La Provincia di Milano delibera
gli ultimi orrori “gratuiti”
e… ha ancora un mese di vita

Persiste nell’emanare delibere che ammazzano l’ambiente, l’agricoltura e il paesaggio. Sì, e lo sta facendo addirittura “gratuitamente”, ovvero senza essere pagata dai cittadini con soldi pubblici, perché la legge che abroga le province chiede ai politici in carica di svolgere gli ultimi sei mesi di mandato a titolo gratuito. Riportiamo due tra gli ultimi “gioielli” firmati dalla giunta provinciale di Podestà: uno riguarda l’Ampliamento del Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) Est delle Cave nel territorio del Comune di Cernusco sul Naviglio, l’altro la trivellazione a Zibido San Giacomo.

La Provincia di Milano delibera
gli ultimi orrori “gratuiti”
e… ha ancora un mese di vita

Persiste nell’emanare delibere che ammazzano l’ambiente, l’agricoltura e il paesaggio. Sì, e lo sta facendo addirittura “gratuitamente”, ovvero senza essere pagata dai cittadini con soldi pubblici, perché la legge che abroga le province chiede ai politici in carica di svolgere gli ultimi sei mesi di mandato a titolo gratuito. Riportiamo due tra gli ultimi “gioielli” firmati dalla giunta provinciale di Podestà: uno riguarda l’Ampliamento del Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) Est delle Cave nel territorio del Comune di Cernusco sul Naviglio, l’altro la trivellazione a Zibido San Giacomo.

Partiamo dal PLIS Est delle Cave: come orgogliosamente annuncia la delibera, si dà il via libera all’ampliamento dello stesso, con l’inclusione di 236 ettari. Leggendo attentamente, però, si rileva che sono esclusi i 31mila mq -tra Carugate e Cernusco- destinati a un altro ampliamento: quello del centro commerciale Carosello, che, per fronteggiare l’arrivo del gigante Westfield a Segrate (170mila mq) vuole portare a complessivi 96mila il proprio.
Eppure il nuovo Piano territoriale di coordinamento della Provincia (PTCP), a marzo, aveva vincolato le aree in questione come “ambiti agricoli strategici” tanto che la Eurocommercial Properties, società olandese proprietaria del centro commerciale Carosello, aveva deciso di ricorrere al TAR contro questa decisione. La Provincia, in data 19 maggio aveva incaricato i propri avvocati di accettare la sfida. Che è stata persa… oppure, più plausibile, considerati i tempi, è probabile che si sia trovato un accordo con la società.
“In effetti – fanno sapere dal Forum Ambiente Area Metropolitana Parco est delle Cave – la delibera della Provincia esclude dal Parco le le aree interessate all’ampliamento del centro commerciale. L’operazione nel tempo è stata chirurgica e con l’atto finale di conferimento di nuove aree al Parco Est sono spariti circa 400.000 mq promessi dal Comune di Cernusco a partire dal 2007”. Per saperne di più, vai all’articolo “Il centro commerciale Carosello si allarga di 31mila mq su aree agricole e impatta su parte del Parco degli Aironi“.

L’Ok alle trivelle a Zibido San Giacomo

La seconda delibera riguarda il “Parere VIA (Valutazione Impatto Ambientale) regionale relativo al progetto di perforazione del pozzo esplorativo denominato “Moirago 1 Dir” nel Comune di Zibido San Giacomo”: la Provincia, lo scorso 25 novembre, decide di “approvare i contenuti della relazione tecnica, redatta dal Direttore del Settore Pianificazione Territoriale e Programmazione delle Infrastrutture, inerente le osservazioni allo Studio di Impatto Ambientale…” dando via libera al progetto (per leggere la delibera, clicca qui).
Di fatto, si va a smentire l’importante No espresso pochi giorni prima all’unanimità dal direttivo dell’Ente Parco Agricolo Sud Milano. Certo che queste premesse non consentono di essere ottimisti in merito alla decisione della Regione, che ha il pallino in mano!

 

La Provincia di Milano delibera gli ultimi orrori “gratuiti” e… ha ancora un mese di vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy