Cicogne in stormo nell’Alto Milanese e a Rozzano
Quando la natura riesce a stupire
anche gli esperti ornitologi

17 maggio 2017. La foto che vedete viene da Ivana, una delle persone che hanno risposto all’invito nostro e di Lipu di “guardare il cielo” (vedi articolo). Certo, la foto delle cicogne è un po’ sgranata e le sagome non sono definite al meglio, ma la segnalazione di una dozzina di cicogne bianche sui campi arati di Cascina Rossino di Ornago (MB) ha sorpreso, e come.
Il perché è presto detto: siamo nella stagione delle cove, le coppie sono ormai formate e le prime uova si sono dischiuse. Trovare a spasso una dozzina di individui a spasso sull’alta pianura lombarda è un evento inusuale…

Cicogne in stormo nell’Alto Milanese e a Rozzano
Quando la natura riesce a stupire
anche gli esperti ornitologi

17 maggio 2017. La foto che vedete viene da Ivana, una delle persone che hanno risposto all’invito nostro e di Lipu di “guardare il cielo” (vedi articolo). Certo, la foto delle cicogne è un po’ sgranata e le sagome non sono definite al meglio, ma la segnalazione di una dozzina di cicogne bianche sui campi arati di Cascina Rossino di Ornago (MB) ha sorpreso, e come.
Il perché è presto detto: siamo nella stagione delle cove, le coppie sono ormai formate e le prime uova si sono dischiuse. Trovare a spasso una dozzina di individui a spasso sull’alta pianura lombarda è un evento inusuale. Vero è che siamo linea migratoria standard italiana che dallo stretto di Messina conduce alle Alpi, ma che ci fa un gruppo così consistente di individui non inanellati -di cui perciò non si conosce l’origine e la storia- a spasso sui campi? “Questo stormo è composto probabilmente di giovani che non hanno ancora il minimo istinto a nidificare -ci spiega Pierfrancesco Coruzzi – referente Lombardia del gruppo di lavoro Lipu per la cicogna bianca- E’ la prima volta che accade in questa regione, con un numero così consistente di individui”.
In parallelo alla segnalazione di Ivana da Ornago, ci è stato riferito un avvistamento uno stormo di 8 soggetti dalle parti di Rozzano. Che si trattino addirittura di due stormi sarebbe ancor più strano: l’ipotesi, tutta da verificare, è che sia perciò lo stesso gruppo.
“Alla luce di quanto sta succedendo, è evidente l’importanza di una rete di segnalatori la più ampia possibile, non solo esperti e amatori, ma anche di singoli cittadini e ancor di più di chi è nei campi tutto il giorno” commenta Corucci.
Facciamo nostro il suo appello. Studiare la natura rappresenta una maniera concreta per aiutarla a convivere con noi, specie in aree complesse e difficili come il Milanese. E per riempire i nostri occhi e i cuori di bellezza e stupore.

 

Cicogne in stormo nell’Alto Milanese e a Rozzano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy