Mobilitazione a Corbetta:
“Basta centri commerciali,
salviamo il bosco urbano”

A Corbetta è mobilitazione totale contro la decisione della giunta comunale di spazzare via il verde per costruire centri commerciali, edilizia residenziale e un nuovo stadio. Si tratta di aree extra Parco Sud, ma sul suo confine. Comunque è sempre il verde -quello che per gli amministratori è “spazio vuoto, da riempire assolutamente”- a essere inesorabilmente oggetto di speculazione.
In primis, vi è l’area del cosiddetto bosco urbano (nella foto), luogo di riferimento per gli abitanti di Corbetta divenuto punto di ritrovo e di svago, creato 23 anni fa da un prato incolto, ai tempi sistemato con decine di piccole piante ora rigogliosi alberi che simboleggiano la vita, il futuro, il rispetto del verde e dell’ambiente di questo comune del Parco Sud.

Mobilitazione a Corbetta:
“Basta centri commerciali,
salviamo il bosco urbano”

A Corbetta è mobilitazione totale contro la decisione della giunta comunale di spazzare via il verde per costruire centri commerciali, edilizia residenziale e un nuovo stadio. Si tratta di aree extra Parco Sud, ma sul suo confine. Comunque è sempre il verde -quello che per gli amministratori è “spazio vuoto, da riempire assolutamente”- a essere inesorabilmente oggetto di speculazione.
In primis, vi è l’area del cosiddetto bosco urbano (nella foto), luogo di riferimento per gli abitanti di Corbetta divenuto punto di ritrovo e di svago, creato 23 anni fa da un prato incolto, ai tempi sistemato con decine di piccole piante ora rigogliosi alberi che simboleggiano la vita, il futuro, il rispetto del verde e dell’ambiente di questo comune del Parco Sud.

Cemento a go-go

Su questo bosco, con la stessa logica che ormai impera tra i sindaci di ogni partito e colore (qui c’è una giunta PDL), l’amministrazione intende costruire un nuovo stadio, andando ad abbattere quello già esistente su un’area più pregiata: questo per favorire la costruzione di nuove case, incamerando soldi da oneri di urbanizzazione. C’è poi un’altra area comunale, ora destinata ad area verde e strutture pubbliche, che il Comune intende vendere per consentire l’insediamento di un centro commerciale. Di più: in un’altra zona si intende costruire un altro centro commerciale di minori dimensioni e un ulteriore agglomerato di palazzine residenziali.
Da sottolineare che la giunta, insediatasi di recente, nel programma elettorale inneggiava alla “crescita zero” e allo “stop del consumo di suolo”. E tante altre belle cose, ormai da non credere (niente di nuovo sotto il sole).
Ma i corbettesi urlano al tradimento e hanno deciso di non accettare passivamente le iniziative della giunta. E, coalizzatisi in un fronte comune, hanno avviato una serie di iniziative per informare i concittadini e hanno promosso una raccolta firme “Sì al bosco urbano, basta centri commerciali” per frenare la fame di cemento dei loro amministratori.
Come non essere d’accordo?

 

Corbetta, basta centri commerciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy