Le nuove autostrade non attirano?
Viaggiate gratis, paga la Regione!
E per Teem e Brebemi sconti del 15%!

Il 24 gennaio verranno inaugurati il primo tratto della Pedemontana (tra Cassano Magnago e Lomazzo) e la nuova tangenziale est di Varese: per tutto il 2015 il pedaggio sarà pagato direttamente dalla Regione Lombardia! Lo ha dichiarato Maroni al quotidiano Il Giorno (Varese-Busto Arsizio) “È un regalo per Expo e per evitare problemi di circolazione”, fa sapere il governatore, “i cittadini non pagheranno nulla, i costi saranno sostenuti dalla Regione”. Cosa? Forse Maroni non ha chiaro da dove vangano i soldi che “mantengono” la Regione: sono prelevati direttamente dalle tasche dei cittadini che pagano le tasse! Mentre, al contrario, a Pedemontana, con un bilancio da voragine sono già stati “scontati” 349 milioni di tasse sotto forma di defiscalizzazione: un altro regalo, questa volta del governo, per tentare di frenare l’emorragia delle perdite di un project financing che avrebbe dovuto autosostenersi. Intanto Brebemi, pare di tasca propria, passa alla “promozione” dell’autostrada offrendo il 15% di sconto a tutti… non solo pendolari, come ha voluto il ministro Lupi per attenuare l’incremento delle tariffe di inizio anno.

Le nuove autostrade non attirano?
Viaggiate gratis, paga la Regione!
E per Teem e Brebemi sconti del 15%!

Il 24 gennaio verranno inaugurati il primo tratto della Pedemontana (tra Cassano Magnago e Lomazzo) e la nuova tangenziale est di Varese: per tutto il 2015 il pedaggio sarà pagato direttamente dalla Regione Lombardia! Lo ha dichiarato Maroni al quotidiano Il Giorno (Varese-Busto Arsizio) “È un regalo per Expo e per evitare problemi di circolazione”, fa sapere il governatore, “i cittadini non pagheranno nulla, i costi saranno sostenuti dalla Regione”. Cosa? Forse Maroni non ha chiaro da dove vangano i soldi che “mantengono” la Regione: sono prelevati direttamente dalle tasche dei cittadini che pagano le tasse! Mentre, al contrario, a Pedemontana, con un bilancio da voragine sono già stati “scontati” 349 milioni di tasse sotto forma di defiscalizzazione: un altro regalo, questa volta del governo, per tentare di frenare l’emorragia delle perdite di un project financing che avrebbe dovuto autosostenersi (i soci: Milano Serravalle – Milano Tangenziali SpA 78,97%, Equiter SpA 13,36%, Intesa Sanpaolo SpA 4,01%, Unione di Banche Italiane ScpA 3,34%, Par. Cop. Scarl 0,32%), ma che nel bilancio semestrale al 30 giugno 2014 presenta una perdita di 2.635.704 di euro, un rosso praticamente raddoppiato rispetto allo stesso semestre del 2013, ovvero 1.326.436 di euro.
Secondo le stime di Legambiente, il regalo di Maroni a Pedemontana ammonterebbe ad alcune decine di milioni di euro. Infatti, i due tracciati gratuiti per il 2015, costerebbero, rispettivamente, 2,20 euro e 0,70 centesimi per le auto, mentre per i mezzi pesanti 3,50 e 1,10 euro. E pensare che, in parallelo, la Regione taglia oltre 150 milioni per i trasporti pubblici!
Ricordiamo altresì che l’Unione Europea deve ancora pronunciarsi sulla “questione aiuti di Stato”, un’istanza presentata da Monica Frassoni, presidente dei Verdi Europei: se accolta la Pedemontana dovrà allora rinunciare alla defiscalizzazione!

Di fallimento in fallimento

Dal canto suo, Brebemi, unitamente all’arco Teem, nel tentativo di attirare gli automobilisti sulla propria autostrada, che registra transiti dimezzati rispetto alle previsioni, ha annunciato uno sconto del 15%: la promozione, che verrà introdotta a partire dal mese di gennaio 2015 e resterà in vigore sino al 31 maggio 2015, riguarda esclusivamente i caselli dell’asse autostradale costituito da Arco TEEM-A58 (sette chilometri) e da BreBeMi-A35 (63 chilometri). Lo sconto non è riservato solo ai pendolari, come previsto dal ma anche a tutti gli automobilisti e autotrasportatori.

Riuscirà la promozione a risollevare le sorti dell’autostrda deserta?

Le nuove autostrade non attirano? Viaggiate gratis, paga la Regione! E per Teem e Brebemi sconti del 15%!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy