Incontro Sindaci a Roma su Vigevano Malpensa
Le richieste di miglioramento dei Comuni
mai pervenute ad Anas: rinvio di almeno sei mesi

28 gennaio 2017. Al momento, poiché è sabato, non abbiamo fonti dirette per aggiornarvi su quanto accaduto ieri a Roma, in merito all’incontro dei Sindaci al Consiglio tecnico sul progetto della superstrada di cui tanto abbiamo scritto per i suoi devastanti impatti sul territorio dei Parchi del Ticino e Agricolo Sud Milano. In attesa di approfondire direttamente con i Sindaci, riprendiamo l’articolo pubblicato da Ticino Notizie, quotidiano senz’altro attendibile.
Non è bianca né nera la fumata che scaturisce dall’incontro appena concluso al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici di Roma, di cui Ticino Notizie ha già anticipato stamani le linee guida e che si è ritrovato per discutere il progetto di collegamento stradale tra la SSS1 e la SS 494, tra Magenta e Vigevano (per l’accessibilità a Malpensa).
La notizia è la seguente: tutti i presenti, tecnici in primis, hanno riscontrato che il progetto della superstrada presentato stamani (che i Comuni hanno ricevuto solo nella tarda serata di ieri)  era e rimane carente, mancando- lo scrive il Consiglio Superiore nel parere che alleghiamo- importanti valutazioni di carattere idro geologico; nel progetto sono inoltre contenuti errori di valutazione, ha sostenuto il Consiglio Superiore, commessi sin dal 2014 e mai sanati né integrati. Le richieste di miglioramento e correttive dei Comuni, sostanzialmente, in questi anni non sono mai pervenute ad Anas.“Le considerazioni del territorio e le criticità sono emerse nel dibattito di oggi in modo chiaro. Tutti i Comuni, tranne…

Incontro Sindaci a Roma su Vigevano Malpensa
Le richieste di miglioramento dei Comuni
mai pervenute ad Anas: rinvio di almeno sei mesi

 

28 gennaio 2017. Al momento, poiché è sabato, non abbiamo fonti dirette per aggiornarvi su quanto accaduto ieri a Roma, in merito all’incontro dei Sindaci al Consiglio tecnico sul progetto della superstrada di cui tanto abbiamo scritto per i suoi devastanti impatti sul territorio dei Parchi del Ticino e Agricolo Sud Milano. In attesa di approfondire direttamente con i Sindaci, riprendiamo l’articolo pubblicato da Ticino Notizie, quotidiano senz’altro attendibile.
Non è bianca né nera la fumata che scaturisce dall’incontro appena concluso al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici di Roma, di cui Ticino Notizie ha già anticipato stamani le linee guida e che si è ritrovato per discutere il progetto di collegamento stradale tra la SSS1 e la SS 494, tra Magenta e Vigevano (per l’accessibilità a Malpensa).
La notizia è la seguente: tutti i presenti, tecnici in primis, hanno riscontrato che il progetto della superstrada presentato stamani (che i Comuni hanno ricevuto solo nella tarda serata di ieri)  era e rimane carente, mancando- lo scrive il Consiglio Superiore nel parere che alleghiamo- importanti valutazioni di carattere idro geologico; nel progetto sono inoltre contenuti errori di valutazione, ha sostenuto il Consiglio Superiore, commessi sin dal 2014 e mai sanati né integrati. Le richieste di miglioramento e correttive dei Comuni, sostanzialmente, in questi anni non sono mai pervenute ad Anas.“Le considerazioni del territorio e le criticità sono emerse nel dibattito di oggi in modo chiaro. Tutti i Comuni, tranne Cassinetta, hanno votato sì alla richiesta di revisione del progetto”, dichiara a caldo l’assessore Enzo Salvaggio di Magenta, presente col consigliere di Boffalora Paolo Porta, i sindaci di Albairate, Robecco e Cassinetta e tecnici di Regione Lombardia. “Ora, il nodo è capire quali saranno i tempi. L’iter progettuale va avanti, diciamo che si è perso del tempo. Ripartiremo dal dibattito di questo anno e mezzo. Si è parlato dell’espressione di un sì o no alla strada, ma il nodo non era questo, quando in realtà il nodo era tecnico. Di fatto, lo studio compiuto dai progettisti era molto debole. Ed è un peccato che non siano arrivate le richieste dei territori e che il progetto non le abbia contemperate: avremmo guadagnato parecchio tempo. Ora, quelle stesse richieste- a maggior ragione- restano la base di ripartenza da cui ricominciare. Speriamo non troppo”.
A sfilarsi è stata la sola … Cassinetta, che per bocca del sindaco Michele Bona ha ribadito il proprio NO al progetto Anas. Un sì alla richiesta di revisione è arrivato invece dal sindaco di Albairate, Pioltini. Qui sotto, il documento che contiene alcune delle riserve espresse dal Consiglio (organismo,lo ripetiamo, tecnico e non politico), la cui
attività consultiva  si esplica attraverso la redazione di pareri obbligatori sui progetti definitivi di lavori pubblici di competenza statale, o comunque finanziati per almeno il 50% dallo Stato, di importo superiore ai 25 milioni di euro, ai sensi dell’art.127 del Decreto legislativo 12 aprile 2006, n°163.
 Per i progetti delle opere strategiche e di preminente interesse nazionale, infatti, il Consiglio Superiore, ove obbligatorio ai sensi di legge o richiesto dal Ministro vigilante, esprime parere sui progetti preliminari.
Il Consiglio Superiore, inoltre, ove richiesto dagli Organi competenti, esprime parere:
    •    sui progetti delle opere pubbliche o di interesse pubblico di competenza statale, ai sensi delle disposizioni vigenti sulle costruzioni e infrastrutture strategiche;
    •    sulle linee fondamentali dell’assetto del territorio nazionale, sulle linee generali della programmazione delle grandi reti di interesse nazionale, portuali ed aeroportuali e sulle vie di navigazione di interesse nazionale, sui programmi di lavori pubblici.
Ora, per certi versi, si riparte dalle richieste di miglioramento al progetto del 2014. Entro quanto saranno riformulate? Difficile in meno di 4 o 5 mesi. A meno che avvenga un miracolo. A giugno, in diversi Comuni, si va al voto..

Incontro a Roma sulla Vigevano Malpensa Le richieste di miglioramento dei Comuni mai pervenute ad Anas: rinvio di almeno sei mesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy