Nei campi tra Zibido e Buccinasco
i cacciatori senz’anima hanno ammazzato
anche un airone cinerino

13 novembre 2017. Anche nei nostri campi agricoli del Parco Sud, questa volta tra Zibido e Buccinasco, in un’area con divieto di caccia, grazie alla nostra sentinella Tony Bruson, ieri pomeriggio è stato trovato, ucciso da una fucilata, un Airone cinerino, uccello tra le specie protette.
È senza dubbio un bollettino di guerra quello che ci racconta la LIPU: “la politica ha azzerato i controlli e i bracconieri giocano e fanno della natura quel che vogliono! La natura e gli animali selvatici, come recita la legge 157 del 1992, sono di tutti, ma per salvarli, la strada è una salita più ripida del solito e non possiamo essere ottimisti. Lasciamo da parte la rabbia ma denunciamo ogni presunto illecito alle autorità competenti. Province e Carbineri Forestali”. spiegano dalla LIPU.
“La massa, i cacciatori della domenica, non ci capisce niente -diceva Giorgio Celli, per lungo tempo alla guida della LIPU-. Dovremmo prendere esempio dai paesi europei dove per ottenere la licenza bisogna seguire un corso di etologia. Ad ogni modo, esistono a mio giudizio delle attività superate dalla storia. Una di queste è la caccia. Sono contrario per ragioni di difesa del territorio ma anche morali: è vero, siamo onnivori, la carne fa parte del nostro menu. Ma uccidere per divertimento è deplorevole. Peggiora la natura umana. Così come peggiora la natura umana il possesso di un’arma. Sembrerà un paradosso, ma sono contrario alla caccia anche per difendere i cacciatori: senza un’arma, il loro animo sarebbe migliore”.
Come non essere d’accordo. Ma il bollettino di guerra riguarda anche la specie umana: nella stagione di caccia 2016/17 hanno perso la vita 31 persone e ne sono state ferite, anche gravemente, 48.

Caccia airone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy