Vizzolo Predabissi

 

 

 

Comune del sud-est milanese, conta 3.971 abitanti distribuiti su una superficie territoriale di circa 5,67 kmq: di questi, 4,48 sono parte del Parco Agricolo Sud Milano. Attraversato dalla SS9 Via Emilia, Vizzolo Predabissi confina con la provincia di Lodi.
L’amministrazione comunale è retta da una giunta, che ha nella lista civica Viva Vizzolo Viva la forza politica di maggioranza e in Luisa Salvatori il sindaco.
comune.vizzolopredabissi@pec.regione.lombardia.it
www.comune.vizzolopredabissi.mi.it

 

Da vedere

Basilica di Santa Maria in Calvenzano
Si tratta della chiesa parrocchiale di Vizzolo Predabissi, costruita sul finire dell’XI secolo dai monaci appartenenti all’Ordine Benedettino Riformato di Cluny.
L’attuale struttura sorge, tuttavia, sopra due chiese di più antiche origini. Qui c’era, infatti, una piccola cappella, detta cella memoriae, che ricordava il luogo della morte o forse la tomba di un martire: scoperta nel corso di scavi effettuati tra il 1994 e il 1996, sembrerebbe risalire all’epoca paleocristiana (IV secolo). È stata inoltre rinvenuta una piccola chiesa orientata a ovest – e non a est, com’era invece tipico di tutte le chiese a partire dal VI secolo – secondo quanto già in uso nella Chiesa d’Oriente.
Nel corso dell’XI secolo, sulla precedente cella memoriae, è stata costruita un’altra piccola chiesa, con l’abside a est, dedicata a Santa Maria. Appartenuta, insieme ai territori circostanti, ad alcuni vassalli dell’Arcivescovo di Milano, fu in seguito donata ai monaci dell’Abbazia di Cluny, che decisero di costruirvi una chiesa per la loro comunità. Cominciarono dall’abside e continuarono con le navate, fino a coprire completamente la chiesa di Santa Maria. La nuova struttura fu edificata in stile romanico, con tre navate e una serie di pilastri alternati, forti e deboli.
Due le principali caratteristiche di questa chiesa: i mattoni utilizzati per edificarla erano di reimpiego, secondo una sorta di riciclaggio d’uso in tempi antichi; mentre l’opus spicatum, ovvero la disposizione dei mattoni, era “a spina pesce”. Quest’ultima, oltre a essere una tecnica decorativa, si prestava ad integrare l’uso di mattoni di diverso tipo e provenienza.
La chiesa è all’interno del circuito Strada delle Abbazie: luoghi di fede e di preghiera, ma anche capolavori architettonici e artistici e centri di comunità monastiche, che hanno avuto un ruolo determinante nello sviluppo agricolo del milanese. Visite guidate su richiesta a cura dell’Associazione In Agro Calventiano. Prenotazioni e informazioni: info@inagrocalventiano.it

 

Chiesa di San Pietro
Situata nel nucleo storico del paese, in via della chiesa, è stata per lungo tempo la chiesa parrocchiale di Vizzolo. Edificata a partire dal XIII secolo e oggetto d’interventi di restauro nel corso del XVII secolo, è caratterizzata soprattutto dal campanile romanico a due ordini di loggette. Sulla facciata è inoltre visibile un affresco, che raffigura la Basilica di Santa Maria in Calvenzano.

 

Feste

• La festa patronale, dedicata alla Madonna del Rosario, cade il 7 ottobre, giorno in cui gli uffici e le strutture comunali restano chiusi. La festa popolare, tuttavia, si tiene la domenica successiva, con una serie di iniziative ed eventi che animano vie e piazze del paese e che vedono coinvolte le varie associazioni attive sul territorio.
• Dalla seconda metà di giugno sino alla metà di luglio si tiene la manifestazione Rocktoberfest, incentrata sul concorso dedicato a gruppi musicali della scena rock emergente. Ogni sera, sul palco allestito nell’area feste di Vizzolo, si esibiscono sia i gruppi partecipanti al concorso sia altre band ospiti (tra cui cover band di tributo a grandi nomi del panorama rock italiano e internazionale). Presente anche un’area ristoro.

 

Vizzolo Predabissi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy