L’associazione Amici del Parco Nord sollecita
alla giudice la conclusione dell’inchiesta
sugli scarichi abusivi nel Seveso: 1420 su 1500

24 ottobre 2017. Il Seveso è un fiume a carattere torrentizio lungo 52 chilometri il cui corso si sviluppa interamente nelle province di Como, Monza Brianza e Milano: nel corso degli anni, a causa degli scarichi abusivi nelle sue acque, è ormai spesso ricordato come il fiume nero. Ma anche quello delle esondazioni dei quartieri a nord di Milano.

“Che la pulizia delle acque del Seveso sia necessaria e urgente e che faciliterebbe comunque la risoluzione del problema delle esondazioni del Seveso, ormai lo dicono in tanti, anche se poi nessuno fa niente. Lo dice l’assessore Granelli, che da tempo, da anni, si è impegnato a predisporre accanto al Piano Aipo delle Vasche, un Piano parallelo dell’Invarianza idraulica e della pulizia del Seveso; lo dicono i Sindaci e lo ripete pure la Regione e il suo braccio esecutivo, Aipo appunto. La Magistratura milanese ha avviato, or sono quasi tre anni, un’indagine la cui conclusione era stata annunciata per fine 2016 e che però non vede ancora la luce”. è quanto ci racconta Arturo Calaminici, presidente dell’associazione Amici del Parco Nord.
“Ecco perché abbiamo inviato una lettera al sostituto procuratore della Repubblica che segue l’inchiesta contro gli scarichi abusivi (1420 su 1500 accertati e localizzati)…

L’associazione Amici del Parco Nord sollecita
alla giudice la conclusione dell’inchiesta
sugli scarichi abusivi nel Seveso: 1420 su 1500

24 ottobre 2017. Il Seveso è un fiume a carattere torrentizio lungo 52 chilometri il cui corso si sviluppa interamente nelle province di Como, Monza Brianza e Milano: nel corso degli anni, a causa degli scarichi abusivi nelle sue acque, è ormai spesso ricordato come il fiume nero. Ma anche quello delle esondazioni dei quartieri a nord di Milano. “Che la pulizia delle acque del Seveso sia necessaria e urgente e che faciliterebbe comunque la risoluzione del problema delle esondazioni del Seveso, ormai lo dicono in tanti, anche se poi nessuno fa niente. Lo dice l’assessore Granelli, che da tempo, da anni, si è impegnato a predisporre accanto al Piano Aipo delle Vasche, un Piano parallelo dell’Invarianza idraulica e della pulizia del Seveso; lo dicono i Sindaci e lo ripete pure la Regione e il suo braccio esecutivo, Aipo appunto. La Magistratura milanese ha avviato, or sono quasi tre anni, un’indagine la cui conclusione era stata annunciata per fine 2016 e che però non vede ancora la luce”. è quanto ci racconta Arturo Calaminici, presidente dell’associazione Amici del Parco Nord.
“Ecco perché abbiamo inviato una lettera al sostituto procuratore della Repubblica che segue l’inchiesta contro gli scarichi abusivi (1420 su 1500 accertati e localizzati)

affinché siano infine individuate le responsabilità e, soprattutto, sia rimossa l’inerzia assoluta delle autorità che dovrebbero intervenire a protezione del fiume, ma che di fatto, invece, coprono uno stato di perdurante e completa illegalità” aggiunge Calaminici.
La lettera è stata controfirmata da alcune centinaia di cittadini (di Bresso, ma non solo) nelle due domeniche del 24 di settembre, alla Festa della Biodiversità, e del 1 ottobre, alla Festa del Pilastrello di Bresso.
Lettera aperta alla dottoressa  Maura Ripamonti, sostituto procuratore della Procura del Tribunale di Milano
Stimata Signora Giudice,
ormai da più di due anni è pendente presso i suoi uffici l’indagine, meritoriamente promossa dalla Procura di Milano a seguito della disastrosa esondazione del Seveso del luglio 2014, intesa ad accertare le responsabilità dei massimi rappresentanti  – al tempo in cui sono accaduti i fatti – di alcune importanti istituzioni lombarde, tra cui la stessa Regione Lombardia, nella persona del presidente Roberto Formigoni, e il Comune di Milano, in quella del sindaco Giuliano Pisapia.
Nel corso di questa inchiesta, per iniziativa della Procura, sono stati accertati oltre millequattrocento – su 1500 complessivi – scarichi abusivi: la più flagrante e macroscopica violazione della legge. Reati compiuti nel corso dei decenni e sempre impuniti, che hanno contribuito a rendere il fiume Seveso il terzo fiume più inquinato d’Europa.
Da alcuni contatti avuti circa un anno fa dall’Associazione Amici Parco Nord con suoi collaboratori direttamente impegnati nell’inchiesta, abbiamo appreso che l’indagine preliminare avrebbe dovuto chiudersi entro la fine del 2016, per dare finalmente corso alla fase dibattimentale e quindi al giudizio.
Nel corso di questi due anni, dacché è stata avviata l’azione penale, nulla è stato fatto per risolvere e neppure per limitare lo stato di totale illegalità imperante. Non solo, ma proprio queste acque liberamente e impunemente inquinate, si vogliono, attuando un progetto regionale, invasare in alcune grandi vasche di laminazione. Tra queste, una in particolare solleva la nostra viva preoccupazione: è quella che dovrebbe essere costruita all’interno del Parco Nord, a ridosso di un grosso quartiere di Bresso, a poche decine di metri da quasi mille  abitazioni e da strutture pubbliche sensibili, quali scuole materne ed elementari.
Ci permettiamo, Signora Giudice, di sollecitare la conclusione dell’inchiesta che lei sta conducendo. Così speriamo siano presto accertate le responsabilità del disastro ambientale su cui lei indaga, ma siano anche finalmente compiuti, da parte delle istituzioni preposte, gli interventi per la bonifica delle acque del Seveso e le azioni di vigilanza necessarie, a difesa delle popolose comunità di persone che accanto a questo fiume hanno la (s)fortuna di vivere.  
La ringraziamo vivamente.

Associazione Amici Parco Nord
Il presidente Arturo Calaminici                                                                                        
Milano,  16 ottobre 2017

Seguono le firme raccolte

ParcoNordgiudice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy