Milano, giardini condivisi “a richiesta”
segnalati da cittadini e associazioni
che se ne prenderanno cura

Avete notato sotto casa un angolo che potrebbe essere abbellito con fiori multicolori? O un’area abbandonata ricoperta da rifiuti che potrebbe diventare un inaspettato giardino? Forza, allora, fatevi avanti! Il comune di Milano mette a disposizione tutto l’occorrente per rendere più verde la città!
Già ora, Milano vanta otto giardini condivisi, ovvero luoghi verdi, anche di pochi metri quadri, “adottati” dai cittadini che hanno scelto di prendersene cura, rubando così spazio al degrado e all’abbandono.
Per favorire l’ulteriore sviluppo di questa passione per il verde dei milanesi, Palazzo Marino ha approvato venerdì 13 marzo una delibera che agevola e incentiva l’iniziativa di singoli, gruppi e associazioni.
Tra le novità vi è il fatto che sarà l’Amministrazione a farsi carico di tutte le spese necessarie per far nascere un giardino condiviso, utilizzando le risorse per la manutenzione straordinaria del verde. L’eliminazione di eventuali piante infestanti, la preparazione e zollatura del terreno, lo smaltimento di rifiuti, l’allacciamento idrico per l’irrigazione e tutti gli altri interventi preparatori non saranno più a carico dei cittadini trasformazione delle aree verdi sia possibile non solo in spazi degradati o abbandonati, ma anche in porzioni di territorio sottoutilizzate.
Anche la manutenzione delle piante ad alto fusto (potature, pulizia fogliame) e gli interventi di disinfestazione contro topi e zanzare saranno effettuati dai tecnici del Comune.

Milano, giardini condivisi “a richiesta”
segnalati da cittadini e associazioni
che se ne prenderanno cura

Avete notato sotto casa un angolo che potrebbe essere abbellito con fiori multicolori? O un’area abbandonata ricoperta da rifiuti che potrebbe diventare un inaspettato giardino? Forza, allora, fatevi avanti! Il comune di Milano mette a disposizione tutto l’occorrente per rendere più verde la città!
Già ora, Milano vanta otto giardini condivisi, ovvero luoghi verdi, anche di pochi metri quadri, “adottati” dai cittadini che hanno scelto di prendersene cura, rubando così spazio al degrado e all’abbandono.
Per favorire l’ulteriore sviluppo di questa passione per il verde dei milanesi, Palazzo Marino ha approvato venerdì 13 marzo una delibera che agevola e incentiva l’iniziativa di singoli, gruppi e associazioni.
Tra le novità vi è il fatto che sarà l’Amministrazione a farsi carico di tutte le spese necessarie per far nascere un giardino condiviso, utilizzando le risorse per la manutenzione straordinaria del verde. L’eliminazione di eventuali piante infestanti, la preparazione e zollatura del terreno, lo smaltimento di rifiuti, l’allacciamento idrico per l’irrigazione e tutti gli altri interventi preparatori non saranno più a carico dei cittadini trasformazione delle aree verdi sia possibile non solo in spazi degradati o abbandonati, ma anche in porzioni di territorio sottoutilizzate.
Anche la manutenzione delle piante ad alto fusto (potature, pulizia fogliame) e gli interventi di disinfestazione contro topi e zanzare saranno effettuati dai tecnici del Comune.

Cosa cambia in concreto?

“Il verde pubblico è un grande bene comune cui tutti possono partecipare dando il proprio contributo diretto – dichiara l’assessora al Verde Chiara Bisconti –. A Milano stiamo favorendo e accompagnando in ogni modo queste buone pratiche che, in tutte le aree urbane del mondo, vedono i cittadini protagonisti. Con questa delibera mettiamo a disposizione di tutti le risorse, le conoscenze e gli strumenti del Comune. Sarà l’Amministrazione a pulire e preparare le aree a proprie spese: un aiuto economico importante per piccole realtà del nostro territorio. Aggiungiamo un tassello in più alla nostra visione di città, e facciamo un altro passo in avanti nella costruzione di una nuova qualità della vita metropolitana”.
I Consigli di Zona redigeranno un elenco di aree dove potranno svilupparsi dei ‘giardini condivisi’, mentre fino ad oggi la pubblica amministrazione era tenuta esclusivamente a dare risposta a eventuali richieste. Con il nuovo ‘albo’ delle aree disponibili, quindi, il Comune, e in particolare le Zone, giocheranno una parte attiva nell’individuazione degli spazi. Non solo. La delibera estende le possibilità di intervento diretto, prevedendo che la trasformazione delle aree verdi sia possibile non solo in spazi degradati o abbandonati, ma anche in porzioni di territorio sottoutilizzate.
I giardini condivisi a Milano sono 8, per un totale di circa 34mila metri quadri, e precisamente:
1 – Oasi in Città – via Segantini – 14.500 mq
2 – Gattoparco – via Autari – 6.400 mq
3 – Giardino Nascosto – via Ponti – 2.035 mq
4 – Giardino Edibile – via Segantini – 3.468 mq
5 – Giardini in Transito – via Montello – 1.800 mq
6 – Isola Pepe Verde – via Pepe – 2.500 mq
7 – Orti di via Padova – via Esterle – 2.600 mq
8 – Frutteto del Conchetta – via Torricelli – 576 mq
Altri 5 sono in via di realizzazione in via Scaldasole, via San Bernardo, via Boffalora, via Morosini, via Statuto.

Perché anche i comuni della Città metropolitana non copiano?

 

Milano, giardini condivisi “a richiesta” segnalati da cittadini e associazioni che se ne prenderanno cura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy