timore che arrivi una nuova lettera non riesce ad abbandonarci”. L’azienda agricola L’Aia si trova a Cassinetta di Lugagnano, adagiata sulla sponda del Naviglio Grande, lungo l’asse tra Abbiategrasso e Magenta. All’orizzonte le ville storiche che nel XVIII secolo costituivano le residenze estive dei milanesi, oggi immerse fra fattorie e campi. Tipico comune lombardo dell’epoca romana, Cassinetta è il secondo centro più bello nella provincia di Milano secondo l’associazione I borghi più belli d’Italia… La fine è vicina.

L’inutile e costosa Vigevano-Malpensa
espropriano i contadini e uccidono l’agricoltura
Quando si interesseranno a cosa mangiamo?

15 gennaio 2017- La superstrada da 419 milioni incombe sulle aziende agricole: il quotidiano La Provincia Pavese di oggi riporta dichiarazioni Massimo Garavaglia, assessore all’economia della Regione “Sarà realizzata entro  18 mesi, io sono ottimista”!
Intanto, i terreni de L’Aia -100 ettari che si estendono sui due Parchi -Agricolo Sud Milano e Ticino- sono a rischio esproprio. Altri già sono stati sottratti ai proprietari. Quei terreni per loro sono famiglia, lavoro, educazione. Nel granaio i frutti della terra per fare la farina, appese foto in bianco e nero di nonni ancora giovani e sorridenti, nel cassetto la lista delle prossime scuole che parteciperanno alla fattoria didattica. Fra le mani una lettera per spiegargli che i loro terreni saranno espropriati per realizzare il collegamento tra la Statale Padana Superiore a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano.  
“La prima comunicazione -racconta Anna Baroni a La Nuova Ecologia in un’intervista raccolta da Elisa Murgese- è arrivata nel 2009 e il timore che arrivi una nuova lettera non riesce ad abbandonarci”. L’azienda agricola L’Aia si trova a Cassinetta di Lugagnano, adagiata sulla sponda del Naviglio Grande, lungo l’asse tra Abbiategrasso e Magenta. All’orizzonte le ville storiche che nel XVIII secolo costituivano le residenze estive dei milanesi, oggi immerse fra fattorie e campi. Tipico comune lombardo dell’epoca romana, Cassinetta è il secondo centro più bello nella provincia di Milano secondo l’associazione I borghi più belli d’Italia.

La distruzione dei grani antichi e delle acque risorgive

“La Cascina dei Piatti è del 1400, mentre la maggior parte dei restanti edifici risale al 1700”, racconta la donna di 68 anni, mostrando i casolari dentro i terreni che la famiglia di Gaetano Negri, terzo sindaco nella storia di Milano, ha ceduto a suo padre e ai suoi fratelli nel 1965. Una cascina di 100 ettari coltivabili con terreni in ben due parchi, quello del Ticino e il Parco agricolo sud Milano, suddivisa fra vari figli e cugini: in altre parole, il sostentamento di un’intera famiglia allargata. “Sui miei 10 ettari -aggiunge Anna- ho scelto di fare non solo un’azienda biologica, ma anche una fattoria didattica e un piccolo agriturismo”. Il percorso per adulti, ma soprattutto per bambini delle elementari, prevede giornate di conoscenza dei frutti di stagione per capire la differenza fra il cibo da supermercato e quello senza pesticidi, ma anche attività alla scoperta del cibo “perduto”, ovvero erbe commestibili ma poco conosciute.
“Abbiamo anche scelto di seminare grani antichi, selezionati da un agronomo nel 1930, per allontanarci dalle sementi delle multinazionali» sottolinea con entusiasmo la proprietaria dell’azienda agricola. Poi la voce si ferma, fra le mani resta quella lettera, il timore di dover lasciare la sua terra. La strada annunciata da Anas dovrebbe attraversare in diagonale il terreno, creando così un collegamento veloce con l’aeroporto di Malpensa. “La cosa più triste è che questa strada non serve a nulla -continua Anna Baroni-. Dicono che questa arteria sarà un rapido collegamento verso Milano, ma mi spieghi a chi verrebbe in mente, per andare nel capoluogo, di raggiungere prima l’aeroporto di Malpensa”?
Secondo gli agricoltori di Cassinetta, come di tutti gli altri lungo questa inutile arteria- vendere questa tangenziale come la scorciatoia per il capoluogo meneghino non è altro che una strategia per avere consenso e zittire gli agricoltori che dovranno rinunciare alle proprie terre in nome dell’asfalto. Il problema, infatti, non sono soltanto i 17.000 metri quadrati che all’azienda Baroni potrebbero essere sottratti, uniti a quelli già espropriati alle altre proprietà che circondano L’Aia, ma il fatto che un’infrastruttura così grande porterebbe “alla distruzione del sistema di irrigazione con le acque risorgive e all’impossibilità di continuare a condurre un’azienda biologica in quella zona”. Anche i sindaci stanno facendo cordone attorno a quelle aziende centenarie. “Un tempo i contadini erano più isolati -ricorda Anna-. Oggi invece, grazie all’aiuto di molti giovani, abbiamo capito che facendo rete potremmo riuscire ad essere rispettati”.
Albairate, Sedriano, Cassinetta, piccoli centri che stanno spingendo per il potenziamento delle strade già esistenti piuttosto che per il consumo di nuove porzioni di suolo. “Spesso, dietro la costruzione di nuove strade ci sono solo interessi economici -conclude la donna-. Quando ci interesseremo di cosa mangiamo? Il cibo sano è vita. Dovrebbero solo permetterci di continuare a produrlo”.

L’inutile e costosa Vigevano-Malpensa espropria i contadini e uccide l’agricoltura Quando i politici si interesseranno di cosa mangiamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy