CORTEO POPOLARE ad Abbiategrasso
Sabato 14 dicembre, ore 15, Piazza Castello
No Tangenziale – Il Pagiannuz non si tocca!

Dobbiamo difendere e salvaguardare il territorio abbiatense e magentino dalla catastrofe finale che rischia di essere imminente.
Bloccare il piano Essedue/BCS/NAI e fermare la Tangenziale Magenta-Vigevano è fondamentale per immaginare e costruire un futuro che non sia fatto solo di asfalto, cemento e miseria economica e culturale.

Il piano urbanistico sul Pagiannunz andrebbe a distruggere un’area di incredibile valore storico e naturalistico compresa tra l’Annunciata e il Naviglio Grande, la tangenziale trasformerebbe per sempre il sud ovest di Milano, ultima porzione di territorio ancora prettamente agricola.
Una grossa e immotivata espansione urbanistica e un immotivato e gravissimo consumo di territorio: 40mila MQ di cemento, 20 capannoni prefabbricati, strisce di asfalto di decine di chilometri per un’infrastruttura obsoleta, nociva e inutile.
Uno stravolgimento paesaggistico, ambientale e sociale.

Quello che oggi c’è sul piatto ad Abbiategrasso e dintorni è un bivio da cui non si torna indietro.
Lo stiamo già saggiando. O si preserva il panorama naturale, umano e agricolo di questo territorio (e che sia anche economico per noi è scontato) o si sceglie la morte delle specificità di queste terre. C’è poco altro da aggiungere. Non ci sono mitigazioni alternative che tengano. Dovesse succedere, dovesse comparire l’ennesimo centro commerciale, circondato da bretelle stradali, svincoli, tornanti e capannoni, dovesse vincere la lottizzazione di questo pregiata porzione naturale e agricola di Lombardia toccherà fare i conti prima di tutto con se stessi. Intombati i canali, asfaltati i prati, espropriati i campi, ci sarà da dire addio a quello che oggi conosciamo, ai tramonti rossi sui campi di riso e di mais, ai voli di astori sulle nostre teste, agli scambi di sguardi con gli aironi sui cigli della strada, addio alla convivialità che tanto amiamo raccontare in giro,al Ticino e al suo tesoro, alle cascine all’orizzonte. Se passeranno centro commerciale e tangenziale tutto questo non ci sarà più, non potrà più esserci, rimarremo solo noi cittadini brutalizzati, circondati da asfalto e cemento, macchine e capannoni in una città di passaggio tale e quale a mille altre periferie di metropoli, disumane, svuotate d’ogni sentimento.

Centri commerciali ne abbiamo fin troppi e portano un modello di consumo deleterio.
Nuove case non servono, sono già migliaia gli immobili dismessi e inutilizzati.
La tangenziale non migliorerà i collegamenti e il trasporto del territorio, soprattutto con Milano, porterà un ulteriore peggioramento della situazione, già gravissima, di inquinamento, lottizzazione in svincoli, povertà. Gli agricoltori lo hanno chiaro.

Serve risolvere i problemi di migliaia di pendolari della Milano-Mortara in balìa di soppressioni, ritardi cronici, mezzi fatiscenti e inadeguati.
Dobbiamo fermare quest’idea di sviluppo e futuro.
Dobbiamo immaginare e costruire modelli di futuro che sappiano tutelare, riqualificare e valorizzare i territori, i paesaggi, l’agricoltura contadina, le culture e le colture locali. Questo è il vero progresso.

Questa battaglia riguarda tutti/e.
Non fate mancare il vostro appoggio!

Agiamo insieme, prima che sia troppo tardi.
Ci vediamo Sabato 14 alle ore 15 in Piazza Castello per attraversare le strade di Abbiategrasso (MI).

NO TANGENZIALE – IL PAGIANNUNZ NON SI TOCCA!

Importante manifestazione ad Abbiategrasso

Un pensiero su “Importante manifestazione ad Abbiategrasso

  • 22 Novembre 2019 alle 15:05
    Permalink

    Il parco dell’Annunciata ,area umida da 50 ettari a cavallo tra via Paolo VI (lungo la piccola tangenzialina di Abbiategrasso difronte al Naviglio grande),che tutela un habitat importante per gli uccelli è già entrato nella rete ecologica della ex Provincia di Milano. Nella città di Abbiategrasso, oltre all’area industriale dismessa della Mivar, Siltal di Via Pontida e a quella della Sesi Dabb, molti capannoni abbandonati con strade dissestate con buche si trovano al Quartiere Mirabella. Un altra area industriale dismessa degradata si trova nel Quartiere Ertos sempre ad Abbiategrasso, la Fonderia di Via Giovanni Pascoli. Mentre nella zona del centro commerciale il Globo, MC Donald pressi via Dante Alighieri, si apre un’area destinata a ospitare un’area artigianale. Un altro immobile vuoto poi è il chiuso centro commerciale Vivo tra Ozzero ed Abbiategrasso. E’ evidente che non ha più senso sigillare altro suolo agricolo ,naturale con nuovi ulteriori manufatti che poi con la crisi diventano dei rifiuti abbandonati ,dei non luoghi e discariche ,senza presidio e costi a carico dei cittadini.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy