Segrate, il sindaco Alessandrini
non si ferma e ricorre al Consiglio di Stato
contro sentenza del TAR che annulla il PGT

La smania edificatrice del sindaco di Segrate non accetta neppure le sentenze del Tribunale amministrativo regionale della Lombardia, che lo scorso 27 febbraio ha invalidato l’intero piano di governo del territorio (PGT) di Segrate, grazie a un ricorso presentato da cittadini, con l’appoggio di Legambiente e WWF.
Ma c’è di più. Il sindaco Alessandrini ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza, adducendo, tra le altre motivazioni, l’illegittimità di Legambiente Lombardia “per difetto di legittimazione e interesse ad agire” e  aggiungendo che il TAR “è incorso nel vizio di eccesso di potere giurisdizionale” (allegato il ricorso del sindaco). Le associazioni sono intenzionate a costituirci in giudizio per difendere le loro posizioni: e chiedono un sostegno economico…

 

Segrate, il sindaco Alessandrini
non si ferma e ricorre al Consiglio di Stato
contro sentenza del TAR che annulla il PGT

La smania edificatrice del sindaco di Segrate non accetta neppure le sentenze del Tribunale amministrativo regionale della Lombardia, che lo scorso 27 febbraio ha invalidato l’intero piano di governo del territorio (PGT) di Segrate, grazie a un ricorso presentato da cittadini, con l’appoggio di Legambiente e WWF. Pertanto, quanto previsto nel PGT in merito alle aree di trasformazione urbanistica (tra queste Golfo Agricolo e prati adiacenti) viene invalidato e quindi tali aree non sono più edificabili. Invece, come già segnalato da questo sito lo scorso 26 marzo, le ruspe sono entrate in azione per realizzare la viabilità di raccordo delle lottizzazioni volute dall’amministrazione comunale. I legali delle associazioni si sono immediatamente attivati e hanno inviato una diffida al Comune e alla Regione Lombardia affinché venga sospeso il cantiere. La diffida, purtroppo, ad oggi è rimasta senza risposta.

Il sindaco delegittima le associazioni e i cittadini

Ma c’è di più. Il sindaco Alessandrini ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza, adducendo, tra le altre motivazioni, l’illegittimità di Legambiente Lombardia “per difetto di legittimazione e interesse ad agire” e  aggiungendo che il TAR “è incorso nel vizio di eccesso di potere giurisdizionale” (allegato il ricorso del sindaco).
“Di conseguenza, siamo costretti a costituirci in giudizio per difendere le nostre posizioni- comunicano Legambiente, WWF e Comitato Golfo Agricolo-. Certamente ci batteremo in ogni modo per evitare gravissime e irrimediabili conseguenze per la popolazione e il territorio.” E, in particolare il Comitato Golfo Agricolo, aggiunge un appello: “I nostri legali ci hanno preventivato una spesa complessiva di circa 12.000 euro. Senza il vostro aiuto non possiamo: è l’ultimo atto di una battaglia epocale per difendere un bene comune. Aiutateci con un contributo economico”.
Noi, come Associazione per il Parco Sud, nel nostro piccolo, lo faremo. È vero, il territorio è un bene comune: se i sindaci aggrediscono quanto è nostro, è giusto difenderlo!

 c/c Webank intestato a Stefania Barontini, causale “Ricorso TAR”, IBAN:  IT85Y0558401795000000003166  

Segrate, il sindaco Alessandrini non si ferma e ricorre al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR che annulla il PGT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la Cookie policy