L’agricoltura si svecchia
con donne e giovani dal tablet facile
E anche nel Parco Sud…

Giovani, donne e informatici: è l’identikit del “contadino urbano” della metropoli lombarda, disegnato da una ricerca del Politecnico di Milano e presentata lo scorso 22 ottobre nell’ambito della conferenza Metropoli Agricole promossa da Fondazione Cariplo. Viene inoltre messo in evidenza un aspetto poco conosciuto dai “non addetti ai lavori”: la città di Milano e le sue zone limitrofe sono tra le più importanti per l’agricoltura in Italia, collocandosi al secondo posto per coltivazioni, subito dopo Roma (che è addirittura la prima in europa). Milano città agricola? Un dato difficile da credere in quanto la metropoli lombarda è, almeno nell’immaginario comune, una città industriale, della moda, del design, dei grattacieli di City life.

Una curiosità sottolineata dalla ricerca è che, almeno sul fronte agricolo, la parità di genere è garantita. Infatti, al giugno 2015 sono 26.556 le aziende agricole in Lombardia, di cui circa 6.000 si trovano nell’area metropolitana di Milano e nelle aree agricole limitrofe (Infocamere, ottobre 2015). Di queste, praticamente la metà è guidata da donne: su 26.685 aziende, 13.226 sono al femminile. Più a ridosso della città di Milano

L’agricoltura si svecchia
con donne e giovani dal tablet facile
E anche nel Parco Sud…

Giovani, donne e informatici: è l’identikit del “contadino urbano” della metropoli lombarda, disegnato da una ricerca del Politecnico di Milano e presentata lo scorso 22 ottobre nell’ambito della conferenza Metropoli Agricole promossa da Fondazione Cariplo. Viene inoltre messo in evidenza un aspetto poco conosciuto dai “non addetti ai lavori”: la città di Milano e le sue zone limitrofe sono tra le più importanti per l’agricoltura in Italia, collocandosi al secondo posto per coltivazioni, subito dopo Roma (che è addirittura la prima in europa). Milano città agricola? Un dato difficile da credere in quanto la metropoli lombarda è, almeno nell’immaginario comune, una città industriale, della moda, del design, dei grattacieli di City life.

Lombardia agricola con parità di genere

Una curiosità sottolineata dalla ricerca è che, almeno sul fronte agricolo, la parità di genere è garantita. Infatti, al giugno 2015 sono 26.556 le aziende agricole in Lombardia, di cui circa 6.000 si trovano nell’area metropolitana di Milano e nelle aree agricole limitrofe (Infocamere, ottobre 2015). Di queste, praticamente la metà è guidata da donne: su 26.685 aziende, 13.226 sono al femminile. Più a ridosso della città di Milano, si scopre però che, nelle 6.000 aziende, solo il 20% è condotto da donne.
Tra gli agricoltori metropolitani i titolari di aziende sotto i 29 anni sono intorno al 12%, con una impercettibile crescita degli stranieri (Istat, 2014 su dati Censimento 2010). Sempre più giovani, pur avendo un percorso di studi spesso non specifico, scelgono di dedicarsi all’agricoltura. Ed è forse per la loro maggiore capacità di “cogliere le richieste del consumatore” che l’agricoltura è oggi sempre più multifunzionale: alle attività classiche di coltivazione e allevamento sono state affiancate iniziative sociali, didattiche, energetiche e agrituristiche. Anche la crescita dell’informatizzazione aziendale è probabilmente legata alla “forza giovane” entrata nel mondo agricolo.
La ricerca, inoltre, riscontra una grande attenzione per i prodotti di qualità come le produzioni Doc/Dop (Denominazione di origine controllata/Denominazione di origine protetta): ben 13.443 in tutta la regione si sono meritate queste tipologie di certificazione e il 5% si trova nell’area metropolitana e in quelle agricole limitrofe.

Anche nel Parco agricolo Sud Milano…

I dati della ricerca ben si attagliano all’identikit degli agricoltori del Parco Sud, esteso su 47mila ettari, di cui 38mila coltivati, con un ritorno economico di 420 milioni di euro. Sono oltre mille le aziende agricole del Parco e garantiscono un’ampia offerta: agricoltura intensiva (le realtà aziendali convenzionali con produzioni risicole, zootecniche specializzate in bovini da latte, da carne, suini e avicoli, orticole); agricoltura multifunzionale (aziende diversificate con realtà agrituristiche, ristorazione, ospitalità, fattorie didattiche ecc); agricoltura biologica come risorsa per le imprese che vanno incontro alle esigenze di un consumatore che ricerca cibi “puliti”. Più ci si allontana dall’agricoltura intensiva più le aziende garantiscono migliori risultati socio-territoriali, quali maggiore qualità dei prodotti e certificazione, qualità del territorio e del paesaggio.

Le ombre che oscurano il Parco Sud

Non vogliamo certo dimenticare i drammatici casi del Parco Agricolo Sud Milano, come i terreni avvelenati di Carpiano, l’impianto su 52mila mq per produrre 192mila tonnellate di fanghi con rifiuti pericolosi da spargere sui campi, tra Giussago e Lacchiarella; la Toem, la Vigevano Malpensa, il mega elettrodotto di Terna a Settimo nel Parco Sud, le trivellazioni a Zibido e tant’altro: tanti sfregi a questa nostra terra, ancora assediata da politici inetti, che acconsentono a progetti deleteri o rimangono ciechi di fronte  situazioni potenzialmente gravi per la salute pubblica, come a Carpiano e a Landriano, dove i sindaci meriterebbero la medaglia d’oro all’immobilismo!
Ma occorre anche guardare ai lati positivi. Sempre più amministratori, aziende e cittadini considerano il Parco agricolo Sud Milano una grande opportunità di sviluppo attraverso la valorizzazione del patrimonio che generosamente offre: agricoltura, storia, cultura, paesaggio!

L’agricoltura si svecchia con donne e giovani dal tablet facile E anche nel Parco Sud…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy