Impianto biogas a Occhiò,
Italia Nostra
presenta un esposto

Come scritto nei giorni scorsi, in seguito a segnalazioni di Italia Nostra Milano Sud Est, la Polizia provinciale ha messo sotto sequestro l’impianto di biogas di Occhiò, frazione di San Giuliano.
Ma la sezione di Italia Nostra è andata oltre e ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica, e per conoscenza al Consiglio Direttivo del Parco Agricolo Sud Milano, per presunte irregolarità sull’impianto di produzione.
I dubbi della sezione Italia Nostra sono legati alle prescrizioni paesaggistiche che i vari enti competenti, tra cui il Parco Agricolo Sud Milano, hanno imposto per la realizzazione della struttura.


Impianto biogas a Occhiò,
Italia Nostra
presenta un esposto

Come scritto nei giorni scorsi, in seguito a segnalazioni di Italia Nostra Milano Sud Est, la Polizia provinciale ha messo sotto sequestro l’impianto di biogas di Occhiò, frazione di San Giuliano.
Ma la sezione di Italia Nostra è andata oltre e ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica, e per conoscenza al Consiglio Direttivo del Parco Agricolo Sud Milano, per presunte irregolarità sull’impianto di produzione.
I dubbi della sezione di Italia Nostra sono legati alle prescrizioni paesaggistiche che i vari enti competenti, tra cui il Parco Agricolo Sud Milano, hanno imposto per la realizzazione della struttura.

Puntualizzazioni

In primo luogo le altezze delle “cupole”: la delibera di autorizzazione impone che non superino l’intradosso dell’edificio più vicino. Tuttavia, una delle due cupole dell’impianto sembra essere molto più alta, tanto da essere ben visibili dagli abitati di Mezzano e dalla via Emilia.
Altra prescrizione riguarda le opere di mitigazione da realizzare prima dell’impianto: la piantumazione prevista, a meno che le piante non siano ancora più basse dell’erba, non è stata realizzata.
Anche la cabina dell’Enel avrebbe dovuto avere colori consoni alle caratteristiche del parco Agricolo Sud Milano e con copertura in coppi. Attualmente, la cabina è invece un prefabbricato color cemento e senza coppi. Anche i colori dei manufatti non sembrano rispettare le prescrizioni, come non sembra essere stata osservata la richiesta di compattare il più possibile i manufatti alle abitazioni.
Inoltre, è notizia dei primi di gennaio, sono state rilevate irregolarità relativamente ad alcuni scavi realizzati dietro l’impianto, scavi finalizzati apparentemente all’ampliamento delle strutture per cui era stata presentata richiesta di autorizzazione, poi negata dagli enti competenti.

Un esposto dettagliato, di cui attendiamo gli aggiornamenti che ci fornirà la sezione di Italia Nostra Milano Sud Est.

Esposto Italia Nostra biogas di Occhiò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy